Giugno 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gli scienziati rivelano le vere origini del drago gallese: nuove prove fossili cambiano la storia

Gli scienziati rivelano le vere origini del drago gallese: nuove prove fossili cambiano la storia

Un’importante scoperta fossile in Galles rivela che i primi dinosauri vivevano in una pianura tropicale vicino al mare più di 200 milioni di anni fa. Lo studio ha identificato rari fossili marini e terrestri, ha ricostruito un ecosistema complesso e ha fornito nuove informazioni sull’evoluzione dei dinosauri. Rappresentazione artistica di un arcipelago britannico durante il Triassico. Credito: Gabriel Oguito, CC-BY 4.0

Recenti ritrovamenti fossili in Galles hanno rivelato gli habitat tropicali dei primi dinosauri e fornito informazioni sul complesso ecosistema preistorico, rappresentando un importante progresso nella comprensione della storia paleontologica della regione.

Un’importante scoperta fossile ha illuminato la storia dei dinosauri in Galles. Fino a poco tempo fa, Dragon Land non aveva dinosauri. Tuttavia, negli ultimi dieci anni, sono stati segnalati molti dinosauri, ma le loro condizioni di vita non erano ben conosciute. In un nuovo studio condotto da un team di Università di Bristol E pubblicato in Atti della Società dei Geologidettagli importanti sono stati rivelati per la prima volta.

Hanno scoperto che i primi dinosauri gallesi più di 200 milioni di anni fa vivevano in una pianura tropicale in riva al mare. Sono note tracce di dinosauri a Barrie e in altri siti vicini, il che indica che i dinosauri attraversavano le calde pianure.

Scoperta di fossili a Lavernock Point

La scoperta è stata fatta a Lavernock Point, vicino a Cardiff e Penarth, dove scogliere di scisto e calcare di colore scuro documentano antichi mari poco profondi. Su più livelli si trovano accumuli di ossa, tra cui resti di pesci, squali, rettili marini e talvolta dinosauri.

Lo studio è stato condotto dall’ex studente del Bristol Masters in Paleobiologia Owen Evans. Ha spiegato: “Il letto di ossa dipinge l’immagine di un arcipelago tropicale, che è stato sottoposto a frequenti tempeste, e materiale proveniente da tutta l’area circostante, sia sulla terra che in mare, è stato trascinato nella zona intercotidale. Ciò significa che da un solo orizzonte fossile possiamo ricostruire un ecosistema complesso, con una vasta gamma di rettili marini come ittiosauri, plesiosauri e placodonti nell’acqua e dinosauri sulla terra.

L'impronta digitale si trova nelle rocce del Triassico

L’impronta è stata trovata nelle rocce triassiche del Galles meridionale. Credito: Cindy Howells al Museo Nazionale del Galles

“Ho visitato la costa di Penarth per tutta la mia vita e sono cresciuto a Cardiff, ma non ho mai notato i fossili. Poi, più leggevo, più diventava affascinante. I geologi locali raccolgono le ossa sin dal 1870 e la maggior parte di essi si trova nel Museo Nazionale del Galles a Cardiff.

READ  Scoprire la strana influenza genetica delle anguille elettriche

Cindy Howells, curatrice del dipartimento di paleontologia al Museo Nazionale del Galles, aggiunge: “Le collezioni di Lavernock risalgono al 19° secolo. XX secolo, con molte parti del letto osseo raccolte nel corso degli anni. La presenza di fossili di dinosauro nel sito garantisce che rimanga uno dei siti più importanti per la paleontologia del Galles.

I due ritrovamenti fatti dalla squadra durante la ricerca sul campo a Lavernock erano i resti fossilizzati di un osteoderma placodonte e l’osso di un singolo celacanto. Il supervisore Dr Chris Duffin ha dichiarato: “I resti di celacanto e placodonte sono relativamente rari nel Regno Unito, il che rende queste scoperte ancora più notevoli”. Questi due fossili da soli aiutano a costruire un quadro più ampio di come sarebbero stati i Reti nel Regno Unito.

Il professor Michael Benton della Bristol School of Geosciences, un altro supervisore del progetto, aggiunge: “La scala dei resti di dinosauro trovati a Lavernock è molto emozionante e rappresenta un’opportunità per studiare un periodo complesso e spesso misterioso della sua storia evolutiva che abbiamo identificato resti di grandi dimensioni. Corpi d’acqua Come un animale, insieme a molte ossa che probabilmente appartenevano a teropodi predatori.

Un’ampia sezione dell’articolo è dedicata agli abbondanti microfossili trovati nel sito, che includono denti di pesce, scaglie e frammenti di ossa. Esaminando migliaia di campioni, il team è riuscito a identificare la chiave Classificare In mari poco profondi e conoscere l’importanza relativa di ciascuno.

Le origini dei draghi gallesi sono state finalmente determinate.

Riferimento: “Microvertebrati dal letto delle ossa basali di Raytian (Tardo Triassico) a Lavernock, South Wales” di Owen Evans, Christopher J. Duffin, Claudia Hildebrandt e Michael J. Benton, 23 maggio 2024, Atti della Società dei Geologi.
doi: 10.1016/j.pgeola.2024.05.001

READ  Misteriose stelle "fantasma" si aggirano da miliardi di anni