Giugno 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gli Yankees si mobilitano per la vittoria dopo un’interferenza “dirompente” chiamata per primo down

Gli Yankees si mobilitano per la vittoria dopo un’interferenza “dirompente” chiamata per primo down

ANAHEIM, California – Una volata di lancio e una chiamata di interferenza si sono profilate nella partita per la seconda volta in meno di una settimana.

Questa volta sono stati i New York Yankees e Juan Soto.

Gli Yankees erano carichi di basi senza eliminazioni nel primo inning di mercoledì sera contro i Los Angeles Angels quando sono stati sconfitti da un doppio gioco non ortodosso.

Nonostante lo strano inizio di partita, gli Yankees sono riusciti a vincere 2-1.

“È un modo difficile per iniziare le cose quando carichi le basi là fuori nel primo inning e hai un buon lanciatore alle corde”, ha detto il manager di New York Aaron Boone “Ma secondo la legge lo era probabilmente la decisione giusta.” , che è stato espulso.

Giancarlo Stanton ha centrato un popup alto vicino al sacco nel secondo. Gli arbitri hanno chiamato un pitch fly, ma Soto ha colpito l’interbase degli Angels Zach Neto con la coscia mentre cercava di tornare in seconda base, facendo perdere traccia della palla a Neto e atterrando in campo esterno.

L’arbitro della seconda base Vic Carapazza ha stabilito che Soto ha interferito con Neto, provocando l’eliminazione del secondo.

“È ovviamente un gioco traballante. Una volta che Juan si impegna ad arrivare lì e cerca di togliersi di mezzo, se Neto lo prende, potrebbe prenderlo nel sacco con un doppio gioco. È come, ‘Dove va?'” Boone ha detto.

Carapazza ha detto in un rapporto del pool post partita che la sua opinione era che Soto non fosse entrato in contatto intenzionalmente con Neto per il contrasto, ma che Soto non fosse sulla base, che è l’unico momento in cui un corridore di base è protetto.

READ  5 cose imparate a Packers Family Night - 5 agosto

“Gli ho fatto interferire con il difensore e ho chiamato per primo la volata, che ora il battitore era eliminato. Il contrasto è stato quindi il secondo”, ha detto Carapazza.

Neto ha anche convenuto che Soto non stava cercando di interferire. È stato semplicemente un pessimo tempismo.

“Non avevo intenzione di intralciarlo o intralciarmi”, ha detto Neto. “La partita è appena avvenuta e stavo cercando di prendere la palla”. “Mi ha fatto un po’ male. L’arbitro ha detto che ogni interbase della grande lega prende quella palla. Stavo cercando di prenderla, e lui era proprio lì.”

Boone è uscito per contestare la chiamata e Carabazza lo ha espulso. È stata la terza espulsione stagionale di Boone e la 36esima della sua carriera.

Tyler Anderson e gli Angels sono usciti indenni dall’inning quando Alex Verdugo è andato a terra.

L’allenatore della panchina Brad Ausmus, che ha allenato gli Angels nel 2019, è subentrato dopo il licenziamento di Boone.

Giovedì scorso a Chicago, gli arbitri hanno stabilito che il corridore designato dei White Sox Andrew Vaughn ha interferito con l’interbase degli Orioles Gunnar Henderson su un popup di Andrew Benintendi, ponendo fine a una partita che Baltimora ha vinto 8-6.

La MLB ha detto dopo quella partita che c’era una certa discrezione nel non chiamare l’interferenza, ma Carapazza ha detto che questo non si applicava in questo caso.

“Ho chiamato prima la base di volo, dove ora il battitore è eliminato. Non era il caso in quello.” [White Sox-Orioles] Lui gioca. “È un po’ diverso”, ha detto Carapazza.

Boone, come il manager dei White Sox Pedro Grifol, spera che la MLB possa fornire maggiore chiarezza sui contrasti.

READ  Il clamoroso addio di Duke all'allenatore K, anche in caso di sconfitta

“Voglio dire, la sequenza è importante”, ha detto Boone, “ma speriamo di poterla riconsiderare un po’”. “Juan è in doppio pericolo, e se non arriva lì e se non riesci a tornare indietro nel modo giusto, rimarrà bloccato con Neto e forse giudicherà male un po’. Ma cosa fai come persona?” ? Un corridore là fuori?”