Luglio 3, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il Rosalind Franklin Mars Rover (nella foto qui su Marte) stava per essere lanciato sul Pianeta Rosso a settembre 2022, ma il lancio di quest'anno è ora

Il conflitto in Ucraina potrebbe ritardare la missione di Rosalind Franklin

È probabile che la guerra della Russia contro l’Ucraina ritarderà l’imminente missione di Rosalind Franklin su Marte, secondo l’Agenzia spaziale europea (ESA).

L’Agenzia spaziale europea, in una dichiarazione pubblicata lunedì, ha affermato di aver “applicato pienamente le sanzioni” imposte alla Russia dai suoi 22 Stati membri per il conflitto armato.

Secondo l’Agenzia spaziale europea (ESA), è improbabile che l’ambizioso rover Rosalind Franklin di fabbricazione britannica venga lanciato nel 2022.

Il rover fa parte della missione ExoMars, un progetto congiunto dell’Agenzia spaziale europea e dell’agenzia spaziale russa Roscosmos.

Doveva essere lanciato nello spazio a settembre dal Kazakistan meridionale e doveva atterrare su Marte nel giugno 2023.

Il Rosalind Franklin Mars Rover (nella foto qui su Marte) stava per essere lanciato sul Pianeta Rosso a settembre 2022, ma il lancio di quest’anno è ora “altamente improbabile”

Rosalind Franklin è un rover robotico pianificato su Marte, che fa parte del programma internazionale ExoMars guidato dall'Agenzia spaziale europea e dalla russa Roscosmos.  Nella foto è il gemello di Rosalind sulla Terra, noto come Amalia, che lascia con successo la piattaforma simulando il terreno di Marte

Rosalind Franklin è un rover robotico pianificato su Marte, che fa parte del programma internazionale ExoMars guidato dall’Agenzia spaziale europea e dalla russa Roscosmos. Nella foto è il gemello di Rosalind sulla Terra, noto come Amalia, che lascia con successo la piattaforma simulando il terreno di Marte

La Russia ha progettato il mezzo da sbarco “Kazachok” in cui doveva essere schierato il rover Rosalind Franklin.

Stati membri dell’Agenzia spaziale europea

L’Agenzia spaziale europea (ESA) ha 22 stati membri:

– Austria

Belgio

– Repubblica Ceca

– Danimarca

– Estonia

Finlandia

– Francia

– Germania

– Grecia

– Ungheria

– Irlanda

– Italia

– Lussemburgo

– Olanda

Norvegia

– Polonia

– Portogallo

– Romania

– Spagna

– Svezia

– Svizzera

– Regno Unito

Nota: Lettonia, Lituania e Slovenia sono membri associati, mentre il Canada partecipa a determinati programmi nell’ambito di un accordo di cooperazione.

a affermazione L’Agenzia spaziale europea, pubblicata sul suo sito web, ha affermato che stava “valutando le conseguenze per ciascuno dei nostri programmi in corso” implementati in collaborazione con Roscosmos, condannando le azioni della Russia.

“Deploriamo il bilancio umano e le tragiche conseguenze della guerra in Ucraina”, ha affermato l’Agenzia spaziale europea.

Diamo la priorità assoluta a prendere decisioni appropriate, non solo per il bene della nostra forza lavoro che partecipa ai programmi, ma nel pieno rispetto dei nostri valori europei, che hanno sempre plasmato in modo fondamentale il nostro approccio alla cooperazione internazionale.

In termini di continuità di ExoMars, le sanzioni e il contesto più ampio rendono altamente improbabile il suo lancio nel 2022.

READ  I lupi sono sopravvissuti all'era glaciale come un'unica comunità globale

In risposta alla decisione, Dmitry Rogozin, Direttore Generale dell’Agenzia Spaziale Russa Roscosmos, ha pubblicato la sua lingua madre a Twitter: “L’Agenzia spaziale europea, nonostante la nonna russa, ha deciso di congelarle le orecchie”.

Nella dichiarazione dell’ESA, l’agenzia spaziale ha anche affermato di aver preso atto della decisione di Roscosmos di ritirare la sua forza lavoro per i suoi razzi Soyuz dallo spazioporto europeo di Kourou, in Sud America.

