Giugno 26, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gli incendi sono scoppiati nel nord di Israele dopo gli attacchi transfrontalieri provenienti dal Libano

Gli incendi sono scoppiati nel nord di Israele dopo gli attacchi transfrontalieri provenienti dal Libano



CNN

Grandi incendi sono scoppiati nella notte nel nord di Israele, secondo quanto annunciato martedì all’alba dalla polizia israeliana, che ha attribuito gli incendi al lancio di razzi dal sud del Libano.

Il capo della stazione dei vigili del fuoco di Tiberiade, Boris Eisenberg, ha affermato che l’incendio ha consumato circa 4.000 dunam (1.000 acri o 400 ettari) dell’area settentrionale. I vigili del fuoco e i servizi di soccorso israeliani hanno affermato che diverse squadre di vigili del fuoco, tra cui uno squadrone di vigili del fuoco aerei, sono state schierate per lavorare tutta la notte.

Martedì, i vigili del fuoco e i servizi di soccorso israeliani nel nord del paese si sono occupati di due incendi. 12 squadre sono state schierate a Keren Naftali, dove il fuoco si è propagato in diverse direzioni, mentre 10 squadre sono state schierate nella foresta di Berea, nella regione dell’Alta Galilea, dove la caduta di un missile intercettore israeliano ha provocato un secondo incendio.

Il portavoce del ministero Uri Cohen ha detto alla CNN: “Abbiamo visto l’operazione di intercettazione e abbiamo risposto con più forze e con alta intensità. Stiamo lavorando immediatamente e cercando di contenere l’incendio”.

“Abbiamo a che fare con condizioni meteorologiche estreme, venti variabili, siccità estrema con bassa umidità e temperature elevate. Tutte queste condizioni combinate accelerano lo sviluppo degli incendi”, ha affermato Cohen.

Non è chiaro quanto tempo ci vorrà per contenere l’incendio, ha detto, aggiungendo che l’incendio è durato diverse ore lunedì, provocando “uno sforzo antincendio molto complesso”.

Ha aggiunto: “Al momento stiamo lavorando ad alta intensità sia da terra che dall’aria, nel tentativo di contenere e controllare gli incendi”.

READ  Il primo ministro Liz Truss è ancora a capo del governo del Regno Unito?

La polizia israeliana ha detto che le autorità hanno iniziato a evacuare i residenti quando sono scoppiati gli incendi lunedì pomeriggio, ora locale, nella regione montuosa della Galilea. La polizia israeliana ha detto di aver aiutato a evacuare le case a Kiryat Shmona, una città del nord vicino al confine libanese.

Gli incendi sono scoppiati dopo che lunedì le autorità hanno avvertito la popolazione di aspettarsi un’ondata di caldo e di non innescare incendi boschivi.

Hezbollah, con sede in Libano, ha annunciato lunedì di aver lanciato uno “sciame di droni” contro un centro di comando militare israeliano in Galilea, provocando lo scoppio di incendi nell’edificio. Il gruppo ha affermato che ciò è avvenuto in risposta agli attacchi israeliani contro le forze di Hezbollah e contro le case Nel sud del Libano, si aggiunge che lunedì sono stati uccisi tre combattenti di Hezbollah.

Migliaia di residenti israeliani sono stati sfollati dopo l’inizio delle ostilità transfrontaliere tra Hezbollah e l’esercito israeliano in ottobre. Il gruppo libanese ha affermato che i suoi attacchi al nord di Israele sono arrivati ​​in risposta alla guerra israeliana a Gaza.

Durante un tour in alcune delle aree più colpite, il capo di stato maggiore dell’IDF, il maggiore generale Herzi Halevy, ha affermato che l’esercito israeliano è pronto a rispondere se richiesto.

“Ci stiamo avvicinando al punto in cui deve essere presa una decisione, e l’IDF è molto preparato e pronto per questa decisione”, ha detto Halevy. “Attacchiamo qui da otto mesi e Hezbollah sta pagando un prezzo molto alto”.

Ha aggiunto: “Siamo pronti, dopo un ottimo processo di addestramento – raggiungendo il livello di addestramento militare – a muoverci per lanciare un attacco nel nord. Halevy ha aggiunto: “Difesa forte e preparazione all’attacco Ci stiamo avvicinando al punto decisivo. ”

READ  La Brexit ha rotto le fondamenta economiche della Gran Bretagna