Febbraio 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I proiettili dell'artiglieria del Myanmar sono caduti in Cina, ferendo 5 persone e facendo arrabbiare Pechino

I proiettili dell'artiglieria del Myanmar sono caduti in Cina, ferendo 5 persone e facendo arrabbiare Pechino

Reuters

Il personale di sicurezza cinese si trova vicino a un veicolo della polizia dopo che i proiettili di artiglieria hanno colpito a Nansan, nella provincia dello Yunnan, in questo screenshot ottenuto da un video sui social media, il 3 gennaio 2024.

Un portavoce del ministero degli Esteri cinese ha detto giovedì che la Cina ha protestato nei confronti del Myanmar dopo che cinque persone sono rimaste ferite dai proiettili di artiglieria lanciati durante gli scontri tra la giunta militare al potere e i gruppi ribelli che si sono spostati in una piccola città vicino al suo confine.

Il conflitto armato nel nord del Myanmar tra militari e gruppi ribelli si è intensificato dalla fine di ottobre, suscitando richieste di cessate il fuoco da parte della vicina Cina, che ha anche facilitato il dialogo tra le due parti.

“La Cina si rammarica profondamente per le vittime cinesi causate dal conflitto e ha già presentato solenni rimostranze alle parti interessate”, ha affermato Wang Wenbin, portavoce del governo.

“La Cina chiede ancora una volta a tutte le parti in conflitto di cessare il fuoco, smettere di combattere e adottare misure per prevenire il ripetersi di eventi così atroci”, ha detto Wang in una regolare conferenza stampa.

Ha aggiunto che la Cina adotterà le misure necessarie per proteggere la vita e le proprietà dei suoi cittadini.

In precedenza, il quotidiano statale Global Times aveva affermato che cinque persone a Nansan, una città subtropicale vicino al Myanmar, erano state portate in ospedale dopo essere state ferite mercoledì da proiettili vaganti.

Un video dell’incidente, che il giornale ha pubblicato sui social media, mostrava una persona sdraiata sul marciapiede mentre la gente gridava: “Chiama la polizia!”

READ  Il leader bielorusso avverte di non mettere Putin nell'angolo del nucleare

Il giornale ha aggiunto nel video che i funzionari della città di Jinkang, nella provincia dello Yunnan, nel sud-ovest del paese, hanno confermato che i bombardamenti hanno deviato da Lakai, nella regione di Kokang, nel nord del Myanmar, intorno alle due del pomeriggio di mercoledì.

L’incidente arriva dopo che la scorsa settimana l’ambasciata cinese in Myanmar ha esortato i suoi cittadini a lasciare Lucai il prima possibile, citando i crescenti rischi per la sicurezza.

Per molti anni, Kokang nello Stato Shan del Myanmar è stata un'area turbolenta e turbolenta.

Nel 2015, proiettili provenienti dalla regione sono caduti anche oltre il confine nella provincia dello Yunnan durante gli scontri tra le forze governative del Myanmar e i ribelli, ferendo un uomo cinese e quattro cittadini del Myanmar, facendo arrabbiare Pechino.

All'epoca, alcuni dei combattimenti ebbero luogo entro 500 metri (1.640 piedi) dal confine tra Cina e Myanmar.

Nel 2009, scontri nella stessa zona costrinsero decine di migliaia di persone a fuggire attraverso il confine con la Cina, secondo quanto riferito dai media statali cinesi e da gruppi per i diritti umani.

A metà dicembre, le Nazioni Unite stimavano che dal 27 ottobre fossero state oltre 660.000 le persone sfollate in Myanmar, e il numero totale a livello nazionale ammontava a circa 2,6 milioni di persone.

La Cina ha esortato i suoi cittadini a evitare di recarsi nel nord del Myanmar e ha consigliato a coloro che sono già lì di cercare sicurezza o di tornare a casa.