Giugno 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I Warriors si lasciano sfuggire una potenziale vittoria in Minnesota mentre Steph Curry riposa nei momenti cruciali

I Warriors si lasciano sfuggire una potenziale vittoria in Minnesota mentre Steph Curry riposa nei momenti cruciali

MINNEAPOLIS — I Golden State Warriors sono entrati nel quarto quarto domenica sera a Minneapolis con 3 punti di vantaggio. Il totale dei minuti di Steph Curry è arrivato a 23, dopo essere stato a riposo per gli ultimi 4:07 del terzo quarto. Due sere fa, con uno schema di sostituzioni simile, Steve Kerr ha giocato a Curry per l'intera partita 4, portando il suo totale a 35.

Kerr, Rick Celebrini e i decisori degli Warriors chiaramente non volevano che si ripetesse una cifra simile. È l'inizio di un viaggio compatto. Preferivano mantenere Curry nell'intervallo di 32 minuti quasi tutte le sere. Così Curry si è seduto per aprire il quarto trimestre.

Ma i Minnesota Timberwolves hanno rapidamente ribaltato la situazione, aggiungendo più urgenza. I primi quattro possedimenti sono stati un turnover di Trayce Jackson-Davis, Nickeil Alexander-Walker ha fatto un 3, un turnover di Andrew Wiggins e Monte Morris ha fatto un 3. Il Minnesota è passato da 3 punti a 3 in 57 secondi.

Kerr lasciò andare la situazione per un po'. Hanno acquisito Brandin Podziemski (fatto 3) e Chris Paul midranger per stabilizzarsi temporaneamente. Ma una schiacciata di Rudy Gobert, un turnover e un layup di Mike Conley hanno portato i Timberwolves avanti di quattro con 8:56 rimasti. I Warriors chiamano timeout.

È stato identificato come il momento probabile per l'ingresso di Curry. Gli 8:56 finali lo avrebbero riportato a 32 minuti, il suo solito ritmo conservativo. Curry ha ammesso di essere “un po'” sorpreso che il suo numero non fosse stato chiamato a quel punto, considerando le circostanze della partita e questa stagione balbettante.

“Voglio giocare quanti più minuti possibile quando sono fresco e in grado di farlo”, ha detto Curry.

Il curry riposerà per altri 2 minuti. In quel periodo, il punteggio dei Warriors è aumentato da 4 punti a 8 punti. Quando Curry è tornato al 6:54 del quarto quarto, dopo un altro timeout, era sotto 97-89.

Alla fine hanno perso 114-110. Il curry finirà in soli 29 minuti e 51 secondi. In quella partita, i Warriors batterono i Timberwolves di 6 punti. In più di 18 minuti trascorsi in panchina, hanno condotto di 10 punti.

“Stiamo cercando di mantenerlo intorno ai 30 anni e di dargli quanto più riposo possibile”, ha detto Kerr. “Con lui ha giocato tanti minuti, due giorni fa ha giocato 35 minuti con lui. Finché eravamo lì, volevamo limitare un po' i minuti. Non metteteli limiti, ma non sopravvalutate lui.”

READ  Jordan Travis della FSU afferma che la sua carriera universitaria è finita dopo un infortunio

È impossibile sapere se i due minuti extra di Curry in panchina avrebbero cambiato il risultato e, a questo punto, è improbabile che una vittoria sui Timberwolves cambi il destino dei playoff dei Warriors. Sono lontani dall'ottavo posto (cinque partite) per una singola vittoria o sconfitta. Ma è l'ultimo incendio e la sconfitta di misura in una stagione piena di loro.

“No”, ha detto Kerr quando gli è stato chiesto se i due minuti extra di pausa curry gli fossero costati. “Abbiamo Chris Paul lì. Abbiamo Klay (Thompson). Abbiamo Draymond (Green). Abbiamo grandi giocatori lì. Non possiamo aspettarci che Steph cavalchi semplicemente partita dopo partita dopo partita. Le ultime settimane sono state molto difficili Per lui. Abbiamo messo il peso su questa franchigia”. Sulle sue spalle per 15 anni. Non possiamo aspettarci che giochi 35 minuti. Abbiamo cinque partite in sette giorni in questo viaggio. Se vuoi dirlo giocare 30 minuti invece che 32 fa la differenza tra vincere o perdere, poi non sono d'accordo: “Solo questo. Stiamo cercando di vincere la partita. Stiamo cercando di tenerlo fresco”.

