Giugno 16, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Fonti – Gli allenatori dei Big Ten sollecitano un’azione contro il Michigan su chiamata

Fonti – Gli allenatori dei Big Ten sollecitano un’azione contro il Michigan su chiamata

Casa Thamelesp1 novembre 2023 alle 23:56 ET4 minuti per leggere

Finebaum sta criticando Harbaugh per le accuse di furto di insegne

Paul Finebaum è disgustato dalle accuse di furto di segnali contro il Michigan e si rammarica di aver concesso a Jim Harbaugh il beneficio del dubbio.

La stragrande maggioranza degli allenatori dei Big Ten ha espresso frustrazione per le indagini in corso sul furto di segnali Il Michigan è in videochiamata con il commissario Tony Pettitte mercoledì, hanno detto fonti a ESPN.

La chiamata, durata 90 minuti, ha richiesto quasi un’ora senza l’allenatore del Michigan Jim Harbaugh, che ha riattaccato dopo gli affari Big Ten regolarmente programmati per consentire agli allenatori della conferenza di parlare liberamente delle indagini della NCAA sul Michigan.

Secondo cinque fonti a conoscenza della chiamata, un gruppo di voci ha incoraggiato Pettitte ad agire contro il Michigan in una chiamata descritta come intensa ed emotiva.

“Collettivamente, gli allenatori vogliono che i Big Ten agiscano – ora”, ha detto una fonte vicina alla chiamata. “Cosa stiamo aspettando? Sappiamo cosa è successo.”

La NCAA ha indagato sul Michigan per quasi due settimane, con i Big Ten che hanno confermato le indagini della NCAA sul furto di segnali il 19 ottobre. Da allora, ESPN ha riferito che il dipendente del Michigan Connor Stallions è emerso come punto focale nelle indagini e ha acquistato i biglietti. per partite di 12 dei 13 Big Ten avversari negli ultimi tre anni.

Complessivamente, gli Stallions hanno acquistato i biglietti per più di 35 partite in almeno 17 stadi negli ultimi tre anni, ha riferito ESPN. Il Michigan ha sospeso gli Stallions lo stesso giorno in cui ESPN ha riferito che era al centro delle indagini. L’ex allenatore della Divisione III ha anche detto a ESPN di essere stato pagato dagli Stallions per i videogiochi in diverse scuole Big Ten.

Gli allenatori dei Big Ten hanno spiegato a Petitti, assunto ad aprile, quanto netto sia stato il vantaggio schematico che il Michigan ha ottenuto negli ultimi tre anni ottenendo presumibilmente illegalmente segnali di opposizione in anticipo.

Si presumeva che gli allenatori avessero usato parole come “contaminato”, “fraudolento” e “senza precedenti” nella chiamata per descrivere il programma di furto di segnali del Michigan. Secondo le fonti, la maggior parte delle chiamate riguardavano gli allenatori che spiegavano a Pettitti come lavora e come ciò influisce su di loro e sui loro programmi. Le regole NCAA non consentono di osservare di persona un avversario e di utilizzare apparecchiature elettroniche per rubare segnali.

Nei tre anni in cui gli Stallions lasciarono una traccia cartacea per acquistare i biglietti per le partite degli avversari del Michigan, i Wolverines andarono 33-3 in totale e 22-1 nelle Big Ten. Nei tre anni precedenti erano stati 21-11 in totale e 16-8 in campionato.

Un’altra fonte ha detto: “La gente non capisce la gravità della questione”. “Come ciò abbia davvero influenzato il piano di gioco. Per sapere se è stata la corsa o il passaggio, la gente non capisce quanto vantaggio avesse il Michigan”.

C’era rabbia durante la chiamata, con una fonte che descriveva il sentimento come: “Ogni gioco a cui hanno giocato è contaminato”.

Gli allenatori hanno riconosciuto il fatto durante la chiamata che la tempistica di implementazione della NCAA non avrà alcun impatto sul Michigan in questa stagione, poiché i Wolverines sono 8-0 e n. 3 nel seeding preliminare dei College Football Playoff. Questo è uno dei motivi per cui gli allenatori dei Big Ten chiamano in azione i Big Ten.

Le fonti descrivono Petitti che ascolta con attenzione gli allenatori, ma non muove la mano sulla direzione in cui potrebbe andare. Le fonti hanno espresso curiosità sul fatto che i Big Ten fossero veramente interessati ad agire o semplicemente ad ascoltare gli allenatori in modo che potessero essere ascoltati.

I Big Ten hanno tecnicamente l’autorità, in base alla sua politica di sportività, di punire il Michigan o i membri dello staff tecnico.

Ciò è considerato improbabile in questo caso nel prossimo futuro, poiché è insolito che un caso NCAA si svolga in tempo reale. Sebbene nei resoconti dei media siano emerse molte prove, la lega probabilmente non sarà in grado di utilizzarle come fatti specifici per prendere una decisione.

La lega potrebbe anche avviare una propria indagine su potenziali violazioni della politica di sportività dei Big Ten. Sebbene Petitti abbia il potere di dettare la disciplina, se una questione supera lo standard, deve essere esaminata da un comitato esecutivo che può approvare, respingere o ridurre tale disciplina.

I funzionari della Lega non hanno risposto a una richiesta di commento mercoledì sera.

Un’altra fonte ha detto: “Non credo che i Big Ten abbiano capito quanto fossero sconvolti tutti”. “Il nocciolo dell’appello era chiedere ai Big Ten di mostrare leadership: la conferenza e i presidenti. Una violazione senza precedenti delle regole richiederebbe un’azione senza precedenti da parte dei Big Ten”.

READ  Ranger Suarez e Kyle Schwarber guidano i Phillies alla vittoria sui Cardinals - NBC Sports Philadelphia