Febbraio 28, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il principe Harry ha vinto una causa di hacking telefonico contro un importante quotidiano scandalistico britannico: NPR

Il principe Harry ha vinto una causa di hacking telefonico contro un importante quotidiano scandalistico britannico: NPR

Il principe Harry lascia l’Alta Corte dopo aver testimoniato a Londra, il 7 giugno 2023. Venerdì il principe Harry ha vinto la causa per hacking telefonico contro l’editore del quotidiano Daily Mirror e ha ricevuto più di 140.000 sterline (180.000 dollari).

Ken Cheung/AP


Nascondi didascalia

Attiva/disattiva didascalia

Ken Cheung/AP

Il principe Harry lascia l’Alta Corte dopo aver testimoniato a Londra, il 7 giugno 2023. Venerdì il principe Harry ha vinto la causa per hacking telefonico contro l’editore del quotidiano Daily Mirror e ha ricevuto più di 140.000 sterline (180.000 dollari).

Ken Cheung/AP

LONDRA – Il principe Harry britannico, che è stato perseguitato dai paparazzi per tutta la vita, ha ottenuto venerdì una vittoria legale contro un gruppo di giornali britannici che accusava di aver hackerato la sua segreteria telefonica all’inizio degli anni 2000 per ottenere uno scoop.

Questa è una rivendicazione per Harry, che ha in parte incolpato quella che lui chiama la cultura tabloid tossica della Gran Bretagna per le spaccature con la sua famiglia, la sua decisione di fare un passo indietro dal suo ruolo di reale senior e il suo trasferimento nel 2020 in California con la moglie americana, Meghan Markle. e i loro figli. .

L’Alta Corte di Londra ha stabilito che l’hacking telefonico era “diffuso e di routine” negli anni ’90 e all’inizio degli anni 2000 nei tabloid gestiti dal Mirror Group, e che i dirigenti dei giornali non solo ne erano a conoscenza, ma cercavano di insabbiarlo. Il giudice ha affermato che il cellulare di Harry è stato preso di mira specificamente tra il 2003 e il 2009.

READ  L'attrice Louise Fletcher muore a 88 anni

Quando ha testimoniato nel caso lo scorso giugno, Harry è diventato il primo membro della famiglia reale britannica in più di un secolo a comparire in un’aula di tribunale. Più di 100 celebrità si sono unite a lui come querelanti nella causa civile. È una delle numerose cause legali in corso per pirateria informatica.

Harry ha intentato una causa contro l’editore del libro Specchio giornaliero La sua pubblicazione gemella ha pubblicato più di 33 articoli che, secondo lui, erano basati su informazioni ottenute in modo non etico e illegale hackerando la sua segreteria telefonica. Il giudice si è pronunciato a favore di Harry in 15 di questi 33 casi, assegnandogli circa 180.000 dollari di risarcimento danni.

Gli articoli includevano storie personali sul dolore di Harry per la morte di sua madre, la principessa Diana, nel 1997, e sulle relazioni romantiche che aveva da adolescente. Uno era legato a un infortunio sportivo che aveva subito, di cui nessuno al di fuori dei suoi parenti stretti e dei suoi amici era a conoscenza. Harry ha detto che l’operazione di hacking ha creato un’atmosfera di sfiducia e sospetto tra le persone a lui vicine riguardo a chi stava divulgando informazioni ai media.

“Giornalismo di vendetta”

Harry ora vive in California e non è apparso in pubblico durante il procedimento di venerdì. In una dichiarazione letta dal suo avvocato fuori dall’aula, Harry ha definito questo “giornalismo di vendetta” e ha elogiato la sentenza.

L’avvocato David Sherborne ha citato le parole del principe: “Questo caso non riguarda solo la pirateria”. “Si tratta di una pratica sistematica di comportamenti illegali e spaventosi, seguita dall’insabbiamento e dalla distruzione delle prove – una scala orribile che può essere rivelata solo attraverso queste azioni”.

READ  Annunciata la lineup del Festival del cinema di Venezia - Elenco completo - Scadenza

La società madre di Mirror Group, chiamata Reach, ha rilasciato delle scuse. Notando che gli eventi in questione sono accaduti molti anni fa, ha detto che era ora di “andare avanti”.

“Laddove si sono verificati errori storici, ci siamo scusati senza riserve, ci siamo assunti la piena responsabilità e abbiamo concesso un risarcimento adeguato”, ha dichiarato il CEO di Reach Jim Mullen in una nota.

Mullen ha detto che spera che la sentenza di venerdì limiti le future richieste di risarcimento. La società ha stanziato circa 60 milioni di dollari per coprire casi legali relativi all’hacking telefonico.

Possibile account scandalistico

Ma gli analisti dei media dicono che invece di chiudere uno sordido capitolo nella storia dei media del Regno Unito, la sentenza di venerdì potrebbe essere l’inizio di una nuova resa dei conti per i tabloid britannici e i loro dirigenti.

“È una brutta giornata per i media britannici, che hanno cercato di nascondere la questione sotto il tappeto”, afferma l’analista dei media Eleanor Mills, ex caporedattrice del London Magazine. Il Times della domenica Giornale. “Altri gruppi giornalistici probabilmente saranno molto preoccupati”.

Nella sua sentenza di venerdì, il giudice Timothy Fancourt ha menzionato per nome uno specifico personaggio televisivo e giornalistico: Piers Morgan.

Morgan, nato in Gran Bretagna, è stato uno dei critici più duri di Harry, spesso prendendo in giro il principe e sua moglie in televisione. Ha invitato loro a perdere i titoli di Duca e Duchessa di Sussex.

READ  La star di 'House of the Dragon' Millie Alcock appare ubriaca sul palco dei Golden Globes

Morgan ora lavora presso Talk TV di News Corp, ma era un redattore per News Corp Specchio giornaliero Dal 1995 al 2004, negli anni in cui si scoprì che il tabloid era coinvolto in attività di pirateria informatica. Fancourt ha affermato nella sua sentenza che Morgan era tra i dirigenti del giornale che vennero a conoscenza della pratica.

Morgan non ha testimoniato in questo caso e ha negato qualsiasi illecito.

La produttrice della NPR Fatima Al-Qassab ha contribuito a questa storia da Londra.