Ai Warriors restano 12 partite. Possono ancora raggiungere i Los Angeles Lakers per il nono posto. Rischiano di scappare da dietro. Gli Houston Rockets giocano una partita su 10 e le due squadre si affronteranno faccia a faccia il 4 aprile a Houston. È realistico per i Warriors mantenere Curry nell'intervallo di 30 minuti e accumulare comunque abbastanza vittorie e slancio per fare il tipo di rumore post-stagionale di cui affermano di credere di essere capaci?

“La situazione si definirà molto chiaramente”, ha detto Carey. “È il tempo reale. Ogni giocata conta. “Ci stiamo lentamente avvicinando all'altra estremità della classifica dove non avremmo mai pensato di essere. Nessuno sventolerà bandiera bianca e la spedirà. “Se ciò significa giocare più minuti, sarò disposto a farlo”.

Ci sono stati aspetti della sconfitta di domenica contro i Timberwolves che sono stati positivi per i Warriors. Sono usciti concentrati in difesa e hanno protetto bene il canestro. Il Minnesota ha registrato nove palle perse e 18 punti (solo 6 nell'area) nel primo quarto. I Timberwolves ne avevano segnati appena 46 nel primo tempo. Kerr ha elogiato il livello di impegno della squadra.

READ  L'UConn ha tutte le risposte contro lo Stato di San Diego in una sconfitta agli Sweet 16

Ma i crolli si sono verificati frequentemente nella seconda metà. Troppo spesso confondevano gli interruttori sul perimetro e facevano sì che i giocatori lasciassero il tiratore sbagliato. Hanno permesso ad Anthony Edwards di brillare per un triplo ad ala aperta a sei minuti dalla fine. Hanno permesso a Conley di entrare in un 3 aperto a tre minuti dalla fine della partita. Hanno ceduto 68 punti nel secondo tempo.

“Non penso che abbiamo grandi abitudini”, ha detto Draymond Green, aggiungendo poi: “Siamo una squadra molto tranquilla”.

La discreta prestazione difensiva è stata un passo nella giusta direzione rispetto alla sconfitta casalinga contro gli Indiana Pacers due sere fa. I Warriors hanno trascorso quasi due ore domenica nel loro hotel in Minnesota a rivedere quello che Green ha definito un film “brutto”.

Kerr ha identificato il problema nella mancanza di impegno nella transizione. Il suo staff tecnico dice ai giocatori di rompere il vetro offensivo o di tornare indietro. In caso contrario, la chiamano “residenza”. Ha detto che avevano avuto troppi “soggiorni”, il che ha portato direttamente a un'altra frustrante perdita di casa.

“Dipende da noi come allenatori. Dobbiamo essere in grado di trasmettere questo messaggio. È un lavoro di squadra. Dobbiamo trovare un modo per trasmetterlo ai nostri ragazzi”.

Curry è stato forse il colpevole più grave dei Pacers. È tornato indietro in transizione su uno dei più grandi possessi della partita, permettendo ad Andrew Nembhard di corrergli dietro per un layup incontrastato in prima serata.

READ  Gli Steelers incontrano il QB Russell Wilson prima dell'inizio del periodo di free agency: Fonte

“Come giocatore, sai quando commetti errori e commetti errori”, ha detto Curry. “Poi vai a guardare il film ed è 10 volte peggio. Ogni piccola commedia, siamo un passo indietro. Era una commedia dopo l'altra. Era difficile da guardare.”

I Warriors avevano fretta di uscire da Minneapolis coperta di neve domenica sera. Il resto del volo è più caldo. Ma ci attendono altre sfide. La Florida affronterà consecutivamente martedì e mercoledì sera contro i Miami Heat e gli Orlando Magic, entrambe squadre con difese forti. Orlando è 25-10 in casa in questa stagione.

Quindi è giusto chiedersi se la spirale discendente di questi Warriors potrebbe eliminarli completamente dal decimo seme entro la fine della settimana. Lunedì sera i Rockets affronteranno i Portland Trail Blazers.

“L'NBA è un campionato strano”, ha detto Curry. “Ci vuole solo una piccola scintilla per esplodere. Vedi cosa sta facendo Houston in questo momento. Hanno una piccola scintilla e sono andati otto, nove di fila. Siamo capaci di farlo. Finché non corriamo fuori dai giochi, questo è il messaggio.”

Vai più in profondità

Guerrieri in dissolvenza, segni di inutilità e forse un ultimo raduno…la prossima stagione

(Foto di Stephen Curry e Rudy Gobert: Brad Rempel/USA Today)