Ottobre 1, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il telescopio spaziale James Webb mostra che il Big Bang non è accaduto?  aspettare…

Il telescopio spaziale James Webb mostra che il Big Bang non è accaduto? aspettare…

fisico Eric J. Lerner arriva al punto:

Per tutti coloro che lo vedono, le nuove immagini dell’universo del James Webb Space Telescope (JWST) sono meravigliosamente sbalorditive. Ma per la maggior parte degli astronomi e dei cosmologi professionisti, sono anche piuttosto sorprendenti, per niente ciò che la teoria prevedeva. Nel diluvio di articoli di ricerca astronomica tecnica pubblicati online dal 12 luglio, gli autori affermano ripetutamente che le immagini mostrano sorprendentemente molte galassie, galassie sorprendentemente lisce, sorprendentemente piccole e sorprendentemente antiche. Tante sorprese, non necessariamente piacevoli. Il titolo di un giornale inizia con un punto esclamativo: “Panico!”

Perché le immagini JWST stanno causando il panico tra i cosmologi? Quali sono le previsioni della teoria che la contraddicono? I giornali in realtà non lo dicono. Il fatto che questi documenti non menzionano è che l’ipotesi che le immagini JWST contrastino nettamente e ripetutamente è l’ipotesi del Big Bang che l’universo sia iniziato 14 miliardi di anni fa in uno stato molto caldo, denso ed in espansione da allora. Poiché questa ipotesi è stata difesa per decenni come un fatto indiscutibile dalla stragrande maggioranza dei teorici cosmologici, i nuovi dati stanno causando il panico di questi teorici. “Ora mi ritrovo sveglio alle 3 del mattino chiedendomi se tutto ciò che ho fatto fosse sbagliato”, dice Alison Kirkpatrick, un’astronoma dell’Università del Kansas a Lawrence.

Eric J. LernerIl Big Bang non è avvenuto” in IAI.TV (11 agosto 2022)

Anche se di solito non ne sentiamo parlare, c’era risentimento da parte di modulo standard, che inizia con la grande esplosione, Dal momento che è stato suggerito prima Giorgio Lemaitre Quasi un secolo fa. Ma nessuno si aspetta Telescopio spaziale James Webb per contribuire alla discussione.

Ora, Lerner è l’autore di un libro intitolato Il Big Bang non è avvenuto (1992) Ma – mentre questo lo rende una parte interessata – questo non lo rende sbagliato. parlerà Come entra la luce Festival di Londra (17-18 settembre 2022) patrocinato dall’Institute of Arts and Ideas (IAI), come partecipante a “Cosmologia e la Grande Statua” discussione.

READ  Nubi luminose circondano una stella che esplode nella splendida prima immagine di una missione della NASA

Il prossimo dibattito a cui partecipa il filosofo della scienza Bjorn Ekberg L’astrofisico di Yale Priyamvada Natarajan, Insieme a Lerner, come segue:

La teoria del Big Bang si basa principalmente sull’ipotesi dell'”inflazione” che inizialmente l’universo si espanse di molti ordini di grandezza più velocemente della velocità della luce. Ma gli esperimenti non sono riusciti a dimostrare la prova dell’inflazione cosmica e fin dall’inizio della teoria è stata esposta a profondi misteri. Ora uno dei suoi fondatori, Paul Steinhardt, ha denunciato la teoria come falsa e “scientificamente priva di significato”.

Dovremmo abbandonare l’inflazione cosmica e cercare un’alternativa radicale? Teorie alternative come il grande rimbalzo o l’abbandono della velocità della luce potrebbero fornire una soluzione? O tali alternative sono semplicemente intonacate per evitare la conclusione più radicale che sia ora di abbandonare del tutto il Big Bang?

Ecco una discussione su questo argomento generale del festival dell’anno scorso (ma senza i dati JWST). È caratterizzato da un fisico teorico Sabine Huseinfelder, autore perso in matematica: Come la bellezza porta allo sviamento della fisica, Con Ekeberg e un fisico delle particelle Sam Henry.

