Luglio 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il DNA di Neanderthal modella il naso umano

Il DNA di Neanderthal modella il naso umano

riepilogo: Un particolare gene ereditato dai Neanderthal potrebbe essere responsabile della forma del nostro naso.

Lo studio suggerisce che la forma del nostro naso potrebbe essersi evoluta attraverso la selezione naturale in risposta ai diversi climi e ambienti che i nostri antenati hanno incontrato mentre migravano in tutto il mondo.

La ricerca sottolinea l’importanza di comprendere la diversità genetica delle diverse popolazioni per comprendere meglio l’evoluzione dei tratti umani.

Aspetti principali:

  1. I ricercatori hanno utilizzato i dati di oltre 6.000 volontari provenienti da tutta l’America Latina, di origine mista europea, nativa americana e africana, per studiare l’influenza genetica sui tratti del viso.
  2. Hanno identificato 33 regioni del genoma associate alla forma del viso, 26 delle quali sono state in grado di replicare rispetto ai dati di altre razze utilizzando partecipanti dell’Asia orientale, europei o africani.
  3. In una particolare regione del genoma chiamata ATF3, diverse persone nello studio degli antenati dei nativi americani avevano materiale genetico in questo gene ereditato dai Neanderthal, che contribuisce a una maggiore altezza del naso. Questa regione genetica ha segni di selezione naturale, suggerendo che conferisce un vantaggio a coloro che portano il materiale genetico.

fonte: UCL

Un nuovo studio condotto dai ricercatori dell’UCLA rileva che gli esseri umani hanno ereditato materiale genetico dai Neanderthal che influenza la forma del nostro naso.

il nuovo Biologia della comunicazione Lo studio ha scoperto che un particolare gene, che porta a un naso più lungo (dall’alto verso il basso), potrebbe essere stato un prodotto della selezione naturale quando gli antichi umani si sono adattati ai climi più freddi dopo aver lasciato l’Africa.

READ  I funghi ostrica carnivori possono uccidere i nematodi con "gas nervino in un lecca-lecca"

Il coautore dell’intervista, il dottor Kaustuph Adhikari (Genetics, Evolution, Ecology and The Open University at UCLA) ha dichiarato: “Negli ultimi 15 anni, dal sequenziamento del genoma di Neanderthal, siamo stati in grado di apprendere che i nostri antenati apparentemente si sono incrociati con i Neanderthal., Il che ci lascia con piccoli frammenti del loro DNA.

Antichi teschi di Neanderthal affiancati, che mostrano una differenza nell’altezza del naso. Credito: Dott. Kaustup Adhikari, UCLA

“Qui, scopriamo che parte del DNA ereditato dai Neanderthal influenza la forma dei nostri volti. Questo sarebbe stato vantaggioso per i nostri antenati, poiché è stato tramandato per migliaia di generazioni”.

Lo studio ha utilizzato i dati di oltre 6.000 volontari provenienti da tutta l’America Latina, di origine mista europea, nativa americana e africana, che fanno parte dello studio CANDELA condotto dall’UCL, che ha reclutato da Brasile, Colombia, Cile, Messico e Perù.

I ricercatori hanno confrontato le informazioni genetiche dei partecipanti con le immagini dei loro volti, in particolare osservando le distanze tra i punti sui loro volti, come la punta del naso o il bordo delle labbra, per vedere come le diverse caratteristiche facciali erano associate a con marcatori genetici diversi.

I ricercatori hanno recentemente identificato 33 regioni del genoma associate alla forma del viso, 26 delle quali sono state in grado di replicare rispetto ai dati di altre razze utilizzando partecipanti dell’Asia orientale, europei o africani.

In una regione del genoma in particolare, chiamata ATF3i ricercatori hanno scoperto che diverse persone nel loro studio sugli antenati dei nativi americani (così come altri discendenti dell’Asia orientale di un altro gruppo) avevano materiale genetico in questo gene ereditato dai Neanderthal, che contribuisce a un naso più alto.

