Giugno 13, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Esclusivo: funzionari Usa valutano possibili “manipolazioni” di azioni bancarie.

Esclusivo: funzionari Usa valutano possibili “manipolazioni” di azioni bancarie.

4 maggio (Reuters) – Funzionari federali e statali degli Stati Uniti stanno valutando se la “manipolazione del mercato” abbia causato la recente volatilità dei titoli bancari, ha detto giovedì una fonte a conoscenza della questione, mentre la Casa Bianca ha promesso di monitorare “sane pressioni di vendita allo scoperto”. . banche.”

I titoli delle banche regionali hanno ripreso il loro declino questa settimana dopo il crollo della First Republic Bank, la terza banca statunitense di medie dimensioni a fallire in due mesi. I venditori allo scoperto hanno incassato 378,9 milioni di dollari di profitti cartacei solo giovedì dalle scommesse contro alcune banche regionali, secondo la società di analisi Ortex.

La fonte, che non è stata autorizzata a parlare pubblicamente, ha affermato che negli ultimi giorni l’aumento dell’attività di vendita allo scoperto e la volatilità delle azioni hanno portato a un maggiore controllo da parte dei funzionari federali e statali e delle autorità di regolamentazione, dati i forti fondamentali del settore e gli adeguati livelli di capitale.

“Le autorità di regolamentazione e i funzionari statali e federali sono sempre più preoccupati per il potenziale di manipolazione del mercato in relazione ai titoli bancari”, ha affermato la fonte.

L’addetta stampa della Casa Bianca, Karen Jean-Pierre, ha affermato che l’amministrazione Biden sta osservando attentamente la situazione, ma qualsiasi potenziale azione sarebbe stata intrapresa dalla SEC.

“L’amministrazione monitorerà da vicino gli sviluppi del mercato, comprese le pressioni allo scoperto su banche sane”, ha dichiarato Jean-Pierre in un briefing alla Casa Bianca.

Giovedì l’American Bankers Association ha invitato la Securities and Exchange Commission a indagare su significative vendite allo scoperto di azioni bancarie e interazioni sui social media che, a suo dire, sembravano “scollegate dalle realtà finanziarie di base”.

READ  Dai un'occhiata alla nuova concept car BMW che cambia colore, la i Vision Dee

“Esortiamo la Securities and Exchange Commission a prendere in considerazione tutti i suoi strumenti esistenti e ad adottare misure per ridurre le possibilità di pratiche commerciali abusive e ripristinare la fiducia degli investitori”, ha affermato il gruppo.

Il presidente della SEC Gary Gensler ha dichiarato giovedì che l’agenzia perseguirà qualsiasi forma di cattiva condotta che possa minacciare gli investitori oi mercati.

“Come ho detto, in tempi di maggiore volatilità e incertezza, la SEC è particolarmente concentrata sull’identificazione e il perseguimento di qualsiasi forma di cattiva condotta che potrebbe minacciare gli investitori, la formazione di capitale o i mercati più in generale”, ha affermato in una dichiarazione scritta.

Il presidente e amministratore delegato della Consumer Bankers Association, Lindsey Johnson, ha sottolineato che il settore bancario rimane forte e ha esortato i responsabili politici a denunciare “comportamenti non etici da parte degli investitori attivisti” che sfruttano la volatilità del mercato.

“Questa volatilità è alimentