Dicembre 3, 2021

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La magistratura israeliana ha disposto il ritorno in Italia di un bambino presumibilmente rapito dal nonno

Aidan, 6 anni, l’unico sopravvissuto a un incidente in funivia sulle rive del Lago Magiore, è stato portato a Tel Aviv dal nonno. La magistratura israeliana ha deciso di estradarlo in Italia.

Lunedì un tribunale israeliano ha ordinato ad Aidan Brann di tornare in Italia Incidente in funivia a maggio Ha causato la morte dei suoi genitori ed è stato portato in Israele dal nonno materno Shmulik Belek all’inizio di settembre. Il quotidiano israeliano ha riferito che quest’ultimo aveva deciso di fare appello Harretz. Secondo l’AFP, il tribunale ha condannato Shmulik Belek a pagare 70.000 shekel (19.000 euro) per spese legali e spese legali.

Aidan Bran, 6 anni, è stato l’unico sopravvissuto a una caduta da una funivia a Stresa, una località balneare in Piemonte sulle rive del lago McGuire in Italia, il 23 maggio, che ha portato alla morte dei suoi genitori e dei suoi fratelli più piccoli, come così come i suoi nonni paterni. Nella tragedia hanno perso la vita 14 persone.

Aidan, gravemente ferito, è stato consegnato alla zia paterna dai tribunali italiani dopo l’incidente, mentre sua madre, che vive in Israele, ha avuto il diritto di visitare la sua famiglia. Il tribunale ha anche disposto la restituzione del passaporto in possesso della sua famiglia materna.

Avviata un’indagine sul rapimento

L’11 settembre il bambino è stato portato in Israele dal nonno materno su un jet privato, durante una visita ha dovuto portare il bambino dalla zia. Secondo un’inchiesta della stampa italiana Corriere della sera, Prima di imbarcarsi sul volo per Tel Aviv, si dice che Shmulik Belek lo abbia portato in Svizzera con un’auto a noleggio.

READ  Qualificazione CDM 2022: Lista Italia

Il giudice italiano ha aperto un’inchiesta sul rapimento, smentita dalla famiglia materna di Eaton Bran, ei genitori del ragazzo dicono che vuole crescere in Israele. Avevano 30 e 27 anni al momento della tragedia e si stabilirono in Italia quando il bambino aveva 1 mese. Il padre studiava medicina.

In un’intervista con Israeli Channel 12, Shmulik Belek piange: “Spero che un giorno Aidan cresca e dica: ‘Nonno, hai fatto tutto per me, mi hai salvato.’ Mia figlia, che un giorno mi incontrerà in paradiso, sarà orgogliosa di me per aver salvato suo figlio. La famiglia Belek non credeva che il nipote fosse stato rapito e disse che lo avrebbero trasmesso alla radio FM 103. “L’ho portato a casa.”

“Nessun vincitore, nessun perdente”

In Un post è stato pubblicato il 19 settembre, Harretz Belek ha denunciato la famiglia per aver utilizzato argomenti nazionalisti e religiosi – sottolineando l'”ebraismo” del ragazzo – e ha cercato di giustificare le loro azioni. “Per cambiare l’opinione pubblica e, cosa più importante, l’opinione dei giudici israeliani a loro favore”.

Questi argomenti alla fine non hanno convinto il giudice del tribunale della famiglia responsabile della risoluzione di questo importante caso. “La Corte non crede alle accuse del nonno secondo cui il ritorno in Italia del minore viola il dovere di protezione dei minori” Rimanda alla sentenza del tribunale. “Nelle circostanze descritte, nulla vieta che il minore venga rimandato al suo abituale luogo di residenza in Italia, dove devono essere chiarite le questioni circa il suo benessere e il suo futuro in senso lato”. Aggiunto il tribunale.

In un comunicato stampa Citato Harretz, Un avvocato della famiglia materna del ragazzo ha accolto con favore la sentenza del tribunale: “Anche se accogliamo con favore la sentenza della corte, crediamo che non ci siano vincitori o vinti in questo caso. Ethan lo è.

READ  Bollettino meteorologico. Immagini impressionanti di alluvioni, frane e maltempo hanno colpito anche l'Italia