Giugno 25, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Italia: La domanda demografica è quanto pesa la spesa pubblica

“Semplicemente ci è venuto in mente allora. L’amara osservazione del capo dell’INSEE italiano Gian Carlo Blanciardo riflette una triste realtà:La popolazione italiana si ridurrà a meno di 60 milioni nel 2019 E accelera il declino. Alle 13:00C’è A gennaio 2021, il paese aveva una popolazione di 59,2 milioni, una cifra destinata a ridursi ulteriormente.

Questa situazione è prevedibile in un Paese dove l’immigrazione non è più compensata, registrando un saldo naturale negativo dal 1993. Immigrazione E difetti alla nascita. intervistato Corriere della sera Durante la Conferenza Nazionale di Statistica, Gian Carlo Blangiardo ha spiegato che le politiche dovrebbero “ridistribuire diversamente le risorse” tenendo conto di questo fattore.

I risultati sono particolarmente preoccupanti perché confermano la crescente disuguaglianza che sta vivendo l’Italia: il Paese ha perso un milione di persone tra il 2014 e il 2020, mentre l’azienda stima che entro la metà del XXIe Tra un secolo mostrerà un saldo naturale negativo annuo di 450.000 persone. Il problema con le previsioni passate è la loro eccessiva sicurezza. Nel 2010, l’INSEE ha previsto che, nel peggiore dei casi, la popolazione sarebbe stata di 53,5 milioni entro il 2065. Nel suo ultimo rapporto, pubblicato il 26 novembre 2021, la previsione era di 51 milioni. Persone nel 2050 – ancora una scena oscura.

“Dinamiche strutturali”. Gli effetti di questo sviluppo sono già visibili sulla spesa pubblica attraverso l’analisi del think tank Welfare Italia in collaborazione con Ambrosetti e Unipol Insurance Group. Tra il 2019 e il 2021 il costo delle pensioni è esploso da 259 a 309 miliardi di euro, analogamente alla cifra destinata alle politiche sociali (da 94 a 125 miliardi) e alla sanità (da 115 a 124 miliardi). Se questi aumenti sono dovuti alle epidemie, l’onere economico sarà ancora maggiore, afferma Lorenzo Tavassi del think tank Ambrosetti: “L’epidemia ha avuto un impatto, ma le dinamiche strutturali restano. Dobbiamo lavorare per mantenere il modello di sicurezza sociale più efficace con il miglior partenariato pubblico-privato. “

“Possiamo ridistribuire solo se abbiamo i mezzi per farlo. La chiave per questo è la crescita e il miglioramento del mercato del lavoro”.

Il capo dell’INSEE ha avvertito che l’aumento del numero degli anziani avrebbe un impatto sulla “sopravvivenza” del Paese, mentre il numero delle persone a carico potrebbe raddoppiare fino a raggiungere i 6,3 milioni in dieci anni, ovvero oggi. Circostanze in cui l’invecchiamento di una popolazione fa parte di un ambiente generale. Oggi il 23% degli italiani ha più di 65 anni e l’età media dei residenti (45,7) dovrebbe salire a 50,7 entro il 2050, a fronte dei due milioni di ultra 90enni, attualmente 900.000. Se sappiamo che il 32% delle persone di età superiore ai 65 anni ha una malattia cronica, possiamo aspettarci il peso del conto.

READ  «Plus dure de la vague» passé in Francia, levé des restrizioni sull'Italia, le point sul coronavirus

Assegni familiari. Rendendosi conto del problema della popolazione, il governo ha votato per un sistema globale di retribuzione familiare : Le famiglie ora ricevono tra 175 e 250 euro al mese per un bambino di età inferiore ai 21 anni, con un terzo “premio”. Secondo la democratica Sierra Kripoto, lavorare su un tasso di partecipazione femminile migliorerà la situazione nel Paese: “Ora è 18 punti in meno rispetto agli uomini. Secondo la Banca d’Italia si tratta di un ostacolo alla crescita: alzando questo tasso dal 48% al 60%, il PIL aumenterà di sette punti. Questo non vuol dire che le donne che lavorano hanno maggiori probabilità di avere figli e creare una famiglia.

Il piano di risanamento sta intervenendo in queste aree. Ad esso, secondo un’analisi di Think Tank Welfare Italy, saranno destinati 0,5 41,5 miliardi, ovvero il 22% del totale. Questi metodi consentono di migliorare il sistema di assistenza sociale rendendolo più rilevante per il progresso tecnologico quando si investe in formazione. Ma non basterà per far ripartire un’economia stagnante da vent’anni, come sottolinea Stefano Genovese di Unifolio: “Possiamo ridistribuire solo se abbiamo i mezzi per farlo. Per questo, la crescita e il miglioramento del mercato del lavoro sono le principali leve. “