Aprile 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gli scienziati sono sconcertati dall'impossibile galassia che James Webb vede

Gli scienziati sono sconcertati dall'impossibile galassia che James Webb vede

Come si sia formato resta un mistero.

Fai da te

Utilizzando il James Webb Space Telescope (JWST), gli astronomi hanno scoperto una galassia enorme così antica che sarebbe impossibile esistere, sfidando gli attuali modelli su come si formano queste strutture.

Come dettagliato in A Nuovo studio Pubblicato sulla rivista naturaLa galassia tranquilla, ZF-UDS-7329, contiene più stelle della Via Lattea, nonostante si sia formata solo 800 milioni di anni dopo il Big Bang. Ciò suggerisce che in qualche modo si sono riuniti senza l’influenza della gravità della materia oscura, il che non dovrebbe essere possibile.

“La formazione delle galassie è in gran parte determinata da come è concentrata la materia oscura”, ha detto in un articolo la coautrice dello studio Claudia Lagos, astronoma presso il Centro internazionale per la ricerca sulla radioastronomia. Dichiarazione sul lavoro. “La presenza di queste galassie molto massicce così presto nell’universo pone grandi sfide al nostro modello standard di cosmologia”.

Effetto scuro

La materia oscura è invisibile, ma si pensa che permei l’intero universo. In effetti, ne costituisce circa un quarto, facendo impallidire appena il 6% della materia ordinaria osservabile di cui siamo composti.

In quanto tale, è letteralmente una presenza colossale e la sua influenza gravitazionale controlla la forma e la composizione di grandi strutture cosmiche come le galassie dall’ombra. Il suo ruolo non era meno importante nell'era primitiva dell'universo. Dopo il Big Bang, gli astronomi ritengono che i primi semi delle galassie siano nati formandosi attorno a concentrazioni di materia oscura chiamate aloni di materia oscura.

A causa della loro enorme gravità, questi aloni attireranno il gas e la polvere circostanti provenienti dal Big Bang, che saranno troppo caldi per collassare in oggetti come le stelle. Ciò formerebbe galassie nane e, nel corso di centinaia di milioni di anni, le galassie nane vicine si raggrupperebbero insieme per formare le grandi galassie che conosciamo oggi.

READ  Aditya-L1 sfugge con successo al campo di influenza terrestre: Isro | Notizie dall'India

La materia veniva servita fredda

Questo ruolo ipotizzato della materia oscura è una parte fondamentale del modello cosmologico più ampiamente accettato. Ma questa nuova scoperta getta un’ombra sull’opera.

I ricercatori hanno notato per la prima volta l'esistenza di ZF-UDS-7329 11,5 miliardi di anni fa. Ma conducendo un’analisi spettroscopica dettagliata utilizzando i dati di James Webb, i ricercatori sono stati in grado di datare la sua formazione stellare di altri 1,5 miliardi di anni. In una fase così precoce dell’esistenza dell’universo, gli aloni assiali di materia oscura non avrebbero avuto abbastanza tempo per formarsi.

Naturalmente, per riscrivere la cosmologia come la conosciamo, avremo bisogno di più di qualche valore anomalo. Grazie a telescopi avanzati come James Webb, stiamo scoprendo sempre più cose confuse. Sembra impossibile Anomalie cosmiche di sempre.

“Ora stiamo andando oltre ciò che è possibile per confermare i più antichi mega-mostri pacifici esistenti nelle profondità dell'universo”, ha detto nella dichiarazione la coautrice Themia Nanayakkara, un'astronoma della Swinburne University of Technology. “Ciò allarga i confini della nostra attuale comprensione di come le galassie si formano ed evolvono”.

Maggiori informazioni sullo spazio: Gli scienziati dicono che il passaggio delle stelle cambia l'orbita terrestre