Febbraio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il caporedattore della rivista Rolling Stone si dimette

Il caporedattore della rivista Rolling Stone si dimette

Il caporedattore di Rolling Stone, Noah Shachtman, si dimetterà alla fine del mese dopo aver trascorso più di due anni al timone della bibbia della cultura pop.

In una breve nota allo staff vista dal New York Times, il signor Shachtman ha detto che il suo ultimo giorno alla guida della rivista sarebbe stato il 1 marzo, ma non ha spiegato le ragioni della sua partenza.

Le sue dimissioni sono avvenute a causa di disaccordi editoriali con il CEO di Rolling Stone Gus Wenner, secondo una persona che ha parlato a condizione di anonimato per discutere questioni delicate relative al personale.

“È la decisione giusta, che Gus Weiner e io abbiamo preso dopo molte discussioni sulla direzione del marchio”, ha detto il signor Shachtman nella lettera.

Il signor Weiner ha detto allo staff in una nota separata che il signor Shachtman sarebbe stato sostituito nel frattempo da Sean Woods, vicedirettore della rivista, e Lisa Tozzi, il suo direttore digitale. Ha aggiunto che la rivista inizierà la ricerca di un nuovo redattore capo nelle prossime settimane. Il signor Shachtman continuerà a collaborare come scrittore alla rivista.

“Voglio ringraziarlo per tutto il lavoro, la passione e la dedizione che ha dedicato alle nostre pubblicazioni negli ultimi anni”, ha scritto Weiner.

Shachtman, ex caporedattore del Daily Beast, ha importato a Rolling Stone il rigoroso senso investigativo del sito di notizie. Durante il suo mandato, la rivista ha pubblicato articoli su importanti musicisti e attori, tra cui Jonathan Majors e Marilyn Manson. La pubblicazione ha ricevuto anche un National Magazine Award for Digital Design ed è stata nominata per il suo primo Emmy Award nel 1977 Contenuti multimediali interattivi Sotto la sua guida.

READ  Kaley Cuoco, Ke Huy Quan e altre star

Negli ultimi anni, Rolling Stone si è concentrata sull'espansione oltre le sue radici di rivista tradizionale, concentrandosi su progetti che includono eventi, licenze, commercio online, film, televisione e podcast.

Rolling Stone era nei guai l'anno scorso quando Jann Wenner, uno dei fondatori della rivista, fece commenti in un'intervista al Times che furono ampiamente considerati razzisti e sessisti. Jan Wenner, padre di Gus Wenner, ha lasciato la rivista nel 2019, ma rimane influente nel mondo della musica come membro del consiglio della Rock & Roll Hall of Fame Foundation, che ha anche contribuito a fondare. Dopo che i suoi commenti furono pubblicati, fu licenziato dall'organizzazione e condannato dalla BlackRock Alliance, un incendio che Shachtman spinse Rolling Stone a coprire.