Aprile 16, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il CEO di Shell è protetto dalla sicurezza mentre i manifestanti per il clima cercano di prendere d’assalto un’assemblea degli azionisti

Il CEO di Shell è protetto dalla sicurezza mentre i manifestanti per il clima cercano di prendere d’assalto un’assemblea degli azionisti

  • Rinvio della riunione dell’Assemblea generale a causa di proteste
  • La decisione di un attivista per il clima ottiene il 20% dei voti

LONDRA (Reuters) – Il personale di sicurezza ha protetto il CEO di Shell (SHEL.L) Wael Sawan e i direttori dell’azienda mentre i manifestanti per il clima hanno cercato di salire sul palco all’assemblea annuale degli azionisti del colosso dell’energia a Londra martedì.

Il procedimento ha iniziato a riunirsi dopo un’ora di disordini mentre i manifestanti hanno portato via dozzine di personale di sicurezza. Ad un certo punto, il personale di sicurezza ha formato una catena umana sul palco per proteggere dirigenti e manager dai manifestanti.

Un coro di dozzine di manifestanti ha cantato “Vai all’inferno Shell, e non tornare più”, mentre chiedeva che Shell smettesse di produrre combustibili fossili, con Sawan e il presidente Andrew Mackenzie che guardavano.

“Abbiamo sentito questo punto molte volte ormai”, ha detto McKenzie ai manifestanti. “Non sarebbe bello avere questa discussione invece di ripetere sempre la stessa cosa?”

Ha aggiunto che l’investimento di Shell in soluzioni a basse emissioni di carbonio che generano meno entrate rispetto ai progetti di petrolio e gas dimostra che prende sul serio il cambiamento climatico.

Shell, che l’anno scorso ha registrato profitti record di 40 miliardi di dollari, altri grandi produttori di idrocarburi sostengono che devono aiutare a coprire la domanda in continua crescita di petrolio e gas.

Un portavoce dell’azienda ha affermato che i manifestanti “non erano interessati a un impegno costruttivo” e ha fatto riferimento ai piani di Shell di diventare un’azienda a emissioni zero entro il 2050.

READ  Le azioni per lo più cadono a causa delle preoccupazioni sui tassi di interesse, la Cina taglia l'LPR

La società è anche alle prese con una minoranza sempre più esplicita di azionisti istituzionali che affermano che deve muoversi più velocemente per affrontare il cambiamento climatico bilanciando al contempo la pressione di altri investitori per bloccare i profitti da petrolio e gas.

I dati preliminari mostrano che un quinto degli azionisti Shell ha votato a favore della risoluzione presentata dal gruppo di attivisti Follow This, che invita la società a fissare obiettivi di emissioni più ambiziosi. Il consiglio di amministrazione di Shell ha respinto la decisione.

La decisione fa eco a una sentenza di un tribunale olandese che ha chiesto a Shell di aumentare i suoi obiettivi climatici. Shell ha lanciato un ricorso contro la sentenza.

La decisione sulla strategia climatica di Shell ha ricevuto l’80% dei voti, in linea con lo scorso anno.

“La maggioranza silenziosa con noi è molto chiara riguardo alle proprie aspettative… (per trovare) una transizione equilibrata”, ha detto Sawan ai giornalisti dopo l’incontro.

Gli scienziati affermano che il mondo deve ridurre le emissioni di gas serra di circa il 43% rispetto ai livelli del 2019 entro il 2030 per avere la possibilità di raggiungere l’obiettivo dell’Accordo di Parigi di mantenere il riscaldamento a meno di 2 gradi Celsius (3,6 Fahrenheit) rispetto ai livelli preindustriali.

(Segnalazione di Shadia Nasrallah). Montaggio di Jason Neely

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Shadia Nasrallah

Thomson Reuters

Scrive dell’intersezione tra petrolio aziendale e politica climatica. Ha scritto di politica, economia, immigrazione, diplomazia nucleare e affari dal Cairo, Vienna e altrove.

Ron Boso

Thomson Reuters

Dal 2014 Ron ha coperto le più grandi compagnie petrolifere e del gas del mondo, concentrandosi sui loro sforzi per la transizione verso le energie rinnovabili, l’energia a basse emissioni di carbonio e lo sconvolgimento nel settore durante la pandemia di COVID-19 e dopo l’invasione russa dell’Ucraina. È stato nominato Reporter dell’anno nel 2014 e nel 2021 da Reuters. Prima di Reuters, Ron ha parlato dei mercati azionari di New York all’indomani della crisi finanziaria del 2008 dopo aver coperto il conflitto e la diplomazia in Medio Oriente per AFP al di fuori di Israele.

READ  Le aspettative di inflazione hanno toccato il minimo di due anni nell'ultimo sondaggio della Federal Reserve di New York