Maggio 25, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Google modifica i suoi risultati di ricerca per eliminare lo spam SEO

Google modifica i suoi risultati di ricerca per eliminare lo spam SEO

Tra le lamentele sulla bassa qualità dei risultati di ricerca, c'è anche Google Ottimizzazione I suoi algoritmi svolgono un lavoro migliore nell’eliminare lo spam o i contenuti automatizzati. La società afferma che gli aggiornamenti alle valutazioni, che arriveranno a maggio, “lavoreranno per mantenere i contenuti di qualità inferiore fuori dalla ricerca”. Di particolare rilievo è che Google afferma che il suo motore sarà migliore nell’eliminare i contenuti automatizzati esistenti (leggi: generati dall’intelligenza artificiale) che sono difficili da rilevare.

Google afferma che sta prendendo ciò che ha imparato dal suo algoritmo del 2022 Regolare “Per ridurre i contenuti inutili e non originali” e applicarlo al nuovo aggiornamento. L'azienda afferma che le modifiche invieranno più traffico a “siti utili e di alta qualità”. Se combinata con gli aggiornamenti di due anni fa, Google stima che la revisione ridurrà lo spam e i risultati di ricerca non autentici del 40%.

“Questo aggiornamento include il miglioramento di alcuni dei nostri principali sistemi di classificazione per aiutarci a capire meglio se le pagine web non sono utili, se hanno una scarsa esperienza utente o se sembrano create per i motori di ricerca invece che per le persone”, ha scritto Elizabeth Tucker, direttore del prodotto di Google gestione. “Ciò potrebbe includere siti creati principalmente per soddisfare query di ricerca molto specifiche.”

Sembra che Google stia prendendo di mira lo spam SEO generato dall’intelligenza artificiale con le sue osservazioni sull’uso improprio diffuso dei contenuti. L'azienda afferma che sta rafforzando il proprio approccio al crescente problema dei siti che generano articoli di spam automatizzati (oltre a concentrarsi sullo spam legacy generato dall'uomo).

“I metodi odierni di creazione di contenuti su larga scala stanno diventando sempre più sofisticati e non è sempre chiaro se i contenuti vengono creati esclusivamente attraverso l'automazione o meno”, ha affermato Tucker. Google afferma che i cambiamenti “ci consentiranno di agire su più tipi di contenuti con poco o nessun valore creati su larga scala, come le pagine che fingono di avere risposte alle ricerche più frequenti ma non riescono a fornire contenuti utili”.

READ  L'aggiornamento di sistema per Nintendo Switch 14.1.2 è ora disponibile, ecco le note complete sulla patch

Le content farm generate dall'intelligenza artificiale e i contenuti esplosivi per ingannare il sistema sono un problema crescente, quindi i cambiamenti di Google, se saranno efficaci come promesso, saranno i benvenuti. Sebbene i siti che inviano esclusivamente spam possano essere più facili da individuare, sarà interessante vedere se gli scenari in cui punti vendita affidabili sperimentano lo spam generato dall’intelligenza artificiale (CNET E Lo sport illustrato Sono esempi recenti) saranno interessati.

Un'altra modifica all'algoritmo riguarderà la pratica dei siti affidabili che ospitano contenuti di bassa qualità di terze parti progettati per manipolare il buon nome del sito. Google fornisce un esempio di un sito didattico che ospita una revisione di prestiti con anticipo sullo stipendio di terze parti. “Adesso considereremo come spam i contenuti di terze parti di basso valore prodotti principalmente a fini di classificazione e senza un attento monitoraggio da parte del proprietario del sito Web”, ha scritto Tucker.

Infine, gli aggiornamenti di Google presumibilmente faranno un lavoro migliore eliminando i domini scaduti che qualcun altro ha acquistato e convertendoli in clic. Il motore di ricerca inizierà a trattare questi siti come spam.

Non vedrai miglioramenti immediati perché Google dà ai proprietari dei siti un preavviso di due mesi per adeguarsi di conseguenza. Le modifiche al motore di ricerca entreranno in vigore il 5 maggio.