Luglio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il mandato di California EV trova l’industria automobilistica ricettiva

Il mandato di California EV trova l’industria automobilistica ricettiva

Per anni, mentre la California ha portato avanti ambiziosi regolamenti sull’aria pulita, lo stato ha dovuto esortare l’industria automobilistica ad andare avanti. Ora, nella spinta per elettrificare la flotta di automobili della nazione, è la California che tiene il passo con le case automobilistiche.

Anche prima dei regolatori dello stato Giovedì ho agito per vietare la vendita di nuovi veicoli a combustione interna Entro il 2035, i Big 3 di Detroit e i loro concorrenti internazionali fissavano obiettivi sempre più aggressivi per linee di produzione esclusivamente elettriche.

Ma mentre gli obiettivi delle case automobilistiche e delle autorità di regolamentazione sono allineati, la produzione di massa di veicoli elettrici a prezzi accessibili, che richiede una rivisitazione delle catene di approvvigionamento e una migliore ingegneria per i veicoli a combustione interna, non sarà facile.

Le case automobilistiche si stanno affrettando a concludere accordi con minatori e altri fornitori in grado di soddisfare la crescente domanda di materiali per batterie. Alcuni stanno collaborando con aziende più piccole per accelerare la costruzione di una rete merci nazionale. Stanno smantellando e riconfigurando le loro strutture aziendali per garantire che la transizione dei veicoli elettrici non sia ostacolata da accordi per realizzare prodotti alimentati a benzina.

“Spostare tutto sulle auto elettriche in California non sembra strano e irraggiungibile in questo momento”, ha affermato Jessica Caldwell, direttore esecutivo di Insights di Edmunds, una ricercatrice di mercato automobilistico. “Ma sono sicuro che ogni casa automobilistica avrà delle sfide per raggiungere i propri obiettivi e alcuni potrebbero lottare un po’”.

Lo stato 2035, che è stato adottato dal California Air Resources Board, aumenta lo slancio per i veicoli elettrici già provenienti dal governo federale. Pacchetto clima ed energia firmato questo mese dal presidente Biden Espande i crediti d’imposta disponibili per gli acquirenti di auto elettricheTuttavia, include i requisiti Made in America per i componenti dei veicoli elettrici che molti produttori faranno fatica a soddisfare.

Daniel Sperling, un membro del consiglio statale della California, ha affermato di aspettarsi un ritorno al cambiamento normativo da coloro che hanno opinioni ideologiche diverse. Ma ha detto che è stato un passo cruciale nella riduzione delle emissioni di carbonio e nell’arresto del riscaldamento globale.

“Questo è il lavoro di trasformazione più significativo e importante che CARB abbia mai svolto”, ha affermato. “Questo è un bene non solo per l’ambiente, ma anche per l’economia”.

General Motors ha detto all’inizio dell’anno scorso Aveva lo scopo di vendere solo auto elettriche A partire dal 2035. Omar Vargas, capo delle politiche pubbliche globali dell’azienda, ha affermato che la California “si sposa bene con i piani aziendali di GM”, durante Discussione in linea Questa settimana organizzata da “The New York Times”.

READ  Il server del Michigan Linsey Boyd è stato licenziato dopo aver ricevuto una mancia di $ 10.000, ma Mason Jar Cafe afferma che si tratta di una "decisione commerciale"

Sulla strada per il suo obiettivo finale, una regola della California richiede che il 35% delle nuove autovetture vendute entro il 2026 – e il 68% entro il 2030 – non producano emissioni di carbonio.

compresi gli ibridi, Sono state vendute più di un milione di auto elettriche In California, secondo la Commissione statale per l’energia. Circa il 15 per cento delle auto nuove I modelli elettrici sono stati venduti lì nella prima metà di quest’anno, in aumento rispetto al 9,5% nel 2021, ha riferito la California New Car Dealers Association.

Ma gli standard statali sono importanti non solo per la sua numerosa popolazione. Per affrontare i problemi di qualità dell’aria di lunga data, la legge consente alla California di stabilire standard ambientali più severi per le auto rispetto alle normative federali stabilite. Più di una dozzina di paesi in genere seguono l’esempio, sommando fino a un terzo del mercato automobilistico statunitense. E le case automobilistiche vogliono rispettare le regole del gioco individuale.

Anticipando le nuove normative e l’intento di creare e soddisfare la domanda dei consumatori, le principali case automobilistiche hanno stabilito i propri programmi per una transizione completa ai veicoli elettrici. Veicoli elettrici annuali entro il 2026. Volkswagen prevede di interrompere la vendita di auto a benzina in Europa tra il 2033 e il 2035 e la sua divisione Audi intende offrire modelli esclusivamente elettrici a partire dal 2026.

Le case automobilistiche e molti altri spendono decine di miliardi di dollari producendo dozzine di modelli elettrici e costruendo fabbriche per assemblarli e imballare le batterie di cui hanno bisogno. La General Motors ha appena iniziato la produzione in uno stabilimento di batterie in Ohio e ha altre due società in costruzione nel Tennessee e nel Michigan. Ford vende una versione elettrica del pickup F-150, una Mustang sportiva elettrica e un camion per le consegne elettriche ed è il secondo venditore di veicoli elettrici negli Stati Uniti dopo Tesla.

