Febbraio 29, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il Papa permette alle donne di votare alla prossima assemblea dei vescovi

Il Papa permette alle donne di votare alla prossima assemblea dei vescovi

CITTÀ DEL VATICANO (AP) Papa Francesco ha deciso di concedere alle donne il voto in una prossima riunione dei vescovi, una riforma storica che riflette le sue speranze di dare alle donne maggiori responsabilità decisionali e dare alla gente comune un ruolo più importante nella vita della Chiesa cattolica .

Francesco ha approvato le modifiche alle regole che disciplinano il Sinodo dei vescovi, organo vaticano che riunisce i vescovi di tutto il mondo per incontri regolari, dopo anni di richieste delle donne per il diritto di voto.

Mercoledì il Vaticano ha pubblicato gli emendamenti approvati, che sottolineano la sua visione di fedeli laici che assumono un ruolo più importante negli affari ecclesiastici che è stato a lungo lasciato al clero, ai vescovi e ai cardinali.

I gruppi di donne cattoliche, che hanno a lungo criticato il Vaticano per aver trattato le donne come cittadine di seconda classe, hanno salutato la mossa come una pietra miliare nella storia della chiesa.

ha affermato Kate McCloy della Women’s Ordination Conference, che sostiene l’ordinazione delle donne.

Dal Vaticano II, le riunioni degli anni ’60 che hanno modernizzato la Chiesa, i papi hanno convocato a Roma per alcune settimane i vescovi del mondo per discutere alcuni temi. Al termine degli incontri, i vescovi votano proposte specifiche e le presentano al papa, che poi prepara un documento che tiene conto delle loro opinioni.

Finora solo gli uomini potevano votare.

Ma in base ai nuovi cambiamenti, cinque suore si uniranno a cinque sacerdoti come rappresentanti votanti delle denominazioni religiose.

Inoltre, Francesco ha deciso di nominare al Sinodo 70 membri non episcopali e ha richiesto che la metà di loro fossero donne. Anche loro avranno un voto.

READ  Alex Batty: l'adolescente britannico trovato in Francia ritorna nel Regno Unito

L’obiettivo è anche quello di coinvolgere i giovani tra quei settanta membri non vescovi, che saranno proposti al Papa dalle congregazioni regionali, con Francesco che prenderà la decisione finale.

“È un cambiamento importante, non è una rivoluzione”, ha detto il cardinale Jean-Claude Hollerich, uno dei principali organizzatori del Sinodo.

Il prossimo incontro, in programma dal 4 al 29 ottobre, è incentrato sul tema di rendere la Chiesa più riflessiva e rispondente ai laici, un processo noto come “sinodalismo” e che Francesco auspica da anni.

L’incontro di ottobre è stato preceduto da un’indagine biennale senza precedenti sui fedeli laici cattolici sulla loro visione della Chiesa e su come essa possa rispondere al meglio ai bisogni dei cattolici di oggi.

Finora, solo una donna è nota per essere un membro votante dell’incontro di ottobre, ed è suor Nathalie Picquart, una suora francese che lavora come sottosegretario nell’Ufficio del Sinodo dei Vescovi vaticani e parteciperà all’incontro grazie alla sua posizione . Quando è stata nominata per la posizione nel 2021, ha definito Francis “coraggioso”. Per aver spinto la busta per la partecipazione delle donne.

Entro la fine del prossimo mese, sette blocchi regionali proporranno a Francesco 20 nomi ciascuno di membri non vescovili, che sceglierà 10 nomi ciascuno portando il totale a 70.

Il cardinale Mario Grech, responsabile del Sinodo, ha sottolineato che con i cambiamenti, circa il 21% dei rappresentanti riuniti per l’incontro di ottobre saranno non vescovi, di cui la metà donne.

Riconoscendo il disagio all’interno della gerarchia della visione del totalitarismo di Francesco, ha sottolineato che il Sinodo stesso continuerà ad avere una maggioranza di vescovi.

READ  La polizia olandese afferma che 6 persone sono morte dopo che un camion si è schiantato contro un barbecue della comunità

Hollerich ha rifiutato di dire come ha conosciuto le donne partecipanti all’incontro, dato che i membri sono stati a lungo conosciuti come “Padri sinodali”. Quando gli è stato chiesto se sarebbero state conosciute come “Madri sinodali”, ha risposto che spettava alle donne decidere.

Francesco ha sostenuto il divieto della Chiesa cattolica alle donne di essere ordinate sacerdoti, ma ha fatto più di qualsiasi papa negli ultimi tempi per dare alle donne più voce in capitolo nei ruoli decisionali nella chiesa.

Ha nominato molte donne a posizioni di alto rango in Vaticano, sebbene nessuno dei principali uffici o dipartimenti vaticani, noti come dicasteri, fosse diretto da una donna.