Aprile 22, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gaza ha un disperato bisogno di ulteriori aiuti, ma le agenzie non riescono a far fronte alla situazione

Gaza ha un disperato bisogno di ulteriori aiuti, ma le agenzie non riescono a far fronte alla situazione

Le immagini erano cocenti. I bambini scavano nella terra, raccolgono manciate di farina rovesciata e se le mettono in tasca.

I camion degli aiuti sono circondati da folle inferocite, per lo più giovani, che attaccano gli autisti e fuggono con tutto ciò che possono trasportare.

La giovane donna, Maryam Abd Rabbo, ha cercato di mantenere la calma ma alla fine ha fallito quando ha risposto alle domande di un giornalista sulla lotta quotidiana per la sopravvivenza.

Il nord di Gaza è quasi completamente isolato dal mondo esterno. La popolazione, stimata in circa 300.000 persone, si è trasformata in un’esistenza brutale in un mondo dove non ci sono quasi negozi e gli aiuti non arrivano mai.

Nel frattempo, il sud è affollato di sfollati, con centinaia di migliaia di persone costantemente in movimento in cerca di cibo, riparo e sicurezza.

Israele afferma che sta facendo il possibile per ridurre le sofferenze dei civili, ma quattro mesi e mezzo di continua offensiva militare hanno lasciato la Striscia di Gaza in ginocchio, con le agenzie umanitarie incapaci di affrontare la situazione.

“Ogni volta che torni indietro, le cose peggiorano”, ha detto venerdì Jamie McGoldrick, coordinatore ad interim delle Nazioni Unite per i territori palestinesi.

Appena tornato dalla sua ultima visita nella Striscia di Gaza, ha trovato la disperazione diffusa.

Commenta la foto,

I palestinesi trasportano sacchi di farina da un camion umanitario a Gaza City

“Le persone si sentono come se questa fosse la fine del loro viaggio.”

All’estremità meridionale della Striscia di Gaza, tra 1,2 e 1,5 milioni di persone sono stipate in ogni spazio disponibile dentro e intorno alla città di Rafah.

Nelle vicinanze, nella zona costiera sabbiosa conosciuta come Al-Mawasi, che Israele ha designato come zona sicura dal punto di vista umanitario, almeno 250.000 persone vivono ora in alloggi fragili con scarso sostegno.

I medici che lavorano per l’organizzazione medica britannica UK-Med hanno visto sorgere una tendopoli intorno a loro.

“Due settimane fa, c’erano una o due tende sparse lungo la riva del mare”, mi ha detto David Whitwick, amministratore delegato di UK-Med, attraverso una linea sfocata dalla sua base ad Al Mawasi.

“Ora sono profonde sei tende”.

Poche miglia a sud c’è il punto di passaggio che gli israeliani chiamano Kerem Shalom (Karem Abu Salem in arabo), dove entrano quasi tutti gli aiuti destinati alla Striscia di Gaza, dopo approfondite ispezioni israeliane.

In un'area di detenzione sul lato palestinese, gli aiuti vengono scaricati e ricaricati su camion locali per la distribuzione in tutta Gaza.

I camion percorrono un corridoio lungo tre chilometri fino alla “Porta Blu” di Rafah, prima di entrare a Gaza.

Ma il crollo della sicurezza a Gaza significa che il viaggio per ottenere qualche aiuto non inizierà mai.

I camion vengono attaccati e saccheggiati all'interno del corridoio.

La maggior parte dei saccheggi viene effettuata da bande palestinesi organizzate, con carri trainati da asini e carri in attesa oltre la recinzione e monitor che segnalano l'arrivo degli aiuti.

Ma per i camion che hanno avuto la fortuna di raggiungere il Cancello Blu, i problemi sono appena iniziati. Gran parte di ciò che accade dopo è opportunistico e spesso violento.

“Molti di questi camion, anche prima di raggiungere i 200 metri, vengono fermati dalle auto, attaccati e saccheggiati”, ha detto McGoldrick.

Con solo poche rotte disponibili per fornire aiuti e la maggior parte dei convogli che viaggiano nelle prime ore del giorno, le Nazioni Unite affermano che le persone utilizzano i social media per avvisarsi a vicenda del movimento dei convogli, consentendo di organizzare blocchi stradali e imboscate in anticipo.

Fonte immagine, DPA/Alami

Commenta la foto,

Un camion carico di aiuti tedeschi entra a Gaza attraverso il valico di frontiera di Kerem Shalom

“La gente sa quando arriveremo”, ha detto McGoldrick.

L'inviato ha detto di aver visto camion con i finestrini e gli specchietti posteriori rotti. Ha detto di aver parlato con conducenti traumatizzati a cui avevano lanciato asce contro il parabrezza e sono stati colpiti da colpi di arma da fuoco.

Invece di raggiungere i magazzini delle Nazioni Unite ed essere distribuiti in modo organizzato, gli aiuti spesso finiscono per essere venduti sui mercati di strada a prezzi estremamente gonfiati che poche persone possono permettersi.

