Maggio 25, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La strategia di allerta di 30 minuti della NASA contro gli eventi solari devastanti

La strategia di allerta di 30 minuti della NASA contro gli eventi solari devastanti

Le tempeste solari, note come brillamenti solari, sono fenomeni regolari per una stella gassosa come il nostro Sole. Questi potenti eventi non sono solo spettacoli spettacolari nei nostri cieli, ma rappresentano anche gravi minacce per la nostra civiltà dipendente dalla tecnologia. Ciò ha spinto la NASA a sviluppare un modello avanzato in grado di fornire un avviso di 30 minuti prima di una tempesta particolarmente distruttiva.

Capire le tempeste solari

Una tempesta solare si riferisce alle varie emissioni ed esplosioni del Sole, che sono parti normali del suo ciclo di vita, che in genere segue un ciclo di 11 anni. Queste esplosioni avvengono principalmente sulla superficie del Sole, all’interno della fotosfera, e comportano l’espulsione di materiale ionizzato in risposta all’accumulo di energia magnetica, principalmente attorno all’equatore solare. La gravità di queste tempeste può variare e sono classificate in modo simile alle tempeste terrestri come gli uragani.

L’evento Carrington: una prospettiva storica

La tempesta solare più potente mai registrata si è verificata nel 1859, conosciuta come Evento Carrington. Ha prodotto una magnifica aurora che ha illuminato il cielo notturno dai Caraibi alle cime innevate. L’evento è iniziato il 28 agosto con macchie solari visibili e in aumento con un massiccio bagliore il 1 settembre, causando disturbi diffusi, inclusi incendi e scosse elettriche nei sistemi telegrafici.

Sfide attuali e progressi tecnologici

Negli ultimi anni, la potenziale devastazione che tali tempeste possono provocare sulle infrastrutture elettriche e di comunicazione è diventata più evidente. Ad esempio, una grande tempesta nel 1991 portò a un’interruzione di corrente su larga scala in tutto il Quebec, in Canada. Per mitigare questi rischi, la NASA si è rivolta all’intelligenza artificiale. Il loro modello, chiamato Dagger, beneficia dei dati provenienti da più satelliti per monitorare l’energia solare e utilizza tecniche di deep learning per prevedere gli effetti delle tempeste solari in modo rapido e con una precisione senza precedenti.

READ  Archi giganti che potrebbero far impallidire tutto nell'universo

Pugnale: una nuova era della tecnologia predittiva

La capacità di DAGGER di fornire previsioni rapide potrebbe rivoluzionare la nostra risposta alle minacce solari. L’abilità predittiva del modello consente un tempo di consegna critico di 30 minuti, che potrebbe essere vitale per prepararsi e potenzialmente mitigare gli effetti di questi eventi solari. Inoltre, il sistema è progettato per prevedere non solo i tempi, ma anche le probabili aree di impatto geografico di queste tempeste.

In conclusione, mentre la nostra civiltà rimane in balia degli umori della nostra stella, sviluppi come Dagger offrono un’idea di come la tecnologia moderna possa aiutarci ad aspettare queste sfide celestiali e a prepararci per affrontarle.