Giugno 16, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gli sfollati di Gaza arrivano in Egitto attraverso il valico di Rafah: aggiornamenti in tempo reale tra Israele e Hamas

Gli sfollati di Gaza arrivano in Egitto attraverso il valico di Rafah: aggiornamenti in tempo reale tra Israele e Hamas

All’estremità della penisola del Sinai, a circa sei ore di macchina dal Cairo attraverso il deserto egiziano in gran parte vuoto, il valico di Rafah è una vasta distesa di sabbia, cemento e nient’altro. Isolata dal resto dell’Egitto, non solo per la distanza ma anche per le severe restrizioni militari, Rafah può sentirsi lontana dagli eventi mondiali come qualsiasi altro luogo del pianeta.

Ma nelle ultime tre settimane di guerra di Israele contro Hamas a Gaza, il valico di Rafah è diventato il fulcro di accesi negoziati e un luogo in cui molte persone, sia potenti che deboli, ripongono le loro speranze in declino. Con Israele che impone un assedio soffocante sulla Striscia di Gaza densamente popolata, il valico di Rafah è diventato l’unico ingresso alla Striscia di Gaza attraverso il quale gli aiuti raggiungono la sua popolazione di 2,3 milioni di persone. Finora niente e nessuno è riuscito a uscire da Gaza.

Ma ciò potrebbe cambiare presto: l’Egitto ha informato le autorità di Gaza che mercoledì accoglierà 81 persone gravemente ferite provenienti da Gaza e le curerà negli ospedali egiziani, secondo una dichiarazione rilasciata dall’Autorità generale per i valichi e le frontiere di Gaza.

Il controllo dell’Egitto sul valico di Rafah gli ha conferito una posizione di rilievo come uno dei principali donatori di Gaza e un attore importante nel conflitto, una posizione che secondo gli analisti potrebbe aiutarlo a garantire un maggiore sostegno finanziario internazionale nel mezzo di una schiacciante crisi economica nel paese nordafricano. L’Egitto ha sottolineato questo ruolo martedì quando il governo ha portato i giornalisti in un viaggio strettamente controllato a Rafah.

READ  Famiglia: una madre e una figlia fuggono dal conflitto militare in Sudan

Camion di aiuti e carri armati dell’esercito erano allineati lungo la strada sterrata che portava al valico. Decine di volontari provenienti da organizzazioni umanitarie sponsorizzate dal governo e dalla Mezzaluna Rossa egiziana hanno camminato in giro. Diverse ambulanze si sono fermate nell’enorme corridoio che circonda l’incrocio.

Il primo ministro Mostafa Madbouly ha detto, in una breve conferenza stampa, tra una folla di volontari che portavano bandiere egiziane: “Dal primo momento, abbiamo inviato convogli di aiuti dalle nostre organizzazioni, e i volontari sono rimasti qui 24 ore su 24 per giorni”. Gli striscioni filo-palestinesi si sono riuniti per ascoltare. Ha aggiunto: “L’Egitto porta da anni il peso della questione palestinese”.

Tuttavia, a causa di fattori che esulano dal controllo dell’Egitto, il valico di Rafah può soddisfare solo una frazione dei bisogni di Gaza. Funzionari umanitari affermano che solo 241 camion di aiuti sono arrivati ​​a Gaza da quando ha aperto i battenti due settimane fa dopo i negoziati tra Stati Uniti, Israele, Egitto e Nazioni Unite, un numero esiguo considerando l’entità dei bisogni umanitari.

Secondo le Nazioni Unite, l’Unione Europea e funzionari egiziani e americani, Israele, che conduce rigorose ispezioni sui camion degli aiuti, è stato il principale attore nel rallentare il processo. Ma Israele ha ora accettato di far entrare circa 80 camion al giorno, secondo i diplomatici occidentali che hanno familiarità con i negoziati, ancora al di sotto dei 100 camion al giorno che le Nazioni Unite ritengono necessari.

Wael Abu Omar, portavoce della Striscia di Gaza dal valico di Rafah, ha detto che martedì sono arrivati ​​a Gaza 83 camion.

READ  L'esercito malese si scusa per il crollo di carri armati e veicoli corazzati a Kuala Lumpur

David Satterfield, l’inviato speciale degli Stati Uniti incaricato di occuparsi delle questioni umanitarie nel conflitto, ha detto domenica al Cairo che gli aiuti devono arrivare molto più rapidamente per dimostrare agli abitanti di Gaza, in crescente difficoltà, che non hanno bisogno di ricorrere al saccheggio dei magazzini delle Nazioni Unite per ricevere aiuti. L’umanità. Per vivere, come è successo qualche giorno fa.

“Questa è una società sull’orlo del baratro e disperata”, ha detto, aggiungendo che le agenzie che distribuiscono gli aiuti “devono essere in grado di dimostrare che gli aiuti non sono accidentali”.

I negoziatori premono anche per l’evacuazione delle persone a Gaza con passaporti stranieri e delle loro famiglie, insieme ai dipendenti delle ambasciate straniere e delle organizzazioni internazionali. Nelle ultime tre settimane, le persone si sono precipitate più volte verso il lato di Gaza del cancello dopo che gli era stato detto che potevano attraversarlo, solo per trovarlo chiuso a chiave. Gli Stati Uniti hanno pubblicamente incolpato Hamas, l’organizzazione politica e militare che controlla la Striscia, mentre l’Egitto ha pubblicamente incolpato Israele, affermando di aver reso il passaggio non sicuro attraverso i suoi ripetuti bombardamenti sul lato di Gaza.

Ma nessuno incolpa pubblicamente l’Egitto, anche se i diplomatici occidentali coinvolti nello sforzo di evacuazione affermano che i timori dell’Egitto – inclusa la possibilità che una folla di persone disperate possa tentare di penetrare in Egitto una volta aperto il cancello – giocano un ruolo nell’esodo di cittadini stranieri. Continua incapacità di evacuare.

C’è ancora la possibilità di raggiungere un accordo sulla partenza delle persone con passaporto straniero. Ma l’Egitto ha chiarito che non accetterà un gran numero di rifugiati palestinesi sul suo territorio, una proposta che alcuni nella comunità internazionale, compreso Israele, avrebbero avanzato. Il signor Madbouly ha rifiutato categoricamente questa idea, così come i volontari al cancello.

READ  Ucraini evacuati costretti a tornare

“No, no, no, questa non è una soluzione, e io la rifiuto”, ha detto Mustafa Muftah, 30 anni, docente universitario della vicina città egiziana di Al-Arish, che ha iniziato a fare volontariato come traduttore a Rafah una settimana fa. . “Questa è la nostra terra e noi amiamo questa terra.”

Satterfield ha detto domenica che anche gli Stati Uniti non considerano questa opzione, affermando che l’amministrazione Biden rispetta la sovranità dell’Egitto e che crede che “il futuro del popolo palestinese a Gaza sia a Gaza”.

Heba Yazbek E Iyad Abu Huwaila Contributo ai rapporti.