Ottobre 2, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il team della NASA è fiducioso che ucciderà con successo la sua navicella spaziale DART dopo una collisione di asteroidi

Il team della NASA è fiducioso che ucciderà con successo la sua navicella spaziale DART dopo una collisione di asteroidi

Ascoltare la frase “perdita di segnale” è solitamente associato a cattive notizie e sarà motivo di festa per il team dietro la navicella spaziale DART della NASA che dovrebbe colpire un asteroide lunedì.

La maggior parte dei veicoli spaziali della NASA sono negli ultimi anni o addirittura decenni, ma non la missione di testare il doppio reindirizzamento dell’asteroide. Questo robot spaziale ha un appuntamento con la morte.

L’amministratore della difesa planetaria della NASA Lindley Johnson ha detto ai giornalisti giovedì che era “molto fiducioso” che DART avrebbe raggiunto il suo obiettivo e avrebbe avuto successo.

Dopo essere stato lanciato lo scorso autunno con SpaceX, il veicolo spaziale delle dimensioni di un dispositivo ha inseguito il sistema binario di asteroidi Didymos per testare un piano di gioco per salvare la Terra quando una roccia spaziale gigante si dirige verso il nostro pianeta. Il metodo noto come teoria del collisore cinetico prevede l’utilizzo di DART come un ariete da 15.000 miglia all’ora e lo fracassa in Dimorphos illuminato dalla luna, che orbita attorno all’asteroide più grande Didymos.

Le immagini della missione Dart che distrugge gli steroidi dovrebbero essere “sorprendenti”

Circa 4 ore prima dell’impatto, DART opererà indipendentemente dal laboratorio di fisica applicata della Johns Hopkins University, che gestisce la missione per la NASA, spiega Elena Adams.

READ  100.000 lanci in Florida

Utilizzando un relativo sistema di navigazione chiamato SMART Nav, il DART si concentrerà su Didymos circa un’ora prima dell’impatto, quindi, lentamente, l’attenzione si concentrerà su Dimorphos più piccoli. Il veicolo spaziale restituirà le immagini a una velocità di circa un’immagine al secondo.

“Ci sentirai dire, ‘Siamo un blocco sottile’, il che significa che ora stiamo iniziando a ignorare Didymos, e andremo a Dimorphos… poi nei due minuti e mezzo prima l’effetto Smart NAV… si spegnerà e punteremo la fotocamera e faremo le foto più incredibili di questo asteroide che è Lo vedremo per la prima volta”, ha detto Adams.

Dimorphos, che è largo solo circa 530 piedi, non sarà completamente a fuoco e nitido fino a pochi istanti prima dell’impatto. L’ultima immagine verrà scattata circa 2,5 secondi prima che DART voli nell’asteroide. A causa del ritardo di 8 secondi dal segnale DART alla Terra, le immagini continueranno ad arrivare al Mission Operations Center nel Maryland.

Mentre lo farò DART inviare le foto fino alla fine, Il suo compagno satellite, un piccolo CubeSat italiano chiamato LICIACube, sorvolerà l’asteroide e continuerà a inviare immagini nei giorni e nei mesi successivi alla collisione. Anche il James Webb Space Telescope, gli osservatori a terra e altri veicoli spaziali potranno osservare l’impatto dell’asteroide a distanza.

Tom Statler, uno scienziato della NSA DART, afferma che il team ha una buona idea di cosa succede quando un veicolo spaziale atterra su un asteroide a causa delle missioni della NASA e della JSA su altri asteroidi.

“Sappiamo che Dimorphos interromperà DART per un motivo”, ha affermato Statler. “La densità della navicella spaziale DART non è in realtà molto diversa da quella di un asteroide. Quindi non c’è dubbio che DART colpirà un sacco di materiale che non riesce a togliersi di mezzo”.

READ  Il ritorno di un grande razzo cinese che è stato avvistato sull'isola del Borneo - Spaceflight Now

DART non cambierà l’orbita di Didymus. Mira a cambiare la velocità della giovane luna, Dimorphos, solo di una piccola frazione.

“Stiamo spostando un asteroide”, ha detto Statler, “stiamo cambiando il movimento di un normale corpo celeste nello spazio”. “L’umanità non l’ha mai fatto prima… Questa è roba da fantascienza.”

Perché la trama di Armageddon non è la migliore difesa dagli steroidi della Terra?

Edward Reynolds, direttore del progetto DART, ha affermato di non perdere il sonno per l’impatto imminente perché il team ha eseguito simulazioni e testato la navigazione del veicolo spaziale sin dal lancio, ma ciò non significa una collisione di un asteroide di 100 metri di diametro a 14.000 miglia per l’ora non è difficile. un compito.

“Facciamo le cose perché sono difficili”, ha affermato Reynolds. “Siamo al punto in cui la tecnologia emerge, quindi possiamo utilizzare queste tecnologie emergenti per proteggerci da queste minacce”. “Penso che ci siamo preparati per questo momento, ma non mi preoccupo per la navicella spaziale. Non preoccuparti per l’algoritmo”.

Se DART fa il suo lavoro, smetterà di inviare un segnale dopo le 19:00 ET di lunedì.

E poi festeggeremo”, ha detto Adams.