Giugno 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

La 'cometa diabolica' criovulcanica ora visibile dalla Terra • Earth.com

La 'cometa diabolica' criovulcanica ora visibile dalla Terra • Earth.com

La cometa 12P/Pons-Brooks, conosciuta anche come cometa del diavolo e cometa “Madre dei draghi”, è attualmente visibile nel cielo notturno dell'emisfero settentrionale, offrendo uno spettacolo unico sia per gli astronomi dilettanti che per gli astronomi professionisti.

Questa cometa di tipo Halley, che orbita attorno al Sole ogni 71 anni e ha un nucleo di circa 30 chilometri di diametro, è nota per le sue impressionanti esplosioni di gas e polvere mentre viaggia attraverso il sistema solare interno.

La cometa 12P/Pons-Brooks

La cometa è conosciuta come la cometa del diavolo per via del suo caratteristico aspetto “cornuto”. Tuttavia, un cenno culturale più contemporaneo è stato dato alla sua associazione con i kappa-draconidi, uno sciame meteorico annuale relativamente modesto attivo da fine novembre a dicembre.

Come altre comete, 12P/Pons-Brooks è composta da una miscela di ghiaccio, polvere e materiale roccioso. Avvicinandosi al Sole, la cometa subisce una metamorfosi, poiché il ghiaccio al suo interno passa dallo stato solido allo stato gassoso.

Questo processo spinge gas e polvere dalla superficie della cometa e forma una nuvola in espansione e una coda caratteristica. Questa coda, formata e spinta dal vento solare, funge da indicatore visivo del percorso della cometa attraverso lo spazio.

Cosa sono le comete vulcaniche ghiacciate?

Le comete criovulcaniche sono un'affascinante classe di oggetti celesti che mostrano un'attività geologica unica. Queste comete non solo contengono la solita miscela di ghiaccio, polvere e roccia, ma contengono anche criovulcani, ovvero vulcani che eruttano con materiali volatili come acqua, ammoniaca o metano invece che roccia fusa.

I criovulcani si formano sulle comete quando il calore interno si accumula, facendo evaporare ed espandere le sostanze volatili all'interno della cometa. Questo aumento di pressione alla fine rompe la superficie della cometa, consentendo ai gas e ai liquidi di fuoriuscire in una drammatica esplosione.

L'importanza dell'attività criovulcanica

Lo studio delle comete vulcaniche ghiacciate fornisce preziose informazioni sulla composizione e sulla struttura interna di questi corpi ghiacciati.

Analizzando il materiale espulso durante le eruzioni criovulcaniche, gli scienziati stanno acquisendo una migliore comprensione delle condizioni all'interno delle comete e del ruolo che svolgono nella formazione e nell'evoluzione del sistema solare.

Esempi notevoli

Oltre a 12P/Pons-Brooks, uno degli esempi più famosi di comete vulcaniche ghiacciate è 12P/Pons-Brooks 29B/Shoasmann-Wachmann 1. Questa cometa mostra frequenti esplosioni, che si ritiene siano causate dall'attività criovulcanica.

Un altro esempio è La cometa 67P/Churyumov-GerasimenkoChe è stata visitata dalla navicella spaziale Rosetta dell'Agenzia spaziale europea. Le osservazioni di Rosetta hanno rivelato prove di attività vulcanica fredda sulla superficie della cometa.

READ  Hubble rileva un misterioso bagliore spettrale che circonda il nostro sistema solare

Mentre continuiamo a esplorare e studiare questi oggetti attraenti, le comete vulcaniche ghiacciate faranno senza dubbio più luce sui processi dinamici che modellano il nostro sistema solare.

Quando sarà visibile la diabolica cometa 12P/Pons-Brooks?

12P/Pons-Brooks è più visibile a fine marzo e inizio aprile. La cometa si trova sopra l'orizzonte occidentale nelle ore successive al tramonto e la visibilità della cometa è soggetta al suo livello di attività e alla sua vicinanza alla Terra.