Quindi sì, è stato un argomento di discussione serio per un po’. Ora, cosa pensare dell’approccio di Eric Lerner? fisico sperimentale Rob Sheldon progresso Notizie sulle questioni mentali Alcune idee e una possibile soluzione:

L’opinione corrente è che l’era della nucleosintesi del Big Bang abbia prodotto il 75% di idrogeno, il 25% di elio (in peso) e un po’ più di litio, ma non di più. Quindi, dopo 300.000 anni, l’universo si è raffreddato abbastanza da produrre atomi, l’attrazione gravitazionale è lenta e le stelle si stanno lentamente formando. Le prime onde erano abbastanza grandi da esplodere e le onde d’urto inviate attraverso il gas idrogeno causarono sacche che iniziarono a formare seriamente stelle. Ma ci vogliono ancora 500 milioni di anni per avere abbastanza stelle per una galassia. Ora, prima si è formata una galassia, più si allontana nel tempo e si allontana dagli astronomi di oggi, e più è lontana da essa, più velocemente si allontanerà da noi. Questo movimento fa sì che la luce diventi rossa. Questa relazione è così forte che gli astronomi sostituiscono ‘tempo’ con ‘cambiamento rosso’. Ma il telescopio spaziale Hubble poteva vedere solo la luce visibile e quelle prime galassie erano così spostate verso il rosso da essere “visibili” solo nell’infrarosso, mentre il telescopio James Webb si illumina. Quindi uno degli obiettivi del James Webb Telescope era quello di vedere le prime galassie, e in effetti vedono molto.

Quindi cosa significa questo per il modello standard?

I teorici hanno una risposta. Troppa materia oscura che si accumula per far ammassare presto il gas idrogeno. Il che porta alla domanda: “Perché la materia oscura non si sta agglomerando ora?”

Non ho la resistenza per seguire tutte le tracce dei conigli suggerite dai cosmologi. Invece, suggerisco che le prime stelle non fossero fatte di idrogeno, ma piuttosto di ghiaccio. Il Big Bang ha sintetizzato abbondanti quantità di C e O che sono state combinate con H per formare H20, CO2, CH4, ecc. Questi gas si congelano relativamente presto nell’arco di tempo dell’universo, quindi l’agglomerato non era gravitazionale ma fisico-chimico, nello stesso modo in cui si formano i fiocchi di neve. Quindi non abbiamo dovuto aspettare 500 milioni di anni perché i fiocchi di neve si accumulassero, succede molto rapidamente una volta che l’universo si raffredda sotto lo zero. Quindi James Webb vede molte galassie spostate verso il rosso dall’universo primordiale.

Il documento su questo (e forse una previsione di ciò che James Webb troverà?) è nel mio Open Access carta in Comunicazioni del Blyth Institute nel 2021.

Questa è una possibile soluzione. Sappiamo che sa quando pone sempre sfide.

READ  Ascolta i suoni dolorosi di un buco nero

Questo a volte appare: l’universo è sempre esistito? Il problema è che se l’universo è esistito per un tempo infinito, allora tutto ciò che potrebbe accadere deve essere già accaduto un numero infinito di volte, incluso il fatto che non esistiamo e non siamo mai risorti. Ma sappiamo che esistiamo. come tale Robert J Marks Hanno puntato, gioca con l’infinito velocemente Si traduce in stupidità. Per fare scienza, dobbiamo accettare che alcuni eventi sono reali e non reciprocamente contraddittori. Quindi possiamo presumere che l’universo sia iniziato, ma ora siamo meno sicuri di come sia successo.


Ti potrebbe piacere anche leggere: Hanno i fisici aperto una porta a dopo i tempi supplementari, Come affermato? Ecco come viene letta la storia a Scientific American. Ma il fisico sperimentale Rob Sheldon dice che non è così veloce… I fisici, che hanno costruito “cristalli temporali”, si sono basati sulla tecnologia di correzione degli errori dei computer quantistici. Il resto è la storia in cui tutti vorremmo essere.