Hanno anche scoperto che questa regione genetica presentava segni di selezione naturale, suggerendo che conferisse un vantaggio a coloro che portavano il materiale genetico.

READ  Webb celebra il suo secondo anniversario con una vista straordinaria delle galassie interagenti

Il primo autore, il dottor Cheng Li (Fudan University), ha dichiarato: “È stato a lungo ipotizzato che la forma del nostro naso sia determinata dalla selezione naturale. Poiché i nostri nasi possono aiutarci a regolare la temperatura e l’umidità dell’aria che respiriamo, nasi con forme diverse potrebbe essere più adatto a climi diversi.” in cui vivevano i nostri antenati.

Credito: notizie di neuroscienze

“Il gene che identifichiamo qui potrebbe essere stato ereditato dai Neanderthal per aiutare gli umani ad adattarsi ai climi più freddi mentre i nostri antenati si trasferivano dall’Africa”.

Il coautore Professor Andrés Ruiz Linares (Università di Fudan, UCLA Genetics, Evolution and Ecology, Aix-Marseille University) ha aggiunto: “La maggior parte degli studi genetici sulla variazione umana ha esaminato i geni degli europei. Il campione diversificato nel nostro studio si è espanso dal latino Partecipanti americani da The range of genetic study results, che ci aiutano a comprendere meglio i geni di tutti gli esseri umani”.

Questa scoperta è la seconda scoperta del DNA di esseri umani antichi, diversi dall’Homo sapiens, che influenza la forma del nostro viso. In un articolo del 2021, lo stesso team ha scoperto che un gene che influenza la forma delle labbra è stato ereditato dagli antichi Denisoviani.

Lo studio ha incluso ricercatori con sede nel Regno Unito, Cina, Francia, Argentina, Cile, Perù, Colombia, Messico, Germania e Brasile.

autore: Chris Lane
fonte: UCL
comunicazione: Chris Lane – UCL
immagine: Credito immagine al dottor Kaustubh Adhikari, UCL

Ricerca originale: accesso libero.
I punti di riferimento automatizzati identificano nuovi siti associati alla morfologia facciale e implicano l’ingresso di Neanderthal nella forma nasale umanaScritto da Kaustubh Adhikari et al. Biologia della comunicazione


un sommario

READ  Studio: Gli antichi esseri umani fabbricavano armi mortali di legno 300.000 anni fa

I punti di riferimento automatizzati identificano nuovi siti associati alla morfologia facciale e implicano l’ingresso di Neanderthal nella forma nasale umana

Segnaliamo uno studio di associazione genome-wide delle caratteristiche facciali in oltre 6.000 latinoamericani basato sull’identificazione automatica delle caratteristiche delle immagini 2D e sul test dell’associazione con le distanze tra i punti di riferimento. Abbiamo rilevato correlazioni significative (valore P <5 × 10-8) in 42 regioni del genoma, nove delle quali precedentemente segnalate.

Nelle analisi di follow-up, 26 delle 33 nuove regioni di asiatici orientali, europei o africani sono duplicate e una regione omologa di topi influisce sulla morfologia craniofacciale nei topi.

La nuova regione su 1q32.3 mostra l’introversione dei Neanderthal e scopriamo che il tratto in avanzamento aumenta l’altezza nasale (coerentemente con la differenziazione tra i Neanderthal e gli esseri umani moderni).

Le nuove regioni includono geni candidati ed elementi regolatori del genoma precedentemente implicati nello sviluppo craniofacciale e mostrano la trascrizione preferenziale nelle cellule della cresta neurale cranica.

L’approccio automatizzato qui utilizzato dovrebbe semplificare la raccolta di grandi campioni di studio provenienti da tutto il mondo, facilitando la caratterizzazione globale della genetica delle caratteristiche facciali.