Gennaio 25, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Italia e Svizzera aprono la strada al primo Mondiale… oltre confine

La Coppa del Mondo di Sci Alpino 2023 aggiungerà al proprio calendario una nuova pista, la Gran Pecca. Questo sarà il primo percorso transfrontaliero nel programma del Campionato del Mondo, attraversando sia la Svizzera che l’Italia.

La sua origine è alla Copa de Rollin, a 3.800 metri sul livello del mare a Germat, in Svizzera. La sua visita a Lucky Sim Bianca, 2.865 metri sopra Cervinia in Italia. Il Cran Pecca, 4 km di lunghezza e 1000 m di dislivello, diventerà la prima pista transfrontaliera per la Coppa del Mondo di sci alpino.

Il suo nome potrebbe essere sbagliato. Nella terra di Cervinia, il Cervino è spesso chiamato “Gran Pecca” – “questa grande vetta” in Franco-Provenza. Tuttavia, è uno svizzero Didier Defaco, il campione olimpico di discesa libera 2010, l’ha progettata interamente.

Come il suo progettista, il nuovo percorso è veloce. Gli atleti possono raggiungere una velocità massima di 135 km/h. “A parte il panorama unico, abbiamo creato una discesa con tutte le caratteristiche necessarie, con una vista mozzafiato sul Cervino: dai salti alle lunghe curve, dalle colonne scorrevoli agli elementi di velocità, c’è di tutto”., ispira il suo designer vallesano.

E il suo supporto ai designer non è diminuito. Perché “Gran Pecca” ha visto i migliori angeli del gioco dello sci alpino appoggiati alla sua culla. Di questi, un altro campione olimpico svizzero Birmin Surbrigan.

1988 Campione olimpico di discesa libera, quattro volte campione del mondo e quattro volte vincitore assoluto della Coppa del Mondo, Il padrino della nuova via per il mondo del cielo alpino.

“Per me, Ha spiegato ai nostri colleghi svizzeri della televisione locale vallesana Canale9, Era un sogno diventato realtà. E non solo per me. A tutti i concorrenti!”

Un sogno, forse, ma a quale prezzo per l’ambiente? In questa pagina, promettono i suoi inserzionisti, questo nuovo percorso sarà stabile. Innanzitutto, due terzi del percorso attraversano i ghiacciai, il che consente di sperimentare molta neve naturale.

READ  Fiat 500 Jolly elettrica a noleggio da Hertz in Italia

Inoltre, se il terzo inferiore del ghiaccio artificiale si rivelerà essenziale, sarà costituito al 100% da acqua di fusione mediante una nuova installazione, altamente efficiente ed ecologica.

Per il resto l’impegno è preso: il bosco non verrà disboscato, non saranno necessari nuovi impianti di risalita, e le strutture di ricovero e ristorazione esistenti saranno sufficientemente ampie da ospitare gruppi di sci, sponsor, giornalisti e spettatori. Dopo le gare, gli organizzatori promettono che non ci saranno strutture che non siano già utilizzate per il turismo.

Passato l’annuncio, sono due gli eventi che vedranno i migliori sciatori del mondo affrontare la Gran Pecca.

Nell’autunno del 2022 si svolgeranno qui due gare di Coppa dei Campioni di sci alpino. Seguiranno diverse gare di Coppa del Mondo, che si terranno per la prima volta nell’autunno del 2023.

“In Val d’Asta molte grandi vette prendono il nome da Becca, spiega Marco Moso, vicepresidente del comitato organizzatore e presidente della Federazione regionale sci valdostana. Ma ci sarà sempre un Cron Pecca.