Giugno 16, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

“Il mondo corre un rischio di inondazioni maggiore di quanto pensassimo” – rivelando la portata scioccante dell’impatto umano sulle pianure alluvionali globali

“Il mondo corre un rischio di inondazioni maggiore di quanto pensassimo” – rivelando la portata scioccante dell’impatto umano sulle pianure alluvionali globali

Un nuovo studio fornisce la prima valutazione globale dei cambiamenti indotti dall’uomo nelle pianure alluvionali naturali, evidenzia perdite significative in 27 anni e offre approfondimenti per ripristinare e conservare questi ecosistemi vitali. Gli sforzi di collaborazione, utilizzando dati satellitari e analisi geospaziali, sottolineano l’urgente necessità di strategie di sviluppo informate per mitigare i rischi di alluvioni e preservare gli hotspot della biodiversità in queste regioni.

Una nuova ricerca rivela la devastazione umana delle pianure alluvionali globali

Uno studio condotto da un idrologo dell’Università del Texas ad Arlington, pubblicato sulla rivista Dati scientificiFornisce una valutazione globale senza precedenti dell’impatto umano sulle pianure alluvionali naturali. Questa ricerca può informare le future strategie di sviluppo, con l’obiettivo di riabilitare e proteggere gli ecosistemi essenziali delle pianure alluvionali, essenziali per la fauna selvatica, la purezza dell’acqua e la riduzione dei rischi di inondazioni per le persone.

Adnan Rajib, assistente professore presso il Dipartimento di Ingegneria Civile dell’Università di Arlington, è stato l’autore principale dello studio. Il dottorando Qianjin Cheng ha svolto un ruolo importante nello sviluppo della ricerca.

gli scienziati della US Environmental Protection Agency (EPA) Charles Lane, Heather Golden e Jay Christensen; Ituhausa Isibor della Texas A&M University-Kingsville; Chris Johnson di The Nature Conservancy ha collaborato allo studio. L’opera è stata finanziata da NASA E la National Science Foundation.

“La conclusione è che il mondo corre un rischio di inondazioni maggiore di quanto pensassimo, soprattutto considerando l’impatto dello sviluppo umano sulle pianure alluvionali”, ha affermato Rajib. “In 27 anni, tra il 1992 e il 2019, il mondo ha perso ben 600.000 chilometri quadrati di pianure alluvionali a causa dei disturbi umani, che includono lo sviluppo delle infrastrutture, la costruzione di industrie e imprese e l’espansione dell’agricoltura”.

Il team ha utilizzato dati di telerilevamento satellitare e analisi geospaziali per studiare 520 dei principali bacini fluviali del mondo, scoprendo modelli spaziali e tendenze precedentemente sconosciuti dei cambiamenti delle pianure alluvionali umane.

“La mappatura delle pianure alluvionali del mondo è relativamente nuova. Sebbene vi sia una crescente consapevolezza di mappare accuratamente le pianure alluvionali e comprendere i rischi di alluvioni, non c’è stato alcun tentativo di “mappare i disturbi umani in quelle pianure alluvionali su scala globale”. aree più piccole del mondo, certamente negli Stati Uniti e in Europa, ma non nelle aree del mondo povere di dati”.

Lo studio ha concluso che gli habitat delle zone umide sono a rischio e che un terzo della perdita globale totale delle zone umide delle pianure alluvionali si è verificata in Nord America. Rajib ha affermato che la portata dei rischi nelle pianure alluvionali è molto maggiore di quanto si pensasse in precedenza. Lui e il suo team hanno esaminato le immagini satellitari delle aree di pianura alluvionale scattate negli ultimi 27 anni.

“Volevamo esaminare le pianure alluvionali a livello di quartiere”, ha detto Cheng. “Volevamo vedere l’impatto dello sviluppo su qualcuno che vive su o vicino a pianure alluvionali. Alcuni dei cambiamenti in queste immagini sono positivi, come quando vengono piantati alberi o costruiti parchi. Ma molte immagini rivelano risultati preoccupanti. Ad esempio , abbiamo assistito ad un aumento significativo nello sviluppo di parcheggi o nella costruzione di edifici senza consentire un sufficiente deflusso dell’acqua piovana.

“Le pianure alluvionali di tutto il mondo sono punti caldi della biodiversità che forniscono anche una vasta gamma di servizi ecosistemici alle persone”, ha affermato Johnson, coautore dello studio. “Speriamo che questo studio faccia luce su questo habitat vitale che stiamo perdendo e anche su i modi in cui possiamo invertire questa tendenza.

Questo studio dovrebbe fornire ai pianificatori uno strumento vitale per ridurre i rischi di alluvioni per le persone, ha affermato Melanie Sattler, presidente e professoressa del Dipartimento di Ingegneria Civile.

“Il lavoro di Rajib può fungere da lente per aiutare a guidare lo sviluppo futuro al fine di ridurre la vulnerabilità alle inondazioni in un clima che cambia”, ha affermato Sattler. “In alcuni casi, speriamo che questo studio ci aiuti a correggere gli errori commessi durante le precedenti decisioni di sviluppo”.

Riferimento: “Anthropogenic Changes in Global Floodplains 1992-2019” di Adnan Rajib, Qianjin Zheng, Charles R. Lin, Heather E. Golden, J.R. Christensen, Ituhausa I. Ezibor e Chris Johnson, 28 luglio 2023, Dati scientifici.
doi: 10.1038/s41597-023-02382-x

READ  “Senza precedenti”: il biossido di carbonio aumenta a un ritmo dieci volte più veloce di qualsiasi altro momento registrato nella storia