Giugno 26, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Jake Gyllenhaal afferma che essere legalmente cieco è stato “utile” per la sua carriera di attore: “Non sapevo nient’altro”

Jake Gyllenhaal afferma che essere legalmente cieco è stato “utile” per la sua carriera di attore: “Non sapevo nient’altro”

Jake Gyllenhaal ha parlato di essere legalmente cieco e crede che sia stato “utile” per la sua carriera sul grande schermo.

“Non ho mai saputo nient’altro”, ha detto il candidato all’Oscar, 43 anni. Lo ha detto all’Hollywood Reporter Mercoledì.

“Quando al mattino non riesco a vedere, prima di mettere gli occhiali, è qui che posso stare con me stesso”, ha detto.

Jake Gyllenhaal ha parlato di essere legalmente cieco e crede che sia stato “utile” per la sua carriera sul grande schermo. Rosalind O’Connor/NBC tramite Getty Images
Gyllenhaal è nato con un occhio pigro e questo è stato naturalmente corretto all’inizio della sua vita. Immagini Getty

Gyllenhaal è nato con un occhio pigro che si correggeva naturalmente presto nella vita e dipende dalle lenti a contatto da quando aveva sei anni.

La visione di Gyllenhaal è ora 20/1250

IL Fondazione americana per i ciechi (AFB) Il governo degli Stati Uniti ha stabilito che un’acuità visiva di 20/400 è una visione funzionale molto bassa.

Nel suo film del 2015 “Southpaw”, Gyllenhaal ha sfruttato la sua esperienza quotidiana di non riuscire a vedere chiaramente.

In una scena specifica, un agente di polizia dice al personaggio di Gyllenhaal che sua moglie è morta.

L’attore indossa lenti a contatto da quando aveva sei anni. Immagini Getty per Audi

Per rendere la sua reazione più realistica, Gyllenhaal ha scelto di non indossare le lenti a contatto nel tentativo di sentire meglio la sua stella.

L’attore di “Brokeback Mountain” ha parlato dei suoi problemi di vista nel 2017 Telegrafo A scuola veniva spesso vittima di bullismo a causa degli occhiali correttivi che indossava.

La visione di Gyllenhaal ora è 20/1250 e gli attribuisce il merito di averlo aiutato nella sua carriera di attore. ©MGM/Per gentile concessione della Collezione Everett

“Sono sempre stato un ragazzo sensibile”, ha detto, aggiungendo che era un “bersaglio facile” per i troll.

Ma si scopre che questi combattimenti lo hanno aiutato più avanti nella vita, poiché attribuisce loro il merito di averlo preparato a realizzare scene di combattimento sullo schermo.

In “Road House” di Amazon – il remake del regista Doug Liman del film di successo del 1989 con Patrick Swayze – Gyllenhaal ha affrontato il combattente UFC in pensione Conor McGregor.

“IO [got to] Jake Gyllenhaal lo ha lanciato sopra la traversa, quindi è stato molto divertente. L’ho adorato”, ha detto McGregor ha detto a Page Six alla première del film a marzo.

Il combattente 35enne ha anche elogiato l’attore che “ha preso uno o due colpi” durante le riprese, ma ha anche “restituito il favore”.

“Abbiamo avuto un ottimo rapporto. È stato molto paziente con me e molto disponibile”, ha aggiunto McGregor.