Mentre a volte può brillare intensamente, altre volte può essere appena percettibile. La cometa di Satana raggiungerà il suo punto più vicino alla Terra nel giugno 2024, ma non sarà più visibile dall'emisfero settentrionale.

Due astronomi leggendari

Il nome della cometa porta l'eredità di due figure leggendarie, Jean-Louis Pons e William R. Brooks, che scoprì un numero enorme di comete.

Jean-Louis Pons

Pons, un astronomo francese attivo dal 1761 al 1831, è ricordato per i suoi notevoli contributi all'astronomia, in particolare per la scoperta di 37 comete tra il 1801 e il 1827 utilizzando apparecchiature da lui stesso costruite.

Questo risultato rimane fino ad oggi un record senza precedenti. Un esempio notevole della sua scoperta di comete avvenne il 12 luglio 1812, quando identificò un debole corpo celeste a cui mancava la caratteristica coda della cometa.

Nel corso del mese successivo, questo oggetto si illuminò notevolmente e la sua coda apparve entro il 15 agosto di quell'anno, segnando il suo picco di visibilità. L'orbita della cometa è stata calcolata in base alle precise osservazioni di Pons e gli astronomi stimano che il periodo della sua orbita solare sia compreso tra 65 e 75 anni.

In loco parentis. Brooks

William R. ha confermato Brooks, un astronomo anglo-americano con un record impressionante di 27 scoperte di comete, contraddisse inavvertitamente le precedenti osservazioni di Pons quando osservò la stessa cometa durante il suo viaggio di ritorno attraverso il sistema solare interno il 2 settembre 1883.

Inizialmente ritenuta una nuova scoperta, fu presto identificata come la cometa osservata da Pons 71 anni prima.

Esplosioni vive di gas e polveri

La cometa Satana divenne particolarmente famosa per le sue potenti esplosioni di gas e polvere durante il suo avvicinamento al Sole, visibili nel 1883, 1954 e 2023.

Si ritiene che i resoconti storici di oggetti celesti luminosi visti in Cina nel 1385 e in Italia nel 1457 siano avvistamenti precedenti di questa cometa, consolidando il suo posto negli annali dell'osservazione astronomica.

READ  Gli astronomi trovano un buco nero nel cortile cosmico

Antichi iceberg cosmici

Oltre al loro aspetto impressionante, le comete come 12P/Pons-Brooks rivestono un grande interesse scientifico.

Questi “antichi iceberg cosmici” sono resti degli albori del sistema solare e la loro composizione e i loro percorsi forniscono indizi sulla struttura del sistema solare primordiale.

I processi attraverso i quali le comete vengono attratte verso i pianeti interni dall'orbita esterna di Nettuno evidenziano la loro natura dinamica e le forze gravitazionali che esercitano all'interno del nostro vicinato cosmico.

Code caratteristiche delle comete

Le code distintive delle comete, causate dalla sublimazione del ghiaccio in gas sotto il calore del Sole, sono forse la loro caratteristica più distintiva.

Queste code, costituite da polvere e gas ionizzato, non sono solo affascinanti da osservare, ma sono parte integrante della nostra comprensione del comportamento delle comete e del loro impatto sull’ambiente terrestre, compreso il potenziale trasporto di acqua e materia organica sul nostro pianeta.

Osservazione e studio delle comete

Mentre 12P/Pons-Brooks rimane visibile dalla Terra e continua il suo viaggio attraverso il sistema solare interno, la cometa Satana serve a ricordare il vasto e dinamico universo di cui siamo una piccola parte.

Sottolinea inoltre l’importanza dell’osservazione e dello studio continui delle comete, perché contengono la chiave per comprendere il nostro posto nell’universo e i processi fondamentali che hanno modellato il nostro sistema solare.