Dopo che il 6 febbraio un camion del Programma alimentare mondiale è stato preso di mira (le Nazioni Unite hanno attribuito la colpa al fuoco navale israeliano), il Programma alimentare mondiale ha sospeso tutte le consegne di aiuti al nord.

I tentativi di riprendere le consegne sono falliti questa settimana a causa di scene di violenti saccheggi.

Le Nazioni Unite affermano di aver contattato Israele per aprire rotte di rifornimento dal nord, ma le discussioni sono ancora in una fase iniziale.

La speranza – debole al momento – è quella di ridurre gli incentivi ai saccheggi aumentando drasticamente la quantità di cibo e altri beni di prima necessità che entrano a Gaza.

“Dobbiamo inondare il Nord di aiuti, in modo che non diventino un prodotto che la gente vuole utilizzare a fini di estorsione o sul mercato nero”, ha detto McGoldrick.

Da parte sua, Israele afferma che sta facendo tutto il possibile per facilitare l'arrivo degli aiuti umanitari.

“Stiamo facendo tutto il possibile… per limitare le conseguenze dannose della guerra [to] “La popolazione civile”, ha detto ai giornalisti in una conferenza stampa questa settimana il colonnello Moshe Tetro, capo del dipartimento di coordinamento e collegamento militare a Gaza.

L'esercito ha dichiarato venerdì che più di 13.000 camion che trasportavano più di 250.000 tonnellate di aiuti umanitari sono entrati nella Striscia di Gaza dall'inizio della guerra.

Ciò significa poco più di 90 camion al giorno, molto meno dei 500 che secondo lo staff delle Nazioni Unite sono necessari per soddisfare le crescenti esigenze di una popolazione affamata, malata e spesso sfollata.

Israele afferma che i problemi con la distribuzione degli aiuti non sono causati da lui, anche se il caos all’interno della Striscia di Gaza è il risultato diretto della sua offensiva militare.

“Purtroppo, oggi e ieri, le Nazioni Unite non si sono presentate al lavoro”, ha detto il colonnello Tetro.

Ha aggiunto che il ritardo da parte palestinese porta all'accumulo di camion in attesa di entrare a Gaza.

Ha aggiunto: “Le Nazioni Unite devono aumentare le proprie capacità all'interno di Gaza”.

Ma nelle ultime settimane, la situazione della sicurezza è ulteriormente peggiorata a causa di una serie di attacchi israeliani contro agenti di polizia civili.

Secondo David Satterfield, inviato umanitario dell’amministrazione Biden, tali attacchi hanno reso “quasi impossibile” la distribuzione sicura degli aiuti.

Per quanto riguarda le Nazioni Unite, gli appelli di Israele a compiere ulteriori sforzi sembrano vani.

Il governo israeliano ha avviato una campagna per smantellare l’UNRWA, l’agenzia delle Nazioni Unite responsabile dell’assistenza ai rifugiati palestinesi, in seguito alle accuse secondo cui fino al 12% dei 13.000 dipendenti dell’UNRWA a Gaza lavoravano anche per Hamas, alcuni dei quali hanno addirittura partecipato ad attacchi mortali a Gaza. . . 7 ottobre.

Le Nazioni Unite affermano che stanno indagando, ma Israele non ha ancora condiviso le sue informazioni.

Nel frattempo, il governo Netanyahu ha già iniziato a privare l’UNRWA delle sue funzioni.

La responsabilità per 29.000 tonnellate di farina dell'USAID, attualmente immagazzinate nel porto israeliano di Ashdod, è già stata trasferita al Programma alimentare mondiale.

Giovedì, in un messaggio cupo rivolto all’Assemblea generale delle Nazioni Unite, il direttore dell’UNRWA Philippe Lazzarini ha affermato che l’agenzia ha raggiunto un “punto di rottura” e che il governo israeliano sta adottando una serie di misure per ostacolare il suo lavoro, inclusa la limitazione dei visti per il personale internazionale, blocco del conto bancario dell'UNRWA e sospensione della spedizione delle merci.

Anche se la situazione al momento è grave, l’idea di un attacco israeliano a tutto campo contro Rafah, che il governo minaccia di fare se gli ostaggi israeliani non verranno rilasciati prima dell’inizio del Ramadan, il 10 marzo, suscita timori tra gli aiuti. lavoratori che il peggio potrebbe arrivare, ecco cosa potrebbe succedere. Verrà.

David Whitwick di UK-Med lo ha già intravisto.

Quando si è recato a Khan Yunis per portare via un'équipe medica dall'ospedale Nasser, si è ritrovato circondato da una folla di persone disperate.

“La possibilità che ciò accada a Rafah e Al-Mawasi, dove ci sono centinaia di migliaia di persone, non è qualcosa a cui penso tu voglia davvero pensare”, mi ha detto.

READ  L'Islanda si prepara a proteggere le centrali geotermiche dalla minaccia di un'eruzione vulcanica