Giugno 26, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Jamie Dimon, CEO di JP Morgan: il governatore della Fed Jerome Powell potrebbe alzare i tassi di interesse

Jamie Dimon, CEO di JP Morgan: il governatore della Fed Jerome Powell potrebbe alzare i tassi di interesse

Gli analisti attendono con impazienza il giorno in cui Jerome Powell annuncerà i tagli dei tassi di interesse, ma il CEO di JP Morgan Jamie Dimon teme invece che Wall Street possa affrontare un brutto shock.

Dimon teme che la Fed possa alzare i tassi di interesse più in alto del loro attuale picco in due decenni invece di abbassarli.

Non solo ciò provocherebbe un’onda d’urto, ma l’economia nel suo complesso non sarebbe preparata per questa decisione, ha affermato.

“Quando guardiamo al rischio e ai tassi di interesse, non sempre cerchiamo di indovinare quale sarà il futuro; [we are] “In un certo senso consideriamo una serie di risultati”, ha detto Damon Lo ha detto alla CNBC Durante il vertice globale della Cina di JP Morgan a Shanghai.

“Penso che i prezzi potrebbero salire un po’? Sì, lo faccio. E se lo fanno, il mondo è pronto per questo? Non proprio.”

È un avvertimento che va contro il consenso degli economisti.

All’inizio di questo mese, Reuters ha aggiornato un sondaggio in corso tra gli economisti a cui è stato chiesto quando si aspettano che la Fed inizi a tagliare i tassi di interesse. Quasi due terzi degli economisti intervistati, 70 su 108, ritengono che il primo taglio avverrà a settembre, in un range compreso tra il 5,00% e il 5,25%.

Queste aspettative si sono spostate rispetto alle previsioni più ottimistiche di appena un mese fa, quando 26 economisti dichiararono di aspettarsi un taglio a luglio e quattro a giugno. A maggio, 11 paesi stavano mantenendo i tagli di luglio, ma nessuno pensava che si sarebbe verificato un aggiustamento al ribasso a giugno.

READ  Il Boeing 737 MAX della Southwest Airlines entra in un "roll olandese" durante il volo da Phoenix a Oakland

L’inflazione è vischiosa

Anche se la posizione di Dimon può essere una deviazione dal consenso – il 68enne esperto finanziario dice che i banchieri si stanno “cullando” in un falso senso di sicurezza – la sua logica è familiare.

“L’inflazione potrebbe essere più persistente di quanto la gente pensi? “Penso che le probabilità siano più alte di quanto altri pensino”, ha spiegato “Soprattutto a causa della massiccia quantità di stimoli fiscali e monetari. E’ ancora nel sistema. Ciò potrebbe ancora spingere parte della liquidità che vedete, i mercati in rialzo, i prezzi di alcuni asset e cose del genere.

“Quindi sono solo cauto.”

In effetti, l’inflazione potrebbe non essere così costante come sperava la Fed. Gli ultimi dati del Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti per aprile hanno mostrato che l’IPC è aumentato dello 0,3% su base stagionale, dopo essere aumentato dello 0,4% a marzo.

Tuttavia, l’indice complessivo è aumentato del 3,4% durante i 12 mesi terminati ad aprile, un leggero aumento rispetto al 3,5% durante i 12 mesi terminati a marzo.

E mentre alcuni fattori stanno lavorando a favore della Fed – il Bureau of Labor Statistics ha riferito all’inizio di questo mese che i datori di lavoro statunitensi hanno aggiunto solo 175.000 posti di lavoro in aprile – Dimon non è il primo ad avvertire che la battaglia sull’inflazione della Fed potrebbe peggiorare prima che migliori.

L’anno scorso, il CEO di Citigroup Jane Fraser, che è tra i più alti in classifica fortunaLa lista delle donne più potenti del mondo ha dimostrato che, se la storia è una guida, la seconda parte del processo di contenimento dell’inflazione è sempre più difficile che raggiungere il declino iniziale.

READ  I miei soldi sono al sicuro? Quello che devi sapere sui fallimenti bancari

Lo scorso ottobre, ha affermato che “tutti i numeri” indicavano che l’economia era sull’orlo di un atterraggio morbido, ma ha aggiunto che la seconda metà del piano economico era “la metà più difficile”.

Dimon – che recentemente ha scioccato il mercato dicendo che potrebbe andare in pensione nei prossimi cinque anni – ha aggiunto che un’inflazione persistente potrebbe portare a quello che considera il risultato “peggiore” per gli Stati Uniti: la stagflazione.

Ha aggiunto: “Guardo l’insieme dei risultati e, ancora una volta, il risultato peggiore per tutti noi è ciò che chiamate stagflazione, tassi di interesse elevati, recessione. Ciò significa che i profitti aziendali diminuiranno e supereremo tutti i problemi. Voglio dire, il mondo è stato risparmiato da questo, ma penso che le probabilità siano più alte di quanto pensino gli altri.

Iscriviti alla newsletter quotidiana del CFO per rimanere aggiornato sulle tendenze, sui problemi e sui dirigenti che plasmano la finanza aziendale. Registrati GRATIS.