Febbraio 2, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La mancanza di uova sta spingendo i neozelandesi ad affrettarsi a comprare i propri polli


Hong Kong
Cnn

I prezzi delle uova sono saliti alle stelle in tutto il mondo nell’ultimo anno poiché l’influenza aviaria ha spazzato via i polli mandrie e ricadute da La guerra della Russia con l’Ucraina Aumentare i prezzi dell’energia e dei mangimi.

negli Stati Uniti d’AmericaI prezzi delle uova hanno superato di gran lunga l’aumento di altri generi alimentari, aumentando di quasi il 60% nei 12 mesi fino a dicembre rispetto a un anno prima. in GiapponeI prezzi all’ingrosso hanno raggiunto un livello record.

In Nuova Zelanda, che consuma più uova pro capite rispetto alla maggior parte dei paesi, la pressione è stata esacerbata dal cambiamento delle normative agricole. L’aumento dei costi ha scatenato una frenesia, poiché le persone cercano pollo online in modo da poter assicurarsi la propria scorta dal negozio di base.

Martedì, il popolare sito di aste locale Trade Me ha dichiarato alla CNN che le ricerche di polli e attrezzature relative alla loro cura sono aumentate del 190% finora questo mese, rispetto allo stesso periodo di un mese fa.

“Dall’inizio di gennaio, abbiamo visto più di 65.000 ricerche di polli e altri articoli correlati al pollo, come mangiatoie, gabbie e cibo”, ha dichiarato Millie Sylvester, portavoce dell’azienda.

anche carenza Ha causato un mal di testa particolarmente forte ai fornai del paese.

“Tutte le persone ora stanno cercando di comprare polli da portare a casa perché non possono avere uova”, ha detto Ron Van Til, proprietario di una panetteria vicino a Christchurch. Chi è il Ho dovuto adattare il modo in cui venivano fatti torte e cupcakes.

Van Til ha detto che sua sorella ha venduto “quattro polli nuovi di zecca” all’asta tramite Trade Me, ottenendo più del doppio del prezzo normale.

READ  La banca centrale svedese alza i tassi di interesse di 100 punti base

Questa tendenza ha portato i sostenitori del benessere degli animali a mettere in guardia contro gli acquisti d’impulso.

“I polli vivono a lungo”, ha affermato Gabe Cleese, CEO della SPCA in Nuova Zelanda. “Vivono da otto a 10 anni, a volte più a lungo a seconda della razza.”

Cleese ha anche notato che i polli non producono uova per tutta la vita e le loro abitudini di deposizione delle uova dipendono da fattori tra cui l’età e il clima locale.

Quindi se le persone prendono il pollo solo perché [they think] Avranno una scorta permanente di uova, il che non è il caso “, ha detto. “Stiamo chiedendo alle persone di considerarli come animali da compagnia, così come sono”.

Trade Me ha anche esortato i clienti sul suo mercato a prendere in considerazione eventuali acquisti.

“È importante che i nostri membri siano consapevoli delle responsabilità che derivano dal possedere polli e che siano ben attrezzati per prendersene cura”, ha affermato Sylvester in una nota.

Gli esperti di salute lo sono pesatura, anche. Secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), chiunque condivida un pollaio dovrebbe prestare particolare attenzione quando maneggia gli animali e le loro uova, soprattutto a causa dei rischi di germi associati alla salmonella.

La carenza di uova in Nuova Zelanda è stata collegata al tanto atteso cambiamento del Farming Act, entrato in vigore il 1° gennaio di quest’anno.

La legge vieta la produzione di uova da galline allevate nelle tradizionali “gabbie” o “batterie”, solitamente spazi metallici angusti che non forniscono sufficiente benessere alle galline, per me SPCA.

Per questo motivo, nel 2012 il governo ha annunciato il divieto di tali strutture.

READ  Apple sta avendo un grosso problema con la fabbrica di iPhone del suo fornitore in Cina

Ma Peter Hyde, un rappresentante del Ministero delle industrie primarie della Nuova Zelanda, ha detto alla CNN in una dichiarazione quando gli è stato chiesto dell’attuale carenza.

“I produttori di uova hanno avuto la possibilità di passare a gabbie di colonia, fienili e sistemi ruspanti”, ha aggiunto Hyde, direttore nazionale ad interim del dipartimento per il benessere degli animali e l’identificazione nazionale degli animali e la conformità alla tracciabilità.

Negli ultimi 18 mesi, ha affermato Hyde, il ministero è stato “in regolare contatto con gli operatori, visitando le aziende agricole che devono trasferirsi”.

Tuttavia, anche nel lungo periodo di tempo, l’embargo ha creato problemi di approvvigionamento, secondo alcune aziende.

La catena di supermercati neozelandese Foodstuffs ha imposto limiti temporanei al numero di uova che ogni cliente può acquistare.

“Questo è un cambiamento importante per l’industria della fornitura di uova”, ha detto alla CNN Emma Wooster, responsabile delle pubbliche relazioni dell’azienda. “Stiamo lavorando con i fornitori di uova per aumentare la nostra offerta di altri tipi di uova”.

Countdown, un altro importante rivenditore di generi alimentari, ha affermato che, sebbene attualmente non vi siano restrizioni sulla vendita di uova, incoraggerà i clienti a “acquistare solo ciò di cui hanno bisogno” per garantire un approvvigionamento adeguato a tutti.

Altre società sono state costrette a cambiare le cose.

Van Til, il proprietario del panificio, ha affermato che il suo team ha sostituito le uova fresche nelle ricette con ingredienti alternativi.

Il proprietario di lunga data di Rangiora Bakery ha visto i prezzi all’ingrosso delle uova fresche aumentare di circa il 50% rispetto a quattro mesi fa, spingendolo ad acquistare invece più uova essiccate.

READ  Futures Dow: un nuovo rally di mercato attende la decisione della Fed; AMD, Litio Levent Run Late Jump

Van Til ha anche sottolineato i cambiamenti in altri ristoranti locali, dicendo che alcuni caffè hanno iniziato a rimuovere alcuni piatti dai loro menu, quindi “invece di avere cinque elementi per la colazione [with] Due uova, puoi averne solo due.”

“E si spera che il cliente prenda i pancake o i waffle”, ha aggiunto. O qualsiasi altra offerta che ti viene in mente.