Maggio 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gaza: il primo ministro israeliano Netanyahu afferma che l’attacco di Rafah avverrà indipendentemente dall’accordo

Gaza: il primo ministro israeliano Netanyahu afferma che l’attacco di Rafah avverrà indipendentemente dall’accordo

Commenta la foto, Benjamin Netanyahu avverte da tempo che Israele invaderà Rafah

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha affermato che Israele lancerà un'invasione della città di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, indipendentemente dai colloqui di tregua con Hamas.

Ciò avviene nel contesto dei continui tentativi di raggiungere un accordo di cessate il fuoco e di rilasciare gli ostaggi.

Ma Netanyahu ha detto durante un incontro con i parenti degli ostaggi che avrebbe invaso Israele “con o senza un accordo”.

I suoi commenti arrivano sulla scia dei rinnovati avvertimenti da parte degli Stati Uniti contro l’invasione di Rafah a meno che ai civili non venga fornita un’adeguata protezione.

In una dichiarazione della Casa Bianca si legge che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha confermato domenica in una telefonata con Netanyahu la sua “chiara posizione” riguardo a Rafah. Biden aveva precedentemente descritto l’invasione di Rafah come una “linea rossa”.

Martedì il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha affermato che l’attacco a Rafah costituirà una “escalation insopportabile” e ha lanciato un appello a “tutti coloro che hanno influenza su Israele affinché facciano tutto ciò che è in loro potere per prevenirlo”.

Più della metà dei 2,5 milioni di abitanti di Gaza vivono a Rafah, dove sono fuggiti per sfuggire ai combattimenti in altre parti della Striscia. Le condizioni nella città densamente popolata sono terribili e gli sfollati denunciano carenza di cibo, acqua e medicine.

Fonti israeliane hanno riferito lunedì all'agenzia di stampa Reuters che i piani per attaccare Rafah sarebbero rinviati in favore di un “periodo di calma sostenibile” se fosse raggiunto un accordo di cessate il fuoco tra Hamas e Israele.

Giorni prima, il ministro degli Esteri israeliano Yisrael Katz aveva dichiarato al Canale 12 della televisione israeliana che “se ci sarà un accordo, sospenderemo i negoziati”. [Rafah] pratico”.

Ma Netanyahu martedì ha insistito sul fatto che la guerra continuerà finché Israele non avrà raggiunto tutti i suoi obiettivi a Rafah.

Ha aggiunto: “L'idea di fermare la guerra prima di raggiungere tutti i suoi obiettivi è impensabile”.

Una dichiarazione rilasciata dall'ufficio di Netanyahu afferma: “Entreremo a Rafah ed elimineremo lì le brigate di Hamas, con o senza un accordo, per ottenere la vittoria completa”.

Ha detto che le famiglie hanno esortato il Primo Ministro e il suo Consigliere per la Sicurezza Nazionale, Tzachi Hanegbi, a continuare la guerra e ad ignorare la crescente pressione internazionale. Tuttavia, molte famiglie di ostaggi hanno manifestato pubblicamente davanti al governo per accettare un accordo sulla restituzione dei loro cari ad ogni costo.

Resta sconosciuta la sorte di circa 130 dei 253 ostaggi rapiti da Hamas durante l'attacco senza precedenti contro Israele del 7 ottobre. Si presume che almeno 34 di loro siano morti. Gli altri sono stati rilasciati o salvati.

I colloqui indiretti sono in una fase di stallo da settimane, anche se il segretario di Stato americano Antony Blinken ha detto lunedì che spera che Hamas accetti quella che ha definito “l'offerta molto generosa” di Israele per una tregua.

“Alla gente non è stato ancora chiesto di evacuare da Rafah, ma c'è la sensazione che se un accordo non verrà raggiunto questa settimana, potrebbe accadere”, ha detto ai giornalisti Philippe Lazzarini.

“I miei colleghi sul campo parlano del costante stato di shock tra le persone”.

Netanyahu ha anche denunciato recenti notizie, citando funzionari israeliani, secondo cui la Corte penale internazionale dell’Aia potrebbe prepararsi a emettere mandati di arresto per leader militari e governativi israeliani con l’accusa relativa a uno “scandalo di portata storica”. guerra.

“Voglio che sia chiaro una cosa: nessuna decisione, né all'Aia né altrove, influenzerà la nostra determinazione a raggiungere tutti gli obiettivi di guerra”, ha detto il Primo Ministro.

“Israele si aspetta che i leader del mondo libero si oppongano con forza a questa mossa scandalosa, una mossa che danneggerebbe la capacità di autodifesa non solo dello Stato di Israele, ma di tutte le democrazie del mondo”.

Non c'è stato alcun annuncio da parte del procuratore della Corte penale internazionale, Centro Karim Khan Kavkaz.

Tuttavia, il suo ufficio sta ufficialmente indagando su presunti crimini di guerra nella Cisgiordania, a Gerusalemme Est e nella Striscia di Gaza occupate da Israele dal giugno 2014, e Khan ha confermato che l’indagine riguarderà l’attacco del 7 ottobre e la guerra che ne seguì.

L'addetta stampa della Casa Bianca Karine Jean-Pierre ha detto lunedì che gli Stati Uniti – che non hanno ratificato lo Statuto di Roma – non credono che la corte abbia giurisdizione e non hanno sostenuto l'indagine.