Maggio 29, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La NASA trova acqua e sostanze organiche in un campione di asteroide: possibili indizi sull’origine della vita

La NASA trova acqua e sostanze organiche in un campione di asteroide: possibili indizi sull’origine della vita

Ingrandire / Una vista dell’esterno del campionatore OSIRIS-REx. Gli scienziati hanno trovato prove sia di carbonio che di acqua nell’analisi elementare di questa sostanza. La maggior parte del campione si trova in ambienti chiusi.

NASA/Erika Blumenfeld e Joseph Aebersold

JOHNSON SPACE CENTER, Texas – Quando mercoledì hanno svelato i primi campioni recuperati da un asteroide, gli scienziati sono rimasti stupiti dalle possibilità di ciò che il materiale ci dirà sulle origini del nostro pianeta, e forse anche di noi stessi.

Dopo sette anni nello spazio, una piccola navicella spaziale che trasportava campioni dell’asteroide Bennu è atterrata nel deserto dello Utah alla fine di settembre. Dopo aver seguito procedure attentamente progettate per prevenire la contaminazione da parte della polvere di asteroidi e delle rocce provenienti dalla vita sulla Terra, i campioni sono stati trasferiti in una stanza pulita presso il Johnson Space Center di Houston due settimane fa. Da allora, gli scienziati hanno esaminato parte del materiale raccolto all’esterno del contenitore iniziale per ottenere alcune informazioni iniziali. Hanno rivelato alcuni dei loro primi dati durante un evento tenutosi al centro mercoledì.

“Ragazzi, ce l’abbiamo fatta davvero?”, ha detto Dante Lauretta, scienziato dell’Università dell’Arizona e ricercatore principale della missione OSIRIS-REx.

Gli scienziati non hanno ancora aperto il contenitore principale, un processo che si svolgerà nelle prossime settimane quando tutto questo materiale inizierà ad essere catalogato. Prima di lanciare questa missione, gli scienziati avevano affermato che il recupero di 60 grammi di materiale sarebbe stato considerato un successo. Mentre continuano gli sforzi per determinare la massa totale, Lauretta ha affermato che le stime preliminari indicano che la missione di cattura dell’asteroide ha raccolto circa 250 grammi di ghiaia e polvere dalla superficie di Bennu.

READ  Gli esperimenti HAARP potrebbero causare un'aurora artificiale sull'Alaska questo fine settimana

Una volta catalogato, il materiale verrà prestato in piccole quantità a 230 studiosi provenienti da 35 paesi membri dell’associazione. risorse, interpretazione spettrale, identificazione e sicurezza delle risorse, esploratore di regolite o il team di missione OSIRIS-Rex.

Scavando nelle nostre origini

Allora perché è importante recuperare campioni originali dalla superficie dell’asteroide? Ciò che è importante è che si ritiene che Bennu, un asteroide vicino alla Terra di circa mezzo chilometro di diametro, sia una capsula del tempo composta da rocce e sostanze chimiche che erano presenti quando i pianeti del nostro sistema solare si formarono più di 4 miliardi di anni fa. Studiando Bennu, gli scienziati stanno guardando indietro a quell’era primordiale in cui la Terra iniziò a trasformarsi da un mondo soffocante con un ambiente superficiale infernale in qualcosa di più simile a una palla di fango.

Intrappolare questi ciottoli e rocce con attrezzature sofisticate qui sulla Terra potrebbe consentire a Laurita e ad altri scienziati di rispondere a domande su come si sono formati pianeti terrestri come la Terra e Marte, e forse se gli asteroidi hanno seminato sulla Terra gli elementi essenziali per la vita.

In un’analisi preliminare di parte della polvere, Lauretta ha affermato che gli scienziati hanno vinto il jackpot con un campione che contiene circa il 5% di carbonio in massa e contiene abbondante acqua sotto forma di minerali argillosi idratati. È molto plausibile che tali asteroidi abbiano trasportato la stragrande maggioranza dell’acqua ora presente negli oceani, nei laghi e nei fiumi della Terra miliardi di anni fa.

Aprendo il coperchio di un campione di asteroide OSIRIS REx nell'Edificio 31, l'Astronomy Materials Processing Facility presso il Johnson Space Center.
Ingrandire / Aprendo il coperchio di un campione di asteroide OSIRIS REx nell’Edificio 31, l’Astronomy Materials Processing Facility presso il Johnson Space Center.