La decisione della Russia in tal senso, annunciata sabato da Rogozin, è arrivata a causa delle sanzioni imposte dall’Europa.

È stato messo in discussione anche il futuro della Stazione spaziale internazionale (ISS), che è stata supportata da cinque agenzie spaziali partecipanti – tra cui l’Agenzia spaziale europea, l’Agenzia spaziale europea, Roscosmos e la NASA – sin dal suo inizio.

Nella foto è Dmitry Rogozin, Direttore Generale dell'Agenzia Spaziale Russa Roscosmos.  In risposta alla decisione dell'ESA, Rogozin ha postato nella sua lingua madre su Twitter:

Nella foto è Dmitry Rogozin, Direttore Generale dell’Agenzia Spaziale Russa Roscosmos. In risposta alla decisione dell’ESA, Rogozin ha postato nella sua lingua madre su Twitter: “L’Agenzia spaziale europea, indipendentemente dalla nonna russa, ha deciso di congelarle le orecchie”.

La Stazione Spaziale Internazionale (ISS, nella foto), che è larga 357,5 piedi e lunga 239,4 piedi, completa un'orbita completa attorno alla Terra una volta ogni 90 minuti

La Stazione Spaziale Internazionale (ISS, nella foto), che è larga 357,5 piedi e lunga 239,4 piedi, completa un’orbita completa attorno alla Terra una volta ogni 90 minuti

Guerra in Ucraina: l’ultima

  • Il ministero della Difesa ucraino afferma che la Russia ha perso 5.300 soldati, 29 aerei, 29 elicotteri e 151 carri armati
  • Il ministero della Difesa russo ha ammesso per la prima volta di aver subito perdite, ma ha rifiutato di specificare il numero di perdite
  • L’economia russa è in caduta libera quando le sanzioni occidentali imposte nel fine settimana entrano in vigore, con il rublo che scende al minimo storico.
  • La Banca Centrale di Mosca ha più che raddoppiato il tasso di interesse al 20%.
  • La Russia richiede alle persone e alle aziende di vendere l’80% delle loro entrate in valuta estera, costringendole ad acquistare il rublo per sostenerlo.
  • La Borsa di Mosca non aprirà almeno fino alle 15 nel tentativo di evitare un crollo di massa
  • Zelensky ha consentito il rilascio dei prigionieri ucraini se si sono uniti alle forze di difesa per pagare i loro debiti
  • Il presidente ucraino ha anche annunciato la creazione di una “brigata internazionale” per i volontari stranieri che intendono arruolarsi nell’esercito, dopo che “migliaia” hanno presentato una richiesta.
  • Il ministro degli Esteri spagnolo ha definito l’ordine di Putin di mettere in massima allerta le forze nucleari come “un altro segno di… [his] Assoluta irrazionalità’
  • L’ex primo ministro giapponese Shinzo Abe ha affermato che il suo Paese dovrebbe essere aperto a ospitare armi nucleari
  • La Germania ha annunciato un fondo di 112 milioni di dollari per ricostruire le forze armate del Paese, più del doppio dell’attuale budget per l’autodifesa
  • L’Unione Europea ha annunciato, per la prima volta nella sua storia, che invierà denaro all’Ucraina per acquistare armi, compresi aerei da combattimento
READ  L'intera missione speciale degli astronauti SpaceX decolla con successo dopo una settimana di ritardo

Attualmente ci sono sette astronauti – quattro dagli Stati Uniti, due dalla Russia e uno dalla Germania – sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Rogozin ha affermato che le sanzioni statunitensi potrebbero “distruggere la nostra cooperazione” e ha affermato che la piattaforma di ricerca crollerebbe a terra senza l’aiuto del suo paese.

“Se impedisci la cooperazione con noi, chi salverà la Stazione Spaziale Internazionale dall’uscire da un’orbita incontrollata e cadere sul suolo americano o europeo?” – Notando che la stazione non sorvola gran parte della Russia, ha detto Rogozin.

Tuttavia, un esperto spaziale ha affermato che ciò è improbabile, dato che Roscosmos ha a bordo personale russo.

