Maggio 20, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Il buco nero della nostra galassia si trova a cavallo di questo punto interstellare come Laffy Taffy

Il buco nero della nostra galassia si trova a cavallo di questo punto interstellare come Laffy Taffy

La scorsa settimana, scienziati ci ha dato Con un altro episodio di The Scary Supermassive Black Hole Diaries. Al centro della nostra galassia, un enorme vuoto chiamato Sagittarius A* è stato catturato dalla telecamera mentre terrorizzava una gigantesca massa di detriti interstellari.

Sebbene questo incredibile evento in sé non sia una scoperta completamente nuova, gli ultimi dettagli del team di scienziati, Pubblicato il 21 febbraio su The Astrophysical JournalHanno dipinto il quadro migliore della storia di questo formidabile punto condannato.

per essere chiari, Agr A*, e quindi tutto ciò che si trova nelle sue immediate vicinanze, è a più di 20.000 anni luce di distanza dal nostro punto di osservazione sulla Terra, il che tecnicamente significa che questa situazione estrema si è verificata oltre 20.000 anni fa. Abbiamo scattato le foto solo ora perché è stata rapita Questo lungo tempo Per la brillantezza causata dalla tempesta per raggiungere i nostri telescopi. Tuttavia, per motivi di discussione e di sanità mentale generale, ne parlerò al presente.

Tornando alla nostra eccitante nube di polvere e gas, questo oggetto si chiama X7, ha una massa equivalente a circa 50 terrestri e sembra aver vorticato attorno a Sgr A* per decenni a velocità folli di circa 700 miglia ciascuno. secondo. Ma ancora più importante, l’X7 è stato attentamente monitorato dagli esperti per molto tempo a causa della sua forma estremamente sconcertante – sembra un Tic-Tac – e del fatto che è stato leggermente rimodellato molto rapidamente per motivi di comfort.

Ora, la storia cinematografica di X7 è stata rivelata a tutti noi.

“Nessun altro oggetto in questa regione ha mostrato un’evoluzione così estrema”, ha dichiarato Anna Cirlo, ricercatrice associata presso l’UCLA e autrice principale dell’articolo.

READ  Come i solitoni piegano il tempo, lo spazio e le regole

Come spiega Ciurlo, l’X7 è nato come una cometa. Ma lei e i suoi colleghi ricercatori lo hanno seguito per quasi 20 anni, durante i quali l’hanno visto allungarsi mentre camminava sempre più in profondità… nell’attrazione gravitazionale di Sgr A*.

Qui puoi vedere l’evoluzione della forma dell’X7 man mano che il buco nero lo trascinava nel corso degli anni.

Anna Ciorlo/Università della California

“È emozionante vedere i cambiamenti significativi nella forma e nella dinamica di X7 in grande dettaglio su una scala temporale relativamente breve mentre le forze gravitazionali del buco nero supermassiccio al centro della galassia della Via Lattea agiscono su questo oggetto”, Randy Campbell, co -autore delle operazioni cartacee e scientifiche presso l’Osservatorio Keck, è una macchina che ha aiutato il team ad analizzare, ha affermato in una nota.

Teoricamente, i ricercatori pensano che X7 impiegherebbe circa 170 anni per completare la sua orbita attorno a Sgr A*, ma in realtà quel punto probabilmente non ci arriverà.

L’abbraccio del buco nero è implacabile.

“Ci aspettiamo che le forti forze di marea esercitate dal buco nero galattico facciano a pezzi X7 prima che abbia completato anche solo un’orbita”, ha detto in una dichiarazione il coautore Mark Morris, professore di fisica e astronomia dell’UCLA.

Il che mi porta all’episodio 852, probabilmente, di The Scary Supermassive Black Hole Diaries. Ecco cosa accadrà probabilmente all’X7 durante la sua eventuale scomparsa.

Vola al centro della Via Lattea per rivelare la prima immagine del buco nero, Sgr A*.

collaborazione EHT

Quando si pensa ai buchi neri supermassicci, non è raro immaginarli “divorare” o “risucchiare” pezzi dell’universo, forse anche sulle note di un film serio. Hans Zimmer ti guarda. Ma in realtà, questi vuoti sono più negativi di quanto ci si potrebbe aspettare, ed è questo che li rende ancora più terrificanti.

I buchi neri sono sparsi nel tessuto dello spazio e in un certo senso rimangono lì con la loro enorme attrazione gravitazionale fino a quando una stella – o una nuvola interstellare, in questo caso – si avvicina accidentalmente troppo. Immediatamente e senza sforzo, la gravità della bestia inizia a comprimere, allungare, torcere e piegare questa sfera sfortunata. Questo continuerà a succedere finché la cosa non sembrerà una tagliatella molto lunga. Questo processo si chiama (meritatamente) spaghettieff.

Lentamente, la cosa della tagliatella si avvicina al buco nero, finché non attraversa il confine sfocato tra il nostro universo e qualunque cosa si trovi nell’abisso: l’orizzonte degli eventi.

Al di fuori di quest’area, nulla può sfuggire. Non atomi, non suono, non luce, e certamente non la cena del buco nero ora rimpicciolita di X7. No, questa cosa non farà più parte del nostro universo per allora. Farà parte di un’altra realtà a cui noi umani non possiamo accedere senza subire la stessa sorte.

E dopo, il punto “scomparirà” per sempre.

Quanto a cos’è esattamente l’X7? Da dove viene?

“Una possibilità è che il gas e la polvere X7 siano stati emessi nel momento in cui due stelle si sono fuse”, ha detto Cirlo, sottolineando che tali fusioni di stelle sono molto comuni vicino ai buchi neri. Nel processo, la stella unita è nascosta all’interno di un guscio di polvere e gas, che potrebbe corrispondere alla descrizione degli oggetti G.

Nonostante la nuova fantastica lente del team sul corpo, questa parte è ancora un mistero.