Maggio 28, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gli astronomi scoprono il più grande ammasso conosciuto di componenti planetari in orbita attorno a una giovane stella

Gli astronomi scoprono il più grande ammasso conosciuto di componenti planetari in orbita attorno a una giovane stella

Gli astronomi hanno scoperto quella che credono sia la più grande raccolta conosciuta di ingredienti per la creazione di pianeti nell’universo

CAPE CANAVERAL, Florida – Gli astronomi hanno scoperto quella che credono sia la più grande raccolta conosciuta di componenti che formano pianeti in orbita attorno a una giovane stella.

Questo enorme disco è circa 3.300 volte il diametro della distanza tra la Terra e il Sole e contiene abbastanza gas e polvere da formare pianeti super grandi in orbite distanti, hanno riferito questa settimana ricercatori americani e tedeschi.

Sono così massicci e ricchi di polvere e gas, gli elementi costitutivi dei pianeti, che gli scienziati possono imparare di più sulla “nascita e l’evoluzione di mondi oltre il nostro”, ha affermato l’autrice principale Christina Munsch dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrofisica.

Questo disco protoplanetario nelle immagini assomiglia ad una farfalla, secondo Munch. Ha aggiunto che la striscia scura e polverosa al centro ricorda il lungo corpo di una farfalla, mentre i lobi blu e bianchi sembrano ali e i due fili stretti sono sopra le antenne.

I risultati sono stati descritti nell’Astrophysical Journal Letters pubblicato lunedì. Un altro articolo è stato accettato per la pubblicazione da alcuni degli stessi ricercatori.

READ  "Non ho mai visto niente di simile prima": fossili di pesci giurassici meticolosamente conservati trovati in una fattoria del Regno Unito

Il disco, chiamato IRAS 23077, è due volte più grande del precedente detentore del record, ha detto Munch.

Munch ha detto che i telescopi spaziali Hubble e Webb della NASA potrebbero essere in grado di dire se pianeti delle dimensioni di Giove o più grandi si stanno già formando. Eventuali pianeti rocciosi come il nostro sono probabilmente troppo piccoli per essere visti, ed è probabile che esistano sistemi di formazione planetaria più grandi.

“Dobbiamo solo cercarli”, ha detto.

___

Il Dipartimento Salute e Scienza dell’Associated Press riceve il sostegno del Science and Education Media Group dell’Howard Hughes Medical Institute. AP è l’unico responsabile di tutti i contenuti.