Maggio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il vulcano Marabi in Indonesia ha eruttato per la seconda volta in poco più di un mese

Il vulcano Marabi in Indonesia ha eruttato per la seconda volta in poco più di un mese

Jevo Alputra/AFP

Il monte Marapi erutta materiale vulcanico dal suo cratere durante un'eruzione ad Agam, Sumatra occidentale, Indonesia, il 14 gennaio 2024.



CNN

Marabi Indonesia vulcano scoppiato per Ancora Lo ha detto domenica l'agenzia geologica del paese.

Secondo il Ministero dell’Energia e delle Risorse Minerarie, il vulcano di 2.891 metri (9.500 piedi) ha iniziato a eruttare alle 6:00 ora locale (18:00 EDT).

L'agenzia ha affermato che il vulcano nella provincia di Sumatra occidentale ha eruttato almeno due volte Reuters.

Reuters ha anche riferito che le case vicine, i veicoli e le tende di evacuazione allestite dall'agenzia locale per i disastri erano coperti di cenere vulcanica.

Adi Brima/Anadolu/Getty Images

La cenere vulcanica di Marabi è visibile in lontananza dalla regione di Tanah Datar a Sumatra occidentale.

Il ministero ha avvertito residenti e visitatori di non avvicinarsi a un raggio di 4,5 chilometri (2,8 miglia) dal cratere Verbeek dove si è verificata l'eruzione e ha chiesto ai residenti delle comunità vicine di indossare maschere in caso di caduta di cenere.

Reuters ha aggiunto che alcuni residenti si sono recati anche in strutture sanitarie per sottoporsi ad esami respiratori.

Una precedente eruzione del 3 dicembre uccise 23 escursionisti che si trovavano sulla montagna in quel momento e vide la cenere vulcanica sollevarsi nell'aria fino a 3.000 metri (9.843 piedi).

Il Monte Marapi è tra i vulcani più attivi dell'Indonesia, situato sull'Anello di Fuoco del Pacifico, che ospita 127 vulcani attivi, più che in qualsiasi altra parte del mondo.

È scoppiato 11 volte All’inizio del 21° secolo, l’evento più mortale, che uccise 60 persone, si verificò nel 1979.

READ  Ue divisa sulle sanzioni petrolifere alla Russia