Febbraio 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il portavoce del Cremlino afferma che il leader dell'opposizione Alexei Navalny si è trasferito in una colonia penale artica ma sta bene.

Il portavoce del Cremlino afferma che il leader dell'opposizione Alexei Navalny si è trasferito in una colonia penale artica ma sta bene.

Il leader dell'opposizione russa Alexei Navalny è stato imprigionato Per più di due settimane non si seppe dove si trovasseroLunedì gli alleati hanno detto che era stato trasferito in una colonia penale nell'Artico.

La scomparsa del più importante politico dell’opposizione russa, che ha mobilitato enormi proteste prima di essere incarcerato nel 2021, ha sollevato preoccupazioni tra gli alleati, i gruppi per i diritti umani e i governi occidentali.

Il leader dell'opposizione russa Alexei Navalny appare sullo schermo tramite collegamento video dalla colonia penale correzionale IK-2 di Pokrov durante un'udienza in tribunale a Mosca il 24 maggio 2022.

Evgenija Novozinina/Reuters


Ciò suggerisce la possibilità di trasferimenti di prigionieri, che potrebbero richiedere settimane in Russia, dove i prigionieri vengono spostati lentamente su rotaia tra strutture remote.

La sua portavoce, Kira Yarmysh, ha dichiarato sui social media: “Abbiamo trovato Alexei Navalny. Ora si trova nell'IK-3 nell'insediamento di Kharp nell'oblast autonomo di Yamalo-Nenets”.

Yarmysh ha aggiunto: “Il suo avvocato è andato a trovarlo oggi. Alexei è in buona salute”.

La regione di Kharib, abitata da circa 5.000 persone, si trova sopra il Circolo Polare Artico. Ivan Zhdanov, che gestisce la fondazione anti-corruzione di Navalny, ha detto che si tratta di “una delle colonie settentrionali e remote”.

“Le condizioni sono dure, con uno speciale regime di permafrost” e pochissimi contatti con il mondo esterno, ha detto Zhdanov.

Navalny è stato incarcerato per la prima volta dopo essere sopravvissuto a un attentato alla sua vita tramite avvelenamento. La corte ha esteso la sua condanna a 19 anni con l'accusa di estremismo e ha stabilito che fosse trasferito in un carcere più sicuro e più duro.

“Fin dall'inizio era chiaro che le autorità volevano isolare Alessio, soprattutto prima delle elezioni”, ha detto Zhdanov.

In Russia si terranno le elezioni presidenziali il prossimo marzo. Si prevede che il presidente Vladimir Putin vincerà facilmente un quinto mandato.

Mentre la posizione di Navalny era ancora sconosciuta, Leonid Volkov, capo dello staff di Navalny, ha dichiarato sui social media: “Il fatto che ciò stia accadendo ora (anche se Navalny avrebbe dovuto essere trasferito in un'altra colonia due mesi fa) – ora che le elezioni si sono svolte tenuto” è stato annunciato. Su questo, la squadra di Navalny ha lanciato la campagna “Russia senza Putin” – che è al 0% accidentale e al 100% controllo manuale politico diretto da parte del Cremlino.

Non è un segreto per Putin chi sia il suo principale avversario in queste “elezioni”. “Vuole assicurarsi che la voce di Navalny non venga ascoltata. Ciò significa che tutti devono diventare la voce di Navalny”, ha detto Volkov.

Un portavoce del Dipartimento di Stato americano ha accolto con favore la notizia della localizzazione di Navalny, ma ha affermato che gli Stati Uniti rimangono “profondamente preoccupati per la sicurezza del signor Navalny e per le condizioni della sua ingiusta detenzione”.

“Gli Stati Uniti condannano fermamente il continuo attacco malevolo da parte della Russia nei confronti di Navalny e di oltre 600 altri prigionieri politici imprigionati dalla Russia”, ha detto il portavoce. “Continueremo a seguire da vicino i loro casi e chiederemo il rilascio di tutte le persone ingiustamente detenute”.

Mosca ha emarginato per anni le figure dell’opposizione dalle elezioni e dalla vita politica, una campagna che ha subito un’accelerazione dopo l’ordine del Cremlino Truppe russe in Ucraina nel 2022.

READ  È salito a 19 il bilancio delle vittime degli attacchi statunitensi contro obiettivi filo-iraniani in Siria