Missioni dell'Agenzia spaziale europea per scoprire i segreti delle comete

IL Agenzia spaziale europea L’Agenzia spaziale europea (ESA) riconosce da tempo il valore scientifico ed esplorativo di questi antichi rover celesti.

Oltre alla cometa 12P/Pons-Brooks, l'Agenzia spaziale europea ha intrapreso diverse missioni per scoprire i segreti di comete e asteroidi.

L’obiettivo è far luce sulla formazione iniziale del sistema solare, sull’origine dell’acqua sulla Terra e sui potenziali pericoli che queste rocce spaziali rappresentano per il nostro pianeta. Alcuni di questi compiti includono:

La missione di Giotto

Lanciata nel 1986, Gioto è la missione pionieristica dell'ESA nello spazio profondo, progettata per avvicinarsi alla cometa di Halley e fornire le prime immagini ravvicinate del nucleo della cometa.

La missione di Giotto ha rivelato importanti scoperte, inclusa la scoperta di materiali organici sulla cometa di Halley, che indicano la complessa chimica del primo sistema solare.

Il successo della missione non si è concluso con Haley; Nel 1992, Giotto fu reindirizzato per avvicinarsi alla cometa Grigg-Skjellerup, passando a soli 200 km dal suo nucleo, migliorando la nostra comprensione della formazione e del comportamento delle comete.

READ  L'esplosione spaziale più potente mai rivelata uno sviluppo sorprendente: ScienceAlert

Missione Rosetta

Rosetta è la missione cometaria più famosa dell'ESA. Giunta nei pressi della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko nel 2014, Rosetta è diventata la prima navicella spaziale a orbitare attorno a una cometa e a seguirne da vicino il viaggio attorno al Sole.

Il lander Philae della missione ha effettuato il primo atterraggio sulla superficie di una cometa, fornendo dati preziosi sulla composizione e sull'attività della cometa. Lo studio approfondito di Rosetta su 67P ha fornito approfondimenti sulla natura delle comete e sul loro ruolo nella storia del sistema solare.

La missione di Era

Guardando al futuro, la missione Hera, il cui lancio è previsto nel prossimo futuro, fa parte di uno sforzo di collaborazione con la missione DART della NASA per testare le tecniche di deflessione degli asteroidi. Hera esaminerà da vicino gli effetti dell'impatto di DART sull'asteroide Demorphos, con l'obiettivo di trasformare questo esperimento in una valida strategia di difesa planetaria.

Studiando l'orbita e la superficie mutevoli di Dimorphos, Hera svolgerà un ruolo fondamentale nel preparare l'umanità a difendersi da potenziali minacce di asteroidi.

Obiezione della cometa

La lungimirante missione Comet Interceptor dell'ESA, il cui lancio è previsto per il 2029, mira a catturare una cometa progenitrice che entra per la prima volta nel sistema solare interno. Questa missione mira a studiare una cometa che è stata leggermente alterata dal calore del Sole, che potrebbe fornire uno sguardo diretto sui materiali e sulle condizioni che esistevano agli albori del sistema solare.

Prendendo di mira una cometa così “incontaminata”, Comet Interceptor spera di sfruttare l’eredità di Giotto e Rosetta, fornendo nuove informazioni sulle origini e sull’evoluzione del nostro sistema solare.

Menzione speciale – Soho

Mentre si concentrava principalmente sull'osservazione dell'energia solare, l'Osservatorio Eliosferico (SOHO) dell'ESA/NASA è diventato un improbabile cacciatore di comete, scoprendo migliaia di comete che rasentano il Sole nel suo avvicinamento finale al Sole. Il ruolo inaspettato di SOHO nella scoperta delle comete evidenzia la natura dinamica e interconnessa dei corpi celesti nel nostro sistema solare.

—–

Ti piace quello che ho letto? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere articoli accattivanti, contenuti esclusivi e gli ultimi aggiornamenti.

Visitaci su EarthSnap, un'app gratuita offerta da Eric Ralls e Earth.com.

—–