“Nessuno vuole mettere a rischio la vita degli astronauti attraverso manovre politiche”, ha detto all’AFP John Logsdon, professore e analista spaziale alla George Washington University.

Inoltre, per quanto riguarda il rover Rosalind Franklin, l’ESA ha anche affermato che il suo direttore generale “analizzerà tutte le opzioni e preparerà una decisione formale sulla strada da seguire”.

ExoMars – un programma congiunto tra ESA e Roscosmos – consiste in realtà di due missioni, una delle quali deve ancora decollare.

Il primo rover, il Trace Gas Orbiter, o TGO, è arrivato su Marte nel 2016 e ha iniziato la sua missione scientifica completa nel 2018.

Il TGO era accompagnato dal fallito lander Schiaparelli, che si è schiantato sulla superficie di Marte a causa del lancio anticipato di un paracadute, e ora non è altro che un puntino nero croccante circondato da sabbia rosso ruggine.

La seconda missione ExoMars consiste in un rover di fabbricazione britannica chiamato Rosalind Franklin e la piattaforma di superficie Kazachok.

Prendendo il nome dallo scienziato londinese e co-scopritore della struttura del DNA, Rosalind Franklin doveva decollare nello spazio nel settembre 2022 dal Kazakistan meridionale.

Il velivolo è stato costruito da Airbus Defence and Space, presso la struttura britannica della società a Stevenage, nell’Hertfordshire, ed è in grado di perforare 6,5 piedi (2 metri) sotto la superficie, raccogliendo campioni da aree non interessate dalle radiazioni.

READ  La misteriosa pietra di Ipazia potrebbe contenere le prime prove di una supernova di tipo Ia

Il rover è il primo a onorare una scienziata a bordo del suo pionieristico veicolo di esplorazione.

È possibile effettuare un viaggio più breve di nove mesi su Marte solo ogni due anni, motivo per cui la sonda non è stata lanciata l'anno scorso

È possibile effettuare un viaggio più breve di nove mesi su Marte solo ogni due anni, motivo per cui la sonda non è stata lanciata l’anno scorso

TGO (nella foto qui in impressione d'artista) è arrivato su Marte nel 2016 e ha iniziato la sua missione scientifica completa nel 2018

TGO (nella foto qui in impressione d’artista) è arrivato su Marte nel 2016 e ha iniziato la sua missione scientifica completa nel 2018

A gennaio, l’Agenzia spaziale britannica ha confermato che Rosalind Franklin aveva superato l’ultimo round di test ed era sulla buona strada per un lancio sul Pianeta Rosso a settembre.

Comprendere la storia dell’acqua su Marte e se questo permette alla vita di prosperare è al centro delle missioni ExoMars dell’Agenzia spaziale europea.

“Il rover, chiamato Rosalind Franklin, scaverà due metri di profondità in superficie per prelevare campioni di suolo, analizzarne la composizione e cercare prove della vita sepolta sottoterra in passato e forse anche nel presente”, afferma l’Agenzia spaziale europea.

L’Europa e la Russia stanno lavorando insieme alla missione EXOMARS per cercare segni di vita marina

L’obiettivo principale di ExoMars è scoprire se la vita esiste su Marte: lo farà con una serie di strumenti sia in superficie che in orbita.

Ciò include un veicolo spaziale in orbita chiamato Trace Gas ORbiter (TGO) che trasporta una sonda per studiare l’effetto di gas come il metano attorno al pianeta.

Gli scienziati ritengono che il metano, una sostanza chimica strettamente correlata alla vita sulla Terra, potrebbe aiutare a identificare le regioni in cui la vita esisteva o avrebbe potuto esistere in precedenza.

La seconda parte della missione ExoMars, che è stata posticipata fino al 2022/2023 a causa del coronavirus, porterà il rover sulla superficie di Marte.

Il rover è in costruzione a Stevenage, nel Regno Unito, e prende il nome dalla scienziata britannica Rosalind Franklin.

Sarà il primo ad avere la capacità di muoversi sulla superficie del pianeta e scavare nel terreno per raccogliere e analizzare campioni.

Il rover includerà una tecnologia chiamata Mars Organic Molecule Analyzer (MOMA) che gli consentirà di analizzare campioni e inviare i dati sulla Terra.