Maggio 20, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Grandi massi che colpiscono Marte, cratere del cratere, rivelano caratteristiche del sottosuolo

Grandi massi che colpiscono Marte, cratere del cratere, rivelano caratteristiche del sottosuolo

Sospensione

Marte ha molti crateri. Ora ha due nuove specie: è stato sradicato dalle rocce che hanno colpito il pianeta alla fine dell’anno scorso.

Marte andrà bene. Questo non è un disastro naturale. Non avvertiamo che la terra è nuova Vulnerabile dagli asteroidi. Il sistema solare è pieno di detriti. Marte ha un’atmosfera debole e quando una meteora arriva volando dallo spazio, è improbabile che bruci prima di colpire la superficie.

Ma ciò che ha sconcertato gli scienziati, tanto che la NASA ha deciso di tenere una conferenza stampa giovedì per evidenziare la scoperta, dettagliata in due parti. Foglie pubblicato In Science – è che gli effetti della creazione di crateri sono stati documentati da due veicoli spaziali della NASA, un orbiter e un lander. Questo è stato un grande spettacolo per riunire risorse scientifiche, con una che ha fornito uno sguardo agli eventi di impatto mentre l’altra ha fornito un orecchio.

Il risultato è uno straordinario insieme di dati sull’interno di Marte, un argomento di grande interesse per gli scienziati planetari che vogliono capire perché questo mondo roccioso che avrebbe potuto essere più caldo e umido 4 miliardi di anni fa si è trasformato in un deserto ghiacciato senza segno di vita.

Questo è stato anche un evento da record: il più grande impatto della formazione di crateri su uno dei pianeti rocciosi interni del Sistema Solare è stato documentato in tempo reale, secondo Philippe Legnonne, autore principale di uno dei documenti di ricerca appena pubblicati.

Il nuovo cratere è largo circa 150 iarde e profondo circa 21 iarde, ed è stato formato così violentemente da scagliare massi a 40 chilometri (quasi 25 miglia) dall’impatto, secondo Lilia Pociolova, scienziata senior presso Malin Space Sciences Systems. NASA a due telecamere Veicolo da ricognizione Marte.

READ  Il dinosauro conosciuto come Barry sarà messo in vendita in un'asta rara a Parigi

La sonda vede spesso i risultati di piccole collisioni, lasciando un vantaggio nel diametro massimo di pochi metri. Ma quello che gli scienziati del team di Busiulova hanno visto a febbraio era di gran lunga il cratere più grande che la sonda avesse mai scoperto. In effetti, era così grande da passare quasi inosservato.

“È una caratteristica enorme, enorme. Sono stato addestrato a vedere i piccoli lineamenti. Il tuo occhio cerca le macchie”, ha detto Busiulova.

Il cratere è stato avvistato l’11 febbraio, ma gli scienziati sapevano di avere altre immagini della superficie marziana ottenute quotidianamente e sono tornati indietro nel tempo alla ricerca del cratere quando il cratere è apparso per la prima volta.

Busiulova ha ricordato che un’altra navicella spaziale su Marte, la NASA Veicolo da sbarco InSightUna grande scossa è stata avvistata la vigilia di Natale, che è stata parcheggiata in superficie per quattro anni per monitorare l’attività sismica. All’improvviso tutto si è allineato. La prima apparizione del cratere nelle immagini dell’orbiter ha coinciso con il segnale sismico registrato dallo strumento di superficie.

I dati sismici possono quindi essere analizzati nel contesto della distanza dall’impatto. Ciò ha contribuito a migliorare i modelli esistenti dall’interno di Marte, ha affermato Lugnona.

Busiulova ha detto che il più grande dei due crateri potrebbe essere il risultato di un oggetto di diametro compreso tra 5 e 12 iarde. Ha detto che un tale oggetto probabilmente brucerebbe nell’atmosfera terrestre se entrasse in collisione con il nostro pianeta.

Ha detto che l’origine dei meteoriti è sconosciuta, ma è possibile che provenissero dalla cintura di asteroidi tra Marte e Giove.

READ  Lancio di SpaceX Axiom-2, Thunder on the Beach: preparati per il traffico intenso

“Questi effetti sono molto grandi. Ma possiamo continuare a dormire bene sulla Terra”, ha detto Lugnonier. “La nostra atmosfera ci protegge”.