Maggio 28, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La pianta in fiore “mangiatore di pecore” ha una reputazione formidabile

La pianta in fiore “mangiatore di pecore” ha una reputazione formidabile

Le piante in generale non hanno la reputazione di essere toste. D'altra parte, non molte persone ne hanno sentito parlare Puya chilensis E voci di exploit “mangia-pecore”.

P. chilensis Originario del Cile centrale, si trova solitamente sui pendii aridi delle Ande a un'altitudine compresa tra 300 e 1.000 metri (da 980 a 3.280 piedi). Appartiene alla famiglia delle piante delle bromelie, il che significa che è un parente stretto dell'ananas.

Ma, P. chilensis Non così amichevoli come i membri della famiglia della frutta. Le foglie appuntite della pianta sono armate di spine acuminate che possono catturare pecore, uccelli e altri animali di passaggio. Alla fine, gli animali intrappolati muoiono di fame e si decompongono alla base della pianta, rilasciando sostanze nutritive che vengono assorbite dalle radici, o almeno questa è l'ipotesi.

Non c'è molta letteratura scientifica sull'argomento, anche se ci sono resoconti molto simili di un altro membro dello stesso genere di piante che ha anche foglie appuntite: Boya RaimondiConosciuta come la “Regina delle Ande”.

UN Studio del 1980 Spiega come spesso si trovano uccelli morti all'interno del fogliame spinoso P. Raimondi. Nelle 17 piante trovate, i ricercatori hanno trovato un totale di 44 uccelli morti intrappolati all'interno, incluso un barbagianni deceduto.

“Quasi tutti gli uccelli morti erano saldamente alloggiati in numerose spine tra le foglie strettamente raggruppate o sul gambo alla base delle foglie”, hanno scritto gli autori dello studio.

“Il meccanismo di ciò è diventato chiaro quando abbiamo tentato (senza successo) di recuperare i corpi per l'identificazione. Il braccio vestito è stato immediatamente bloccato da diverse spine ricurve. “L'unico modo per liberare le coperture senza danneggiare la carne o gli indumenti è estendere il braccio nello stabilimento”, aggiungono.

READ  Il telescopio spaziale James Webb cattura una vista spaventosa dei Pilastri della Creazione

Questa strana osservazione ha portato i ricercatori a suggerire che la pianta possa ottenere sostanze nutritive dagli uccelli in decomposizione. “Abbiamo anche ipotizzato che le piante potrebbero trarre beneficio dalla loro associazione con gli uccelli assorbendo i nutrienti disciolti dagli escrementi degli uccelli e forse dalle carcasse in decomposizione degli uccelli intrappolati”, concludono.

scorso Gli scienziati hanno ipotizzato Almeno altre tre specie di bromelie possono utilizzare questa “strategia unica per acquisire sostanze nutritive”. Se fosse vero, ciò suggerirebbe che i membri della famiglia delle bromelie siano “proto-carnivori”, una caratteristica che potrebbe aver portato all'evoluzione di vere piante carnivore, come la Venere acchiappamosche e le piante carnivore.

Molto simile S. Raymondi, “mangiatore di pecore” P. chilensis potere prendere Tempo molto lungo per fiorire – ma quando accade crea una scena fantastica. Ci vogliono circa 15 anni per fiorire, poi produce una grande pianta gialla alta fino a 2 metri (6 piedi 7 pollici).