Luglio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La sonda Mars rileva deboli segni di acqua sul pianeta rosso: ScienceAlert

La sonda Mars rileva deboli segni di acqua sul pianeta rosso: ScienceAlert

A prima vista, la superficie di Marte sembra piuttosto desolata. Il suolo è molte volte più arido dei deserti più aridi del pianeta, le temperature oscillano da un estremo all’altro e l’aria è estremamente rarefatta e tossica.

Tuttavia, ci sono ampie prove che un tempo il pianeta fosse molto più caldo e umido, con molta acqua corrente e stagnante sulla sua superficie. Nel corso del tempo, mentre l’atmosfera di Marte veniva lentamente strappata via, gran parte di quest’acqua è stata persa nello spazio e ciò che rimane è in gran parte concentrato attorno ai poli come ghiaccio glaciale e permafrost.

Per anni, le agenzie spaziali hanno inviato lander robotici, rover, orbiter e rover su Marte per saperne di più su quanto tempo e quanto è durata questa transizione. Secondo la missione cinese Tianwen-1, che include il rover Zhurong, potrebbe esserci acqua liquida su Marte molto più tardi di quanto si pensasse.

Secondo una nuova ricerca di Accademia Cinese delle Scienze (CAS), il rover Zhurong ha osservato ricche dune di sale in Utopia Planitia che mostravano crepe e croste, indicando che l’acqua potrebbe essere stata presente fino a poche centinaia di migliaia di anni fa.

Il gruppo di ricerca è stato co-guidato da Xiaoguang Qin e Xu Wang Laboratorio principale di geologia ed ecologia del Cenozoico presso l’Istituto di Geologia e Geofisica; E Shen Ren e Jianjun Liu Il laboratorio principale per l’esplorazione lunare e dello spazio profondo (Parte degli Osservatori Astronomici Nazionali).

A loro si sono uniti molti altri ricercatori di queste rispettive istituzioni e Facoltà di Scienze della Terra e Planetariee il Istituto di fisica dell’atmosfera. I loro risultati sono descritti in un articolo apparso su La scienza avanza Il 28 aprile.

READ  La missione della NASA offrirà una visione senza precedenti delle acque superficiali della Terra | NASA
Le Barchan Dunes di Marte, catturate con la fotocamera HiRISE di MRO. (NASA/HiRISE/MRO/LPL/UofA)

Come descrivono, il rover Zhurong ha osservato caratteristiche interessanti sulla superficie delle dune di Barchan in Utopia Planitia, un’enorme pianura e il più grande bacino di impatto del sistema solare. Queste dune sono una caratteristica distintiva dell’emisfero settentrionale di Marte simili alle dune di sabbia che compaiono nei deserti di tutta la Terra.

Ciò deriva dai forti venti che depositano la sabbia a forma di mezzaluna, con il lato curvo rivolto sottovento. Osservando una macchia di dune di sabbia nella parte meridionale di Utopia Planitia, Zhurong ha notato le croste, le crepe, i ciuffi e le lucide creste poligonali.

Il team ha concluso che queste caratteristiche si sono formate da piccole sacche d’acqua derivanti dallo scioglimento del ghiaccio o dalla neve mescolata con sali minerali. Una volta che l’acqua si è sublimata nell’atmosfera marziana, sono state lasciate dietro di sé chiazze di crosta dura e materiale sciolto, insieme a depressioni e creste. Come altre caratteristiche formatesi in presenza di acqua, sono state poi preservate dall’atmosfera estremamente fredda e secca di Marte.

Ma a differenza di altre caratteristiche risalenti a centinaia di eoni o miliardi di anni, il team stima che queste caratteristiche si siano formate tra 1,4 milioni e 400.000 anni fa (forse di recente).

Come spiegano nel loro articolo, il team è stato in grado di escludere la possibilità che fossero responsabili l’anidride carbonica congelata (“ghiaccio secco”) e i venti:

“Invece, l’uso di acqua salata dal gelo/neve sciolta è la causa più probabile. Questa scoperta fa luce sulle condizioni più umide del moderno clima marziano e fornisce importanti indizi per le future missioni di esplorazione alla ricerca di segni di vita sopravvissuta, specialmente a basse latitudini con temperature superficiali relativamente più calde e maggiore adattabilità.

Durante detto periodo, l’ambiente di Marte era lo stesso di oggi (cioè molto freddo e secco). Pertanto, questi risultati indicano che c’è stato un recente ciclo idrologico su Marte, che è molto più recente di quanto si pensasse in precedenza.

READ  Il dibattito su acqua e laghi su Marte sta diventando sempre più interessante

Il team ha anche eseguito simulazioni al computer e le ha combinate con le osservazioni effettuate da altre missioni robotiche. Questi risultati hanno indicato che le condizioni potrebbero essere adatte in altre regioni su Marte per la formazione di brina e ghiaccio durante determinati periodi dell’anno, portando a caratteristiche simili altrove.

Dune di sabbia visibili all'interno del cratere Gale su Marte in primo piano con il Monte Sharp sullo sfondo.
Il rover Curiosity della NASA esplora le dune di sabbia all’interno del cratere Gale con il Monte Sharp su Marte il 16 febbraio 2017. (NASA/JPL/Ken Kremer/Marco Di Lorenzo)

Ciò è coerente con le osservazioni fatte dalle missioni robotiche dalla NASA Vichingo 1 E 2 Missioni di esplorazione di Marte alla fine degli anni ’70. Tuttavia, gli scienziati erano dell’opinione generale che le gelate mattutine si verificassero solo in determinati luoghi e in condizioni molto limitate.

Questa scoperta indica che potrebbero esserci schizzi periodici di acqua liquida su Marte oggi in altre regioni, anche se la quantità sarebbe molto piccola. Come dicono gli autori dello studio:

“Questa scoperta evidenzia le condizioni più umide del recente clima marziano e fornisce importanti indizi per future missioni di esplorazione alla ricerca di segni di vita sopravvissuta, in particolare a latitudini più basse con temperature superficiali relativamente più calde e più adattabili”.

Questa scoperta potrebbe anche indicare che ci sono piccoli appezzamenti di terreno fertile dove la vita microbica esiste ancora oggi. Naturalmente, sono necessari ulteriori studi prima che tutto ciò possa essere affermato con sicurezza. Questi studi potrebbero dover attendere missioni future, poiché il rover non si è ancora risvegliato dal letargo.

Secondo Zhang Rongqiao, capo progettista di Tianwen-1, ciò è probabilmente dovuto all’accumulo di polvere sui pannelli solari del rover. Come le missioni Insight e Opportunity della NASA, ciò potrebbe impedire alla missione di funzionare di nuovo.

Dal suo decollo dal lander Tianwen-1 il 22 maggio 2021, il rover ha trascorso quasi un anno esplorando la superficie marziana prima di entrare in letargo il 20 maggio 2022. Poiché è progettato per funzionare solo per 90 giorni marziani (marziani) , o 93 Day on Earth, il rover è ampiamente sopravvissuto alla sua durata di vita.

READ  Stanotte inizia la pioggia di meteoriti Perseidi: dove guardare per vedere la scena spaziale | scienza | Notizia

Da 5 maggio 2022Zhurong è anche riuscito a percorrere 1.921 metri (1.194 miglia) attraverso la superficie. Se l’Agenzia spaziale nazionale cinese non è in grado di riattivare la sonda in breve tempo e decide di terminare la missione, Zhurong non avrebbe potuto scegliere una scoperta più profonda da lanciare!

Questo articolo è stato originariamente pubblicato da l’universo oggi. Leggi il L’articolo originale.