Robert Markowitz/NASA

Mettendo insieme le prove della polvere di asteroidi – sia acqua che molecole organiche – gli scienziati credono di poter capire meglio come la Terra sia passata da una palla di fango disabitata al mondo brulicante di vita di oggi.

READ  Un razzo SpaceX Falcon 9 è stato lanciato domenica con i satelliti Starlink

“Questo è materiale incredibile”, ha detto Daniel Glavin, un ricercatore coinvolto nella missione. “È pieno di materia organica. Se stiamo cercando molecole organiche biologicamente essenziali, abbiamo scelto l’asteroide giusto e riportato il campione giusto. Questo è il sogno di ogni astrobiologo.”

Aspetta, c’è di più

Oltre a esplorare le origini della Terra e forse la vita su di essa, i materiali ottenuti da questa missione forniranno informazioni su altre domande.

Ad esempio, la NASA e alcune aziende sono interessate a raccogliere risorse dagli asteroidi per supportare l’esplorazione umana nelle profondità del sistema solare. L’indagine approfondita di Bennu fornirà informazioni sulle risorse trovate in questo tipo di asteroide ricco di carbonio e su quanto sia difficile raccoglierle ed elaborarle per ottenere combustibile.

La NASA, ovviamente, è interessata anche alla difesa planetaria. Bennu fa parte di un piccolo sottoinsieme di asteroidi che orbitano al di fuori della fascia principale degli asteroidi tra Marte e Giove, ed è di grande interesse perché probabilmente si intersecherà con la Terra. Secondo gli scienziati, c’è una possibilità su 2.700 che Bennu colpisca la Terra tra oggi e settembre 2182.

Sebbene Bennu sia circa un ventesimo delle dimensioni del grande asteroide che spazzò via i dinosauri quasi 70 milioni di anni fa, è abbastanza grande da distruggere diverse città o provocare un enorme tsunami. Comprendere la natura di Bennu aiuterà scienziati e ingegneri a capire meglio come influenzare e modificare al meglio l’orbita degli asteroidi minacciati in futuro.

Una storia di classe

Il mondo è inondato di cattive notizie in questo momento, con i terribili conflitti in Ucraina e Israele che stanno attirando una grande quantità di discussioni internazionali. Ma la storia del recupero dell’asteroide è positiva. La NASA ha lavorato a stretto contatto con le agenzie spaziali in Giappone e Canada durante la missione e ha collaborato con scienziati in dozzine di paesi per studiare i materiali restituiti. Un simile sforzo unisce l’umanità, non la divide.

READ  Marte Elicottero Creatività 21 Assi Viaggio verso il Pianeta Rosso

“Perché lo facciamo?” ha chiesto retoricamente mercoledì l’amministratore della NASA Bill Nelson. “Perché alla NASA stiamo cercando di capire chi siamo, chi siamo, da dove veniamo e qual è il nostro posto in questo vasto spazio che chiamiamo universo.”

Questa non è la prima missione che riporta campioni da un asteroide. L’Agenzia spaziale giapponese è stata pioniera in questo campo. La piccola navicella spaziale Hayabusa 1 ha riportato sulla Terra 1.500 piccoli grani di asteroidi nel 2010, e un decennio dopo, la navicella spaziale Hayabusa 2 ne ha restituiti altri, circa 5 grammi, sulla Terra.

Ma il materiale recuperato da OSIRIS-REx è molte volte più abbondante e, con rocce più grandi incastonate nel campione, è probabile che fornisca dati scientifici più significativi. La meraviglia di OSIRIS-REx è che non sappiamo ancora cosa troveremo, ma siamo nel momento della ricerca allettante in cui possiamo essere sicuri che in futuro rimarremo abbagliati da queste scoperte. Mesi e anni.

Ciò che trovo più stimolante nelle grandi missioni scientifiche come questa è che mostrano ciò che l’umanità può essere al suo meglio. È necessaria un’ampia collaborazione internazionale, che riunisca provenienti da contesti e discipline diversi, per fare qualcosa che gli individui non possono fare da soli: andare oltre la culla della nostra civiltà per scoprire qualcosa di nuovo sul nostro mondo, sul nostro mondo e su noi stessi. .

Se lavoriamo insieme, possiamo fare grandi cose. Se lavoriamo insieme, il futuro della nostra specie è illimitato.