Luglio 3, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il più grande batterio del mondo scoperto nella palude di mangrovie dei Caraibi

Il più grande batterio del mondo scoperto nella palude di mangrovie dei Caraibi

Un batterio gigante 50 volte più grande di qualsiasi specie batterica precedentemente nota alla scienza è stato scoperto in una palude di mangrovie dei Caraibi, una scoperta che stimolerà nuove idee scientifiche sulle dimensioni e sulla struttura delle cellule viventi.

I filamenti, che sembrano sottili capillari e hanno cellule singole lunghe fino a 1 cm, sono chiamati filamenti Tio Margherita magnifica. La scoperta è stata guidata da ricercatori Dal Lawrence Berkeley National Laboratory in California e dall’Università delle Antille in Guadalupa.

T Magnifica Dice Jean-Marie Voland, autore principale di un articolo che descrive Nuovi batteri nella rivista Science.

“È 5.000 volte più grande della maggior parte dei batteri”, ha detto Foland. “Per metterlo nel contesto, sarebbe come incontrare un altro essere umano lungo il Monte Everest… Questa è la nostra prima opportunità per manipolare i singoli batteri con le pinzette”.

tutti T Magnifica I campioni finora sono stati privi di infezione da microbi più piccoli. L’analisi genetica indica che la specie sintetizza una gamma di composti antimicrobici, che possono essere una fonte utile per loro Antibiotici Nel futuro.

I batteri sono di gran lunga la forma di vita più numerosa e diversificata sulla Terra. Il numero totale di specie batteriche è sconosciuto e la stragrande maggioranza di esse deve ancora essere descritta scientificamente. Quasi tutti sono visibili solo attraverso i microscopi.

Inizialmente è stato visto Olivier Gros, professore di biologia marina in Guadalupa T Magnifica Come fili bianchi crescono dalle foglie sommerse in una palude sulfurea di mangrovie. L’analisi genetica nel suo laboratorio ha rivelato la sua identità di nuova specie gigante all’interno del noto genere batterico Thiomargarita.

I batteri T magnifica appaiono accanto a una singola moneta. Quasi tutte le altre specie batteriche possono essere viste solo al microscopio © Tomas Tyml

“Non pensavo fosse un batterio perché era così grande”, ha detto Silvina Gonzalez Rizzo, biologa molecolare all’Università delle Antille.

READ  L'equipaggio di astronauti privati ​​Axiom Mission 1 si è sparso in sicurezza vicino alla Florida

T Magnifica I solfuri sono utilizzati nell’acqua come fonte di energia. Con questo metabolismo, i batteri non possono infettare l’uomo o altri animali.

La dimensione dei batteri convenzionali è limitata dalla necessità di tutti i composti chimici necessari affinché la vita viaggi in modo efficiente e rapido all’interno delle loro cellule. T Magnifica Ha superato questa limitazione sviluppando una struttura interna che replica molte funzioni biochimiche all’interno di un singolo filamento cellulare.

I ricercatori sono ancora nelle prime fasi delle indagini T Magnifica. Lavorare su come far crescere i batteri in laboratorio sarà un importante passo avanti. Lo stesso vale per la scoperta di altri batteri giganti che crescono in condizioni diverse. “Scoperta T Magnifica L’articolo scientifico suggerisce che batteri ancora più grandi e complessi potrebbero nascondersi in bella vista.

Petra Levine, professoressa di microbiologia alla Washington University di St. Louis, che non è stata coinvolta nella ricerca, ha definito la scoperta sorprendente. “I batteri sono infinitamente adattabili e sempre sorprendenti – e non dovrebbero mai essere sottovalutati”, ha detto.