Febbraio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La russa Gazprom lascia la Germania nel mezzo della crisi energetica

La russa Gazprom lascia la Germania nel mezzo della crisi energetica

Un modello di pompa di benzina davanti al logo Gazprom in questa illustrazione presa il 25 marzo 2022. REUTERS/Dado Ruvik/Illustration

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

LONDRA (Reuters) – La russa Gazprom (GAZP.MM) Venerdì, ha detto che avrebbe ritirato le sue attività in Germania in un momento di crisi nelle relazioni energetiche vitali tra i due paesi sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina.

Il gigante del gas non ha fornito alcun dettaglio o spiegazione per la sua decisione di cessare la sua partecipazione in Gazprom Germania GMBH e tutte le sue attività, che includono filiali in Gran Bretagna, Svizzera e Repubblica Ceca.

Gazprom è nel mirino delle autorità di regolamentazione dell’UE da mesi per le accuse, che ha negato, di trattenere il gas che avrebbe potuto essere rilasciato a prezzi inferiori. Fonti questa settimana hanno affermato che le autorità antitrust dell’UE hanno fatto irruzione nei suoi uffici in Germania. Per saperne di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

“Penso che questo significhi che Gazprom sta aprendo il sipario sull’essere un partecipante attivo al mercato europeo del gas. Fondamentalmente sta tornando a casa perché non si sente più il benvenuto”, ha affermato Katya Yafimava, ricercatrice senior presso l’Oxford Institute for Energy Studies.

“Penso che Gazprom capisca che dovrà affrontare un ambiente politico e normativo ostile in Europa, e quindi vuole consolidare e gestire tutte le sue attività in un unico luogo: San Pietroburgo, molto probabilmente con il sostegno politico del governo russo”.

Yafimava ha affermato di non aspettarsi alcun impatto sulle spedizioni di gas russe in base a contratti a lungo termine. Una fonte di mercato in Germania che ha familiarità con il settore del gas russo ha concordato con tale valutazione.

READ  Perché la guida di FMC è un monito per tutti i ceppi agricoli, anche per i monasteri indomabili

L’impatto principale sarà sullo stoccaggio del gas, ha affermato, poiché Astora, una sussidiaria di Gazprom Germania, dispone di strutture con una capacità totale di 6 miliardi di metri cubi in Germania e Austria.

La fonte ha affermato che non era chiaro se il governo tedesco volesse intervenire e autorizzare qualcuno a gestirli, al fine di raggiungere i livelli di riempimento richiesti, e se ciò potesse suscitare l’opposizione legale di Gazprom. Astora non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

La mossa complica ulteriormente le relazioni energetiche tra Russia e Germania, il giorno dopo che il presidente russo Vladimir Putin ha firmato un decreto che impone il prezzo del rublo sul gas agli acquirenti di ciò che Mosca considera ostile.

Berlino rifiuta il cambiamento, poiché i contratti attuali sono denominati in euro e giovedì il suo ministro dell’Economia ha affermato che “Putin non lo ricatterà”.

La Germania fa affidamento sul gas russo per circa il 40% del proprio fabbisogno, ma ha aderito alle sanzioni occidentali contro Mosca sull’Ucraina, inclusa l’interruzione del gasdotto Nord Stream 2 Baltic, progettato per raddoppiare il flusso di gas russo direttamente in Germania.

Il quotidiano economico tedesco Handelsblatt ha riferito giovedì che il ministero dell’Economia tedesco sta valutando la confisca di Gazprom e Rosneft. (ROSN.MM) Unità nel paese tra le preoccupazioni per la sicurezza degli approvvigionamenti energetici. Per saperne di più

Il Cremlino ha dichiarato venerdì che qualsiasi mossa del genere sarebbe una violazione del diritto internazionale.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Vera Eckert e Christoph Stitz; Scrittura di Mark Trevelyan; Montaggio di William MacLean

READ  Il primo Blazer elettrico di Chevy parte da $ 47.000 e offre opzioni FWD, RWD o AWD

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.