Giugno 16, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La Fed innesca un rally del mercato segnalando un taglio dei tassi di interesse nel 2024

La Fed innesca un rally del mercato segnalando un taglio dei tassi di interesse nel 2024

Rimani informato con aggiornamenti gratuiti

L’indice di riferimento di Wall Street ha toccato i livelli più alti in quasi due anni dopo che il presidente della Federal Reserve Jay Powell ha inviato il suo segnale più chiaro secondo cui la banca centrale americana inizierà a tagliare i tassi di interesse nel 2024 e gli investitori hanno celebrato la prospettiva di minori costi di finanziamento.

La Fed ha mantenuto i tassi di interesse al livello più alto degli ultimi 22 anni, ma la decisione è arrivata insieme a nuove previsioni da parte dei funzionari della banca centrale che puntano a tagli di 75 punti base per il prossimo anno – una prospettiva più pessimistica per i tassi di interesse rispetto a quanto previsto in precedenza.

Anche i commenti di Powell dopo la decisione della Fed hanno segnalato un cambiamento nel tono della banca. È probabile che il tasso di interesse di riferimento sia ora “al livello o vicino al suo picco durante questo ciclo di inasprimento”, ha affermato.

La decisione del Federal Open Market Committee di mantenere i tassi di interesse tra il 5,25% e il 5,5% ha coinciso con la pubblicazione del cosiddetto dot chart della Fed, che mostrava che la maggior parte dei funzionari si aspetta che i tassi di interesse finiscano il prossimo anno tra il 4,5% e il 4,75%. .

I funzionari si aspettano che i tassi di interesse scendano ancora più in basso nel 2025, con la maggior parte dei funzionari che si aspetta che raggiungano un valore compreso tra il 3,5% e il 3,75%.

READ  Acquirenti per la prima volta sotto pressione da parte degli investitori: NPR

Queste aspettative di un ritmo più netto di tagli dei tassi di interesse hanno innescato un rally delle azioni statunitensi e un forte calo dei rendimenti dei titoli del Tesoro, con il rendimento a due anni che ha registrato il più grande calo giornaliero dal crollo della banca della Silicon Valley a marzo.

Il rendimento dei titoli del Tesoro a due anni, che si muove con le aspettative sui tassi di interesse, è sceso di 0,3 punti percentuali al 4,43% dopo l’annuncio della Fed. Mercoledì il rendimento dei titoli del Tesoro a 10 anni è sceso di 0,17 punti percentuali, ed è sceso ulteriormente durante gli scambi mattutini in Asia, rimanendo al di sotto del 4% per la prima volta da agosto.

L’S&P 500 è salito dell’1,4% chiudendo al livello più alto da gennaio 2022.

Giovedì mattina le azioni europee e i titoli di stato si sono uniti al rialzo. L’indice regionale Stoxx Europe 600 è salito dell’1,5%, trainato dall’aumento dei titoli immobiliari sensibili ai tassi di interesse. Il CAC 40 francese è salito dell’1,5%, mentre il FTSE 100 di Londra è salito dell’1,7%.

Il rendimento delle obbligazioni tedesche a 10 anni, il punto di riferimento per la zona euro, è sceso di 0,12 punti percentuali al 2,04%.

“Sono passati dall’aumento per un periodo più lungo a settembre al parlare di tagli dei tassi di interesse”, ha affermato Priya Misra, gestore di portafoglio presso JPMorgan Asset Management. “Erano dietro la curva dell’inflazione, ma forse vogliono essere davanti alla decelerazione”.

In una dichiarazione, la Fed ha chiarito i termini in base ai quali prenderà in considerazione “qualsiasi ulteriore stabilizzazione politica che potrebbe essere appropriata per riportare l’inflazione al 2% nel tempo” – un linguaggio più morbido che suggerisce che la banca centrale potrebbe non vedere un’ulteriore necessità di aumentare l’inflazione. nuovamente le tariffe.

READ  S&P 500 e Nasdaq chiudono al rialzo in una sessione instabile mentre i dati sull'inflazione incombono

Powell ha ribadito che la banca centrale è impegnata a procedere “con attenzione” con le future decisioni sui tassi di interesse, date le aspettative che la crescita economica rallenterà e che ci sono stati “progressi reali” nel combattere l’inflazione.

Ha sottolineato questo punto affermando che la Fed non vuole vincolare l’economia più a lungo del necessario.

“Riconosciamo il rischio di resistere troppo a lungo”, ha detto Powell, riferendosi all’attesa troppo lunga per tagliare i tassi di interesse. “Sappiamo che questo è un rischio e siamo molto concentrati per non commettere questo errore”.

In seguito ha aggiunto che la Fed non aspetterà che l’inflazione ritorni al 2% per iniziare a tagliare i tassi di interesse perché “vorrai ridurre le restrizioni sull’economia molto prima di ‘quel punto’ per non superare l’obiettivo”.

L’ultima decisione arriva mentre la Federal Reserve cerca di mantenere la politica monetaria sufficientemente restrittiva da spingere l’inflazione al di sotto del suo obiettivo del 2% senza danneggiare l’economia e causare troppe perdite di posti di lavoro.

Alcuni trader nei mercati dei futures si aspettavano che la Fed iniziasse a tagliare i costi di finanziamento già a marzo, anche se i dati sull’inflazione di questa settimana e un forte rapporto sull’occupazione di venerdì hanno alimentato ulteriori scommesse secondo cui i tagli inizieranno a maggio. Nel periodo che precede l’annuncio dei tassi di interesse di mercoledì, i trader scommettono che i tassi di interesse potrebbero scendere di oltre un punto percentuale l’anno prossimo.

Le previsioni sulla disoccupazione dei funzionari della Fed sono rimaste pressoché invariate rispetto a settembre, con i funzionari che si aspettano ancora che il tasso di disoccupazione aumenti solo leggermente al 4,1% nel 2024, dal 3,7% attuale.

Tuttavia, le stime dell’inflazione core, misurate dall’indice delle spese per consumi personali, sono leggermente scese, con i funzionari che prevedono che raggiungerà il 2,4% nel 2024 e il 2,2% nel 2025. A settembre, la previsione mediana mostrava un’inflazione al 2,6% nel 2025. 2024 e del 2,3% l’anno successivo.

Per prendere in considerazione tagli dei tassi, la Fed deve essere fiduciosa che l’inflazione stia tornando al 2% in modo sostenibile. Se il rallentamento della crescita dei prezzi al consumo fosse accompagnato da un forte aumento della disoccupazione, la logica alla base della riduzione sarebbe chiara.

La domanda incombente è cosa accadrebbe se l’economia reggesse mentre l’inflazione diminuiva. Alcuni funzionari come John Williams, presidente della Federal Reserve Bank di New York, e Christopher Waller, governatore della Federal Reserve, hanno suggerito che un allentamento della politica monetaria potrebbe essere ancora necessario in modo che i tassi di interesse, una volta adeguati all’inflazione, non diventino troppo restrittivo per famiglie e imprese. .

Report aggiuntivi di Kate Duguid a New York e Stephanie Stacey a Londra