Febbraio 29, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La scoperta della mascella suggerisce che i mammiferi moderni siano originari dell’emisfero australe: ScienceAlert

La scoperta della mascella suggerisce che i mammiferi moderni siano originari dell’emisfero australe: ScienceAlert

Ci sono voluti più di due decenni e uno pandemia per Paleontologi Per mettere insieme i resti fossilizzati dei primi antenati dei mammiferi e scoprire che la loro evoluzione che ha portato agli esseri umani moderni potrebbe essere iniziata nell’emisfero meridionale, non nel nord come gli scienziati hanno a lungo pensato.

L’analisi di un piccolo gruppo di minuscole ossa mascellari fossilizzate con denti posteriori distinti capovolge la nostra comprensione di quando e dove i mammiferi moderni hanno evoluto i cefalopodi, secondo il team di ricercatori che li ha prodotti.

Il paleontologo Thomas Rich di Museums Victoria è un cacciatore di fossili di lunga data e coautore del nuovo studio.

Faceva parte del team che annunciò nel 1997, dopo 23 anni di ricerche, di aver trovato una delle spiagge australiane Mascella mammaria Con strani denti, come se ne sono visti solo dentro Europa e Nord America. Era la mascella di una piccola creatura simile a un toporagno che risale al periodo Cretaceo dinosauri Anche vagare.

Con il passare degli anni, sono emerse più ossa mascellari di mammiferi Mesozoico L’età è stata scoperta: in Madagascar, Argentina, India e, ancora, recentemente, in Australia.

Ciascuno di questi esemplari, che misura un pollice o meno, ha denti posteriori distinti. Secondo l’ultima analisi che li ha rivisitati, il fossile più antico precede quelli dell’emisfero settentrionale di circa 50 milioni di anni.

“Questa straordinaria serie di scoperte ha completamente cambiato la nostra teoria di lunga data sull’evoluzione dei mammiferi. In effetti, ha capovolto le nostre idee sull’evoluzione dei mammiferi”, Lui dice.

I piccoli denti coinvolti sono chiamati molari tribosfenici, che si incastrano dall’alto e dal basso per tagliare, schiacciare, perforare e macinare cibo per piante e prede di insetti.

READ  20 volte più veloce: lastre di ghiaccio possono collassare molto più velocemente di quanto si pensasse
Piccoli molari tribosfenici sulla mascella di un primo mammifero del periodo Cretaceo, trovato in Australia. (James Alcock / Museo australiano)

Durante la pandemia, gli stimati paleontologi Tim Flannery e Chris Helgen, capo scienziato dell’Australian Museum, hanno avuto l’idea di rivisitare i tre fossili australiani di mammiferi tribosfenici – più recentemente Rich descritto nel 2020 – e ha iniziato a setacciare la letteratura scientifica per vedere cos’altro potevano trovare.

Si sono resi conto che questi strani denti univano i fossili dei primi mammiferi trovati nell’emisfero meridionale e che l’esemplare argentino era il più antico del gruppo, milioni di anni più vecchio di qualsiasi fossile dei primi mammiferi trovato nel nord.

Da lì, tracciano una storia di origine alternativa per i mammiferi, i cui antenati avrebbero potuto saltare tra i continenti meridionali quando si unirono in un supercontinente chiamato Gondwana circa 125 milioni di anni fa prima di dirigersi a nord.

Sulla base dell’età dei fossili e delle loro somiglianze anatomiche, il team ritiene che rappresentino gli antenati di marsupiali più antichi (come i koala e i vombati australiani) e dei placentati (che includono gli umani), che hanno raggruppato come Mammiferi toro.

La nostra ricerca indica che Theria si è evoluta in Gondwana, prosperando e diversificandosi lì per 50 milioni di anni prima di migrare in Asia durante il primo periodo del Cretaceo. Spiegare Hegeln. Una volta in Asia, si sono diversificati rapidamente, riempiendo molte nicchie ecologiche.

Mappa che mostra la posizione dei fossili di mammiferi tribosfenici trovati nei continenti meridionali che hanno formato il Gondwana.
Fossili di mammiferi della specie Triphosphene sono stati trovati nei continenti meridionali, mostrati qui come Gondwana. (Flannery et al Alcheringa2022)

I ricercatori suggeriscono che i molari specializzati dei nostri primi antenati mammiferi potrebbero essere stati la chiave del loro successo evolutivo. Ma l’evoluzione dei primi mammiferi che sopravvissero ai dinosauri sì Gli scienziati sono stati a lungo affascinati Senza dubbio continuerà ad attirare un controllo costante.

In paleontologia, come qualsiasi altra scienza, il peso delle prove la dice lunga. Per più di 200 anni, la diversità dei mammiferi che abitano l’emisfero settentrionale e l’abbondanza di fossili trovati lì hanno portato gli scienziati a credere che gli antenati dei placentali e dei marsupiali abbiano avuto origine nel nord e si siano diffusi nel sud.

READ  La NASA ha deciso di non lanciare sonde per asteroidi già costruite - Ars Technica

Tuttavia, la ricerca mostra che la documentazione fossile potrebbe essere Pervertito da chi guarda dove. Per ora, tutto ciò che dobbiamo sfidare questa antica teoria sull’origine dei mammiferi è questa minuscola serie di minuscoli denti, e ci sono voluti diversi decenni per trovare anche quei sette esemplari.

Ricostruzioni in scala di grigi di denti di mammiferi tribosfenici mesozoici trovati nell'emisfero australe.
Ricostruzione di denti di mammiferi tribosfenici mesozoici trovati nell’emisfero australe. (Flannery et al Alcheringa2022/Museo australiano)

“È il pezzo più importante di ricerca paleontologica, da una prospettiva globale, che io abbia mai pubblicato, ma potrebbe volerci del tempo per trovare piena accettazione tra i ricercatori dell’emisfero settentrionale”, Lui dice Flannery.

Ha anche impiegato molto tempo per accettare i risultati dell’analisi. “Ho resistito alla conclusione il più possibile, ma le prove sono convincenti”, ha detto Flannery Raccontare Karen McGhee, redattrice di scienza e ambiente dell’Australian Geographic.

In effetti, non tutti i paleontologi ne sono convinti. Mentre Flannery e il suo team hanno visto questa nuova scoperta come una scoperta monumentale che capovolge la nostra comprensione dell’evoluzione dei mammiferi, il paleontologo della Flinders University Gavin Prideaux Lui dice Le loro conclusioni si basano su “frammenti di denti più piccoli e intelligenti” rispetto ai denti fossilizzati.

Come ha detto al Sydney Morning Herald, potrebbe esserci un’altra spiegazione evoluzione convergente: che questi molari tribosfenici possano essersi evoluti in pochi luoghi separati in tempi simili. “La giuria è ancora fuori”, ha detto Lui dice.

Lo studio è stato pubblicato in Alcheringa: un giornale australiano di paleontologia.