Dicembre 3, 2021

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il PIL è cresciuto del 2,6% nel 3° trimestre

Secondo la prima stima diffusa venerdì dall’Istituto nazionale di statistica (Istat), il PIL italiano è cresciuto del 2,6% nel 3° trimestre rispetto al trimestre precedente. Durante tutto l’anno, la penisola dovrebbe registrare una crescita del Pil”.Probabilmente più del 6%“Giovedì il premier Mario Draghi ha presentato la legge finanziaria 2022”.allargato.

ioDopo la forte ripresa del 2° trimestre (+2,7%, ndr), l’economia italiana ha registrato nel 3° trimestre la crescita più sostenibile., commenta l’Istat. “Tale decisione, nel secondo trimestre consecutivo, è stata compensata da una forte ripresa del settore dei servizi di mercato, fortemente penalizzato dalla crisi e beneficiando della crescita del settore.“La crescita economica nel terzo trimestre è stata superiore alle attese del ministro degli Affari economici Daniel Franco, che all’inizio di ottobre ha osservato che la crescita economica è stata del 2,2%, trainata dal settore della produzione industriale e dei servizi.

A fine settembre il governo italiano ha rivisto le sue previsioni di crescita per quest’anno, passando dal 6% di crescita del PIL di aprile al 4,5% di aprile. “Ma ricreare il 6% non è possibile.“Per quest’anno è prevista una crescita del PIL”Sebbene puntiamo a tassi di crescita più elevati nel 2023, 2024, 2025 e 2026 rispetto ai decenni precedenti“, ha avvertito Daniel Franco. Aumento dei prezzi dell’energia,”L’incertezza è uno dei fattori più importanti“, Può dare peso alla ripresa, ha avvertito.

READ  Buoni posti: 3 ristoranti a Capri, Italia

Per mitigare questi aumenti, il governo italiano ha sospeso o ridotto tasse e tariffe su gas ed elettricità. Nel 2020 l’Italia ha visto un calo dell’8,9% del PIL, la peggiore recessione dalla seconda guerra mondiale, in un contesto economico appesantito dall’epidemia di Covid-19. Da allora, le luci sono tornate verdi e la terza economia dell’eurozona beneficerà dei fondi europei del massiccio programma di ripresa post-governo, con 191,5 miliardi di entro il 2021. 2026. Per continuare a stimolare la crescita, la Legge Finanziaria prevede tagli fiscali di 12 miliardi l’anno prossimo, e ulteriori 28 miliardi di nel 2023 e 2024.