Giugno 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Francis Ford Coppola presenta in anteprima Megalopolis a Cannes

Francis Ford Coppola presenta in anteprima Megalopolis a Cannes

Cannes, Francia (AFP) – Francis Ford Coppola Giovedì ha presentato in anteprima in concerto il suo EP autofinanziato “Megalopolis”. Festival del Cinema di Cannes, Rivelando un progetto estremamente ambizioso a cui il regista 85enne pensa da decenni.

Le recensioni andavano da “una stupidità di proporzioni gigantesche” a “la cosa più folle che abbia mai visto”. Ma ovviamente, ancora una volta, Coppola ha fatto parlare tutti a Cannes.

Nessuna première quest’anno era più attesa a Cannes di “Megalopolis”, per la quale Coppola ha speso 120 milioni di dollari di tasca propria dopo aver venduto parte delle sue partecipazioni vinicole. Nessuna differenza “Apocalypse Now” di Coppola è stato pubblicato circa 45 anni fa“Megalopolis” è arrivato accompagnato da voci di interruzione della produzione e dubbi sul suo potenziale appeal.

Le rivelazioni di Coppola sfuggono alle facili categorizzazioni. È una storia fantasy ambientata nella New York del futuro su un architetto (Adam Driver) con una grande visione per una città più armoniosa e i cui più grandi talenti includono la capacità di avviare e fermare il tempo. Sebbene “Megalopolis” sia ambientato in un futuro prossimo, è realizzato sotto forma di un’epopea romana. Il personaggio dell’autista si chiama Cesar e New York nel film include un moderno anfiteatro.

Il regista Francis Ford Coppola riunisce i suoi familiari e le star del suo nuovo film “Megalopolis”, tra cui Adam Driver, Aubrey Plaza, Laurence Fishburne, Nathalie Emmanuel e Shia LaBeouf sul tappeto rosso a Cannes. (16 maggio)

Il cast include Aubrey Plaza nei panni di un aspirante giornalista televisivo di nome Wow Platinum, Giancarlo Esposito nei panni del sindaco della città, Laurence Fishburne nei panni dell’autista di Cesar (e narratore del film) e Shia LaBeouf nei panni di uno sgradevole cugino di nome Claudio.

READ  La polizia brasiliana arresta una persona coinvolta nell'omicidio di Brent Sikkema

Coppola, indossando un cappello di paglia e portando con sé un bastone, ha camminato sul tappeto di Cannes giovedì, spesso aggrappato al braccio di sua nipote Romy Coppola-Mars, mentre la colonna sonora di “Il Padrino” suonava dagli altoparlanti del festival.

Adam Driver, Francis Ford Coppola, Laurence Fishburne, Katherine Hunter (Foto di Scott A. Garfitt/Invision/AP)

Dopo la proiezione, il pubblico del festival di Cannes ha riservato una lunga ovazione a Coppola e al film. Infine il regista ha preso il microfono per sottolineare il senso ultimo del suo film.

“Siamo un’unica famiglia umana, e questo è ciò a cui dobbiamo impegnare la nostra fedeltà”, ha detto Coppola alla folla. Ha aggiunto che “Esperanza” è “la parola più bella della lingua inglese” perché significa speranza.

Molte delle recensioni erano pessime. Peter Bradshaw lo ha descritto per The Guardian come “esagerato e esagerato”. Tim Grierson di Screen Daily lo ha descritto come un “disastro” che è stato “ostacolato da una pianificazione arbitraria e da un’anestesia eccessiva”. Kevin Maher ha scritto per il Times di Londra che questo era un “abominio distruttivo”. La critica Jessica Kiang ha affermato che “Grandi Città” “è una follia di proporzioni gigantesche, come se osservasse la reale caduta di Roma”.

Ma alcuni critici hanno ammirato l’ambizione del film. Con ammirazione, Bilge Ebiri del New York Magazine ha detto che il film “potrebbe essere la cosa più folle che abbia mai visto”. David Ehrlich di IndieWire ha elogiato “l’approccio creativamente disinibito” che “potrebbe non aver prodotto un surplus di scene eccessivamente coese, ma supporta l’intero film con una scioltezza che rende quasi impossibile distogliere lo sguardo”.

READ  Matthew Underwood, star di Nickelodeon Zoey 101, afferma di aver smesso di recitare dopo che un agente lo ha aggredito

“È un atto di arroganza inverosimile, una follia colossale, un esperimento audace o un tentativo fantasioso di catturare la nostra disordinata realtà contemporanea, sia politica che sociale, attraverso il tipo di narrazione di alto livello che raramente viene tentata più?” ha scritto David Rooney per The Hollywood Reporter. “La verità è che sono tutte queste cose.”

“Megalopolis” è dedicato a Elinor Coppola, la moglie del regista Chi è morto il mese scorso.

Coppola sta cercando un distributore per “Megalopolis”. Prima della sua anteprima, il film è stato acquistato per alcuni territori europei. Megalopoli, che secondo Coppola si vede meglio su IMAX, verrà mostrata in tutto il mondo sugli schermi di grande formato dell’azienda, ha affermato il CEO di IMAX Richard Gelfond.

In molti luoghi di “Megalopoli”, Coppola, che una volta scrisse il libro “Il cinema dal vivo e le sue tecniche”, si spinge sperimentalmente contro le convenzioni del cinema. Nello show di giovedì, Jason Schwartzman è apparso a metà del film, ha attraversato il palco fino al microfono e ha posto una domanda al personaggio di Driver sullo schermo sopra.

Diverse settimane prima di Cannes, Coppola ha proiettato il suo film Megalopolis a Los Angeles. Presto trapelò la notizia che molti erano confusi dal film pilota che avevano appena visto. “Non ci sono buone prospettive commerciali per lui”, ha detto a Bock un partecipante.