Febbraio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Juno della NASA cattura immagini straordinarie della luna vulcanica di Giove, Io, nel suo sorvolo più vicino finora

Juno della NASA cattura immagini straordinarie della luna vulcanica di Giove, Io, nel suo sorvolo più vicino finora

La luna di Giove, Io, il suo lato notturno illuminato dalla luce solare riflessa da Giove, o “Jupitershine”. Credito immagine: NASA/JPL-Caltech/SwRI/MSSS, Emma Wälimäki © CC BY

NASALa navicella spaziale Juno di Juno ha effettuato il suo sorvolo più vicino alla Terra GioveLa luna di Io è in circolazione da più di due decenni e scatta immagini dettagliate con il suo strumento JunoCam.

La navicella spaziale Juno della NASA ha appena effettuato il sorvolo più vicino alla luna di Giove, Io, cosa che qualsiasi sonda spaziale ha fatto in più di 20 anni. Uno degli strumenti di questa navicella spaziale chiamato “JunoCam” ha restituito immagini straordinarie ad alta risoluzione e i dati grezzi sono ora disponibili per essere elaborati, migliorati e indagati.

Il 30 dicembreNel 2023, Giunone arriverà a circa 930 miglia (1.500 chilometri) dalla superficie più vulcanica del sistema solare. Ha effettuato il suo secondo sorvolo di Io il 3 febbraio. Il secondo sorvolo è avvenuto principalmente sull'emisfero meridionale di Io, mentre i precedenti sorvolavano il nord. C'è molto da vedere in queste foto! Ci sono prove di un pennacchio attivo, imponenti picchi montuosi con ombre ben definite, laghi di lava e alcuni con isole limpide.

Risolvere tutto questo sarà una sfida e gli scienziati di JunoCam hanno bisogno del tuo aiuto. Ex volontari della JunoCam come Gerald Eichstadt hanno visto le loro immagini elaborate apparire in diverse foto Pubblicazioni scientifiche E Dichiarazioni alla stampa.

Puoi trovare nuove immagini raw, vedere le creazioni di altri maghi delle immagini e inviare il tuo lavoro a: https://www.missionjuno.swri.edu/junocam/processing.

La navicella spaziale Juno è in orbita attorno a Giove

Una rappresentazione artistica della navicella spaziale Juno in orbita attorno a Giove. Credito: NASA

La missione Juno della NASA

La missione Juno, lanciata dalla NASA il 5 agosto 2011, è un progetto pionieristico di esplorazione spaziale volto a comprendere Giove, il pianeta più grande del nostro sistema solare. Gli obiettivi principali di Juno includono l'esplorazione dell'atmosfera di Giove, dell'ambiente magnetico, dei modelli meteorologici e della struttura per ottenere informazioni sulla sua formazione ed evoluzione.

READ  NASA Perseverance Rover: un fascio di fili trovato su Marte

La navicella spaziale, dotata di una serie di strumenti scientifici, è entrata nell'orbita di Giove il 4 luglio 2016, dopo un viaggio di cinque anni nello spazio. Uno dei suoi strumenti più importanti, JunoCam, fornisce immagini dettagliate delle nuvole e delle tempeste di Giove, fornendo viste senza precedenti dell'atmosfera del pianeta.

La missione Juno evidenzia l’importanza dello studio dei giganti gassosi per comprendere la storia del sistema solare e la formazione dei sistemi planetari in altre parti dell’universo. Esaminando da vicino la formazione di Giove, il campo gravitazionale, il campo magnetico e la magnetosfera polare, Giunone contribuisce in modo significativo alla nostra conoscenza dei processi fondamentali che hanno modellato il primo sistema solare.

Eruzione vulcanica sulla Io Voyager 1

La Voyager 1 della NASA ha ottenuto questa immagine di un'eruzione vulcanica su Io il 4 marzo 1979, circa 11 ore prima dell'avvicinamento più vicino della sonda alla luna di Giove. Credito: NASA/JPL

Io, la luna di Giove

Io è una delle lune più grandi di Giove e la quarta luna più grande del nostro sistema solare. È famoso per la sua intensa attività vulcanica, che lo rende il corpo più vulcanicamente attivo del sistema solare.

Io, scoperto da Galileo Galilei nel 1610, gioca un ruolo cruciale nella nostra comprensione dei processi vulcanici su altri mondi. La sua superficie si estende su centinaia di vulcani, alcuni dei quali emettono pennacchi di zolfo e anidride solforosa fino a 500 chilometri (circa 300 miglia) nello spazio. Questa intensa attività vulcanica è dovuta principalmente al riscaldamento delle maree derivante dalla sua interazione gravitazionale con Giove e le altre lune galileiane, Europa e Ganimede.

READ  Esisteva la vita su Marte e su altri pianeti? Forse lo sapremo presto

L'orbita di Io si trova all'interno del potente campo magnetico di Giove ed è anche soggetta a enormi forze di marea che lo piegano e lo riscaldano dall'interno, alimentando le sue costanti eruzioni vulcaniche. Queste caratteristiche geologiche creano un paesaggio dinamico e in continua evoluzione, con laghi di lava fusa, vaste colate di lava e imponenti pennacchi vulcanici, fornendo un laboratorio unico per lo studio dei vulcani extraterrestri.