Maggio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il sostegno del candidato nazionalista turco a Erdogan preannuncia l’opposizione

Il sostegno del candidato nazionalista turco a Erdogan preannuncia l’opposizione

Il candidato presidenziale dell’Alleanza ATA Sinan Ogan ha annunciato che sosterrà il candidato presidenziale dell’Alleanza popolare, Recep Tayyip Erdogan, nel secondo turno che si terrà il 28 maggio 2023 ad Ankara, in Turchia.

Yavuz Ozden | foto di Dia Getty Images Notizie | Immagini Getty

Il presunto kingmaker alle elezioni presidenziali turche, candidato di un terzo partito il cui sostegno potrebbe essere verosimile a seguito del voto, ha dichiarato il suo sostegno al presidente in carica Recep Tayyip Erdogan, infliggendo un duro colpo all’opposizione e alle sue speranze di rovesciare il Presidente turco dopo due decenni. al potere.

Il candidato nazionalista turco Sinan Ogan, candidato alla presidenza alle elezioni turche del 14 maggio, ha espresso il suo sostegno a Erdogan lunedì scorso. Oğan ha ottenuto un sorprendente 5% dei voti alle primarie, superando le aspettative e diventando una figura necessaria sia a Erdogan che al suo rivale Kemal Kilicdaroglu, sperando di conquistare i voti dei suoi sostenitori.

Il paese di 85 milioni di abitanti ha un cruciale ballottaggio per le elezioni presidenziali il 28 maggio, senza che nessun candidato ottenga più del 50% dei voti. Erdogan, 69 anni, ha chiuso alla grande con il 49,5% dei voti. Kilicdaroglu, 74 anni, ha ricevuto il 44,9%.

L’esito del primo turno delle presidenziali turche è stato un duro colpo per l’opposizione, composta da sei diversi partiti guidati da Kilicdaroglu, che si candida per il cambiamento, la riforma economica, la tutela dei valori democratici e il rafforzamento delle relazioni con il Ovest.

Nonostante le sofferenze dell’economia turca, una forte svalutazione della valuta, l’inflazione elevata e la lenta risposta del governo a una serie di devastanti terremoti di febbraio che hanno ucciso circa 50.000 persone, Erdogan resta molto avanti. L’approvazione di Ogan è una notizia ancora più negativa per l’opposizione turca.

READ  Il massimo diplomatico cinese visita Mosca in vista dell'anniversario dell'invasione russa dell'Ucraina

“Annuncio che sosterremo il candidato dell’Alleanza popolare, il presidente Recep Tayyip Erdogan, e chiediamo agli elettori che hanno votato per noi al primo turno di votare per il signor Erdogan”, ha detto lunedì Ogan.

Ha detto che è stata una decisione presa “dopo deliberazioni e perché crediamo che sia la cosa giusta per il nostro paese e la nostra gente”.

Un anti-immigrato ultranazionalista, Ogan era un candidato presidenziale per l’Alleanza Ancestrale, una coalizione di partiti di destra turchi. In precedenza ha affermato che il suo sostegno dipenderà dall’indurimento della posizione di ciascun candidato nei confronti di immigrati, rifugiati e gruppi curdi che Ogan considera terroristi.

Di conseguenza, Kilicdaroglu ha pubblicato una lettera piena di retorica anti-immigrati, ma non è riuscita a impressionare Ogan ei suoi elettori.

“Difficile vedere un percorso verso la vittoria per Kilicdaroglu”, ha scritto su Twitter Timothy Ash, analista dei mercati emergenti presso Bluebay Asset Management.

Soner Cagaptay, uno storico della Turchia e membro anziano del Washington Institute, ha osservato che la maggior parte degli elettori del 14 maggio di Ogan proviene dalle stesse regioni dei più fedeli sostenitori di Erdogan. “Quasi identico al governo di Erdogan, il che significa la sua vittoria il 28 maggio!” Libri Cagaptay.

Altri hanno descritto Kilicdaroglu come di fronte a una “battaglia in salita” nella lotta per la vittoria.

Lo stesso Kilicdaroglu ha risposto all’annuncio di Ogan tramite commenti su Twitter.

“È chiaro chi sta dalla parte di coloro che svendono questo bellissimo paese”, ha scritto lunedì, anche nel linguaggio anti-immigrati della sua risposta. La Turchia ospita quattro milioni di rifugiati, per lo più siriani e afgani, molti dei quali sperimentano ripetuti episodi di razzismo.

READ  Joe Biden sollecita 'deterrenza e diplomazia' nella crisi ucraina - Mubasher | Notizie dagli Stati Uniti

“Stiamo venendo per salvare questo Paese dal terrorismo e dagli immigrati. Questo è un referendum”, ha scritto. “Non permettiamo più a nessuno di ingannare nessuno. Invito tutti i giovani e gli otto milioni di cittadini che non hanno votato a venire alle urne”.