Febbraio 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I nuovi eredi miliardari superano gli eredi miliardari che si sono fatti da soli mentre la ricchezza di 5,2 trilioni di dollari inizia a trasferirsi

I nuovi eredi miliardari superano gli eredi miliardari che si sono fatti da soli mentre la ricchezza di 5,2 trilioni di dollari inizia a trasferirsi


Londra
CNN

Per la prima volta da quando UBS ha iniziato a monitorare le fortune, i miliardari coniati negli ultimi anni hanno accumulato più ricchezza attraverso l’eredità che attraverso l’imprenditorialità. Una delle persone più ricche del mondo da quasi un decennio.

Giovedì la banca svizzera ha affermato in un rapporto che gli eredi miliardari sono più propensi dei loro padri a concentrarsi sulle principali opportunità e sfide dell’economia globale e a investire in settori come l’energia pulita e l’intelligenza artificiale.

“I trasferimenti significativi di ricchezza stanno guadagnando slancio man mano che molti imprenditori miliardari invecchiano”, ha affermato Benjamin Cavalli, che supervisiona i clienti strategici dell’azienda. Lo ha detto ai giornalisti l’unità di gestione patrimoniale globale di UBS.

“Si tratta di un argomento che prevediamo di approfondire nei prossimi 20 anni, poiché più di 1.000 miliardari trasferiscono circa 5,2 trilioni di dollari ai propri figli”.

UBS, tra i cui clienti figura la metà dei miliardari del mondo, ha scoperto che 150,8 miliardi di dollari sono stati ereditati da 53 eredi nei 12 mesi fino ad aprile, superando i 140,7 miliardi di dollari raccolti da 84 nuovi miliardari self-made durante quel periodo.

Nel complesso, il numero dei miliardari a livello globale è aumentato del 7% arrivando a 2.544, mentre la loro ricchezza complessiva è aumentata del 9% arrivando a 12mila miliardi di dollari, prima che si tenga conto dell’inflazione.

Questo totale È ancora lontano dal picco di 13,4 trilioni di dollari raggiunto nel 2021, quando la comunità globale dei miliardari crebbe fino a raggiungere 2.686 persone a seguito di un’impennata post-pandemia di asset come azioni e immobili.

READ  Discussioni: Zuckerberg afferma che 10 milioni si stanno unendo a un meta concorrente di Twitter

I risultati del rapporto riflettono anche lo stato vulnerabile del paese Il mercato delle IPO continua fino al 2022 e all’inizio del 2023, il che limita le opportunità per gli imprenditori di quotare le proprie attività, aumentando così la loro ricchezza.

Il rapporto afferma che per la prima volta l’Europa ha guidato la crescita della ricchezza miliardaria, poiché “lo shopping sfrenato post-pandemia” ha aumentato i profitti e i prezzi delle azioni delle principali società di beni di lusso con sede in Francia, avvantaggiando le famiglie miliardarie dietro di loro.

Ciò include il presidente di LVMH Bernard Arnault e i suoi cinque figli. Arnault è il terzo uomo più ricco del mondo, con un patrimonio netto di 167 miliardi di dollari, secondo il Bloomberg Billionaires Index. La ricchezza di Arno ha superato quella di Elon Musk, fondatore di Tesla, e Jeff Bezos, fondatore di Amazon – che si classificavano rispettivamente primo e secondo – alla fine dello scorso anno.

Il rapporto ha evidenziato che, nonostante la tecnologia e la sanità, i miliardari hanno accumulato la maggiore ricchezza negli ultimi dieci anni “Primi segnali di miglioramento delle fortune” per i miliardari del settore, tra cui artisti del calibro dell’indiano Gautam Adani, che è dietro la multinazionale Adani Group, e Mukesh Ambani di Reliance Industries.

“Ciò potrebbe continuare nonostante gli incentivi governativi di molti paesi volti a promuovere la transizione energetica e ad aumentare la spesa per la difesa”, afferma il rapporto.

Rischi e opportunità per UBS

Il trasferimento “sorprendente” di ricchezza alle generazioni più giovani rappresenta per UBS un’enorme opportunità, ma comporta anche rischi significativi, secondo Cavalli.

“Puoi essere dalla parte dei vincitori o dei beneficiari, oppure… perderai risorse significative nel tempo se non conosci i potenziali beneficiari”, ha detto.

In genere, clienti più giovani Preferiscono avere un banchiere diverso dai loro genitori, anche se non necessariamente un banchiere più giovane, ha detto Cavalli, sottolineando che molti degli eredi hanno più di 50 anni.

Dopo aver salvato il rivale fallito Credit Suisse a marzo, UBS è ora il secondo gestore patrimoniale più grande del mondo - dietro solo a Morgan Stanley - con quasi 5,4 trilioni di dollari di asset in gestione.

Il cambio della guardia potrebbe avere un impatto anche sulle donazioni di beneficenza, dato che, secondo il rapporto UBS, meno di un terzo delle generazioni precedenti vede gli obiettivi di beneficenza come uno dei loro obiettivi principali, rispetto ai due terzi dei miliardari di prima generazione.

Gli eredi sono più propensi all’impact investing, ovvero a investimenti vantaggiosi dal punto di vista sociale o ambientale. “È più una classica filantropia basata su sovvenzioni”, ha detto Cavalli, “è noto che i patriarchi del passato firmano assegni per cause per le quali hanno una passione personale”.

L’investitore miliardario Charlie Munger, morto martedì all’età di 99 anni, era noto per le sue donazioni in beneficenza. Ad esempio, in ottobre, secondo un rapporto, ha donato azioni della Berkshire Hathaway per un valore di 40 milioni di dollari alla Henry E. Huntington Library and Art Gallery. Deposito regolamentare.