Febbraio 28, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

I batteri possono immagazzinare ricordi e trasmetterli per generazioni: ScienceAlert

I batteri possono immagazzinare ricordi e trasmetterli per generazioni: ScienceAlert

Secondo una nuova ricerca, un organismo unicellulare senza cervello o sistema nervoso di cui parlare potrebbe ancora formare ricordi e trasmetterli alle generazioni future.

I batteri si diffondono ovunque, Escherichia coli, Lui è Una delle forme di vita più studiate Sulla Terra, tuttavia, gli scienziati stanno ancora scoprendo modi inaspettati per sopravvivere e diffondersi.

I ricercatori dell’Università del Texas e dell’Università del Delaware hanno ora scoperto un potenziale sistema di memoria che consente ciò batteri coli “Ricordare” le esperienze passate per ore e generazioni dopo.

Il team afferma che, a loro conoscenza, questo tipo di memoria batterica non è stato scoperto prima.

È chiaro che la memoria di cui discutono gli scienziati in questo caso non è la stessa memoria umana cosciente.

Il fenomeno della memoria batterica invece Descrivere Come le informazioni provenienti dalle esperienze passate influenzano il processo decisionale attuale.

“I batteri non hanno cervello, ma possono raccogliere informazioni dal loro ambiente e, se incontrano quell’ambiente ripetutamente, possono immagazzinare tali informazioni e accedervi rapidamente in seguito a proprio vantaggio.” Lui spiega Il ricercatore principale è il biologo molecolare Souvik Bhattacharya dell’Università del Texas.

Le scoperte di Bhattacharyya e del suo team si basano su forti correlazioni derivanti da oltre 10.000 test di “sciamatura” batterica.

Questi esperimenti erano un test per vedere se… batteri coli Le cellule su una piastra si raggrupperanno insieme per formare un’unica massa migratoria che si muove con lo stesso motore. Questo comportamento indica generalmente che le cellule si stanno unendo per cercare in modo efficiente un ambiente adatto.

D’altra parte quando batteri coli Le cellule si raggruppano per formare un biofilm appiccicoso, che è il loro modo di colonizzare una superficie nutritiva.

READ  I cervelli degli astronauti "ricablati" durante le missioni spaziali

Negli esperimenti preliminari, i ricercatori hanno rivelato batteri coli Le cellule sono state esposte a diversi fattori ambientali per scoprire quali condizioni le portavano a sciamare più rapidamente.

Alla fine, il team ha scoperto che il ferro intracellulare era il più forte indicatore del movimento o della permanenza dei batteri.

Livelli più bassi di ferro erano associati a una mobilizzazione più rapida ed efficiente, mentre livelli più alti portavano a uno stile di vita più sedentario.

Un esempio di batteri coli Sciame batterico. (Università del Texas ad Austin)

Tra la prima generazione batteri coli cellule, questa sembra essere una risposta intuitiva. Ma dopo aver sperimentato un solo evento di sciamatura, le cellule che hanno sperimentato livelli di ferro più bassi più avanti nella vita erano più veloci ed efficienti nello sciamare rispetto a prima.

Inoltre, questa memoria “di ferro” viene trasmessa ad almeno quattro generazioni successive di cellule figlie, che si formano dalla divisione della cellula madre in due nuove cellule.

Con la settima generazione di cellule figlie, la memoria del ferro viene naturalmente persa, anche se può essere ripristinata se gli scienziati la migliorano artificialmente.

Gli autori dello studio non hanno ancora determinato il meccanismo molecolare alla base di questo potenziale sistema di memoria o la sua ereditarietà, ma la forte associazione tra ferro intracellulare e comportamento di sciamatura tra generazioni suggerisce che sia in gioco un livello di condizionamento continuo.

Sebbene sia noto che la genetica gioca un ruolo… Passaggio di impostazioni biologiche “ricordate”. Attraverso le generazioni batteri coli Regolando le impostazioni “on” e “off” di geni specifici, i ricercatori ritengono che la breve durata dell’ereditarietà significhi che questo non è il meccanismo sottostante.

READ  Nuova immagine dal telescopio Webb, anteprima della missione lunare Artemis I.

Il ferro è associato a molteplici risposte allo stress nei batteri. Il fatto che attorno ad esso si sia formato un sistema di memoria intergenerazionale ha molto senso dal punto di vista evolutivo.

Il sistema di memoria a base di ferro può aiutare batteri coli Adattamento a cattive condizioni ambientali o agli antibiotici.

Uno batteri coli La cellula può Raddoppia in mezz’oraQuindi la capacità di trasferire tale memoria alle cellule figlie può essere utile anche in ambienti che cambiano lentamente.

“Prima che ci fosse l’ossigeno nell’atmosfera terrestre, la vita cellulare primitiva utilizzava il ferro per molti processi cellulari”. Lui dice Bhattacharya.

“Il ferro non è importante solo nell’origine della vita sulla Terra, ma anche nell’evoluzione della vita. È logico che le cellule lo utilizzino in questo modo.”

“Alla fine”, ha detto Bhattacharya Egli conclude, “Più sappiamo sul comportamento dei batteri, più facile sarà combatterli”.

Lo studio è stato pubblicato in Con le persone.