Ford ha anche riorganizzato le sue operazioni, suddividendo le sue operazioni automobilistiche in una divisione incentrata sui veicoli elettrici e sulla rapida crescita e un’altra divisione che svilupperà modelli a benzina e mirerà a ridurre i costi e massimizzare i profitti mentre le vendite rallentano e alla fine iniziano a diminuire. La società ha detto questa settimana che lo era Elimina 3.000 lavori impiegatizi Come un modo per “ridistribuire le risorse e affrontare la nostra struttura dei costi”.

READ  Powell dice di vedere un percorso in cui l'inflazione si abbassa senza significative perdite di posti di lavoro

La Volkswagen ha iniziato la produzione di un SUV elettrico in uno stabilimento situato a Chattanooga, nel Tennessee, a luglio. L’azienda sta anche cercando di rifornirsi di materie prime. Volkswagen e Mercedes-Benz questa settimana hanno annunciato accordi con il governo canadese per l’accesso a litio, nichel e altri importanti metalli e metalli utilizzati nelle batterie. Il Canada ha abbondanti riserve di questo materiale, sebbene la maggior parte delle miniere sia ancora in fase di sviluppo.

La Volkswagen stava già investendo nelle forniture interne di materie prime nei suoi vari mercati, ma la politica del governo statunitense ha “accusato” lo sforzo, ha detto ai giornalisti questa settimana Thomas North von Westerholt, chief technology officer della casa automobilistica tedesca.

Uno dei motivi per cui le case automobilistiche stanno abbracciando la transizione piuttosto che resistervi è che i consumatori hanno dimostrato il desiderio di utilizzare modelli elettrici. Nella prima metà dell’anno negli Stati Uniti sono stati venduti oltre 370.000 veicoli completamente elettrici, del 76 per cento rispetto all’anno precedente, secondo Cox Automotive.

Inoltre, i produttori ritengono che le vendite di auto elettriche continueranno ad accelerare ea superare le vendite di auto e camion a benzina in breve tempo. Ford afferma di avere più di 200.000 prenotazioni per il pick-up elettrico F-150 Lightning. GM ha detto di avere 150.000 Chevrolet Silverados elettriche, un camion che non entrerà in produzione fino al prossimo anno.

Una delle chiavi per adottare le auto elettriche è renderle accessibili. I modelli sul mercato tendono ad essere molto più costosi di modelli simili a benzina. La compatta Tesla Model Y elenca oltre $ 46.000 prima di aggiungere qualsiasi opzione. Il SUV Ford Mustang Mach-E parte da poco meno di $ 44.000, circa $ 15.000 in più rispetto a una fuga di dimensioni simili.

Le case automobilistiche stanno tagliando i costi aumentando la produzione. Il nuovo stabilimento di batterie di GM in Ohio sta assemblando un pacco batterie modulare che può essere utilizzato in quasi tutte le auto o camion elettrici. L’azienda fa affidamento su questo progetto per creare economie di scala che le consentiranno di valutare i veicoli elettrici in un intervallo che molti consumatori possono gestire.

Tuttavia, il costo e la disponibilità di metalli importanti e altri metalli utilizzati nelle batterie, come litio, cobalto e nichel, rimangono un problema. Un forte aumento della produzione di auto elettriche potrebbe far salire i prezzi delle materie prime e causare carenze.

Il CEO di Ford Jim Farley ha detto agli analisti in una teleconferenza il mese scorso che, nella migliore delle ipotesi, solo il 50 percento delle materie prime necessarie per raggiungere gli obiettivi dei veicoli elettrici dichiarati dall’industria automobilistica erano effettivamente disponibili.

GM e Ford hanno recentemente stretto accordi con società minerarie per l’acquisto di batterie al litio e altri materiali. Ford ha anche deciso di utilizzare due tipi di batterie, che richiedono materiali diversi, e ha raggiunto un accordo per l’acquisto di pacchi batteria da un’azienda cinese, CATL, il più grande produttore mondiale.

GM ha affermato di aver garantito l’accesso a tutte le materie prime per batterie di cui ha bisogno per produrre 1 milione di veicoli elettrici in Nord America nel 2025 e Ford afferma di avere accordi per fornire il 70% delle batterie di cui avrà bisogno per produrre 2 milioni di veicoli elettrici all’anno entro la fine del 2026.

Ma non è chiaro come queste e altre case automobilistiche otterranno materiali sufficienti per una formazione completamente elettrica.

Un’altra preoccupazione è la disponibilità di stazioni di ricarica. Nella maggior parte degli stati, le stazioni sono poche e lontane tra loro e gran parte delle aree rurali non hanno alcuna stazione. Le stazioni di ricarica domestiche possono ridurre la necessità di caricabatterie commerciali, ma possono costare al proprietario di un veicolo elettrico $ 1.000 o più.

Tesla ha costruito la propria rete di stazioni di ricarica, anche se dovrebbe continuare ad espanderla poiché vende più auto. General Motors, Ford e altre case automobilistiche stanno collaborando con aziende come EVgo ed Electrify America per sviluppare reti di ricarica. La rete della California è la più densa degli Stati Uniti, ma i proprietari di auto elettriche si lamentano ancora dei lunghi tempi di attesa per la ricarica.

Jack Ewing E il Evan Ben Contribuire alla redazione dei rapporti. Shellagh McNeill Contribuisci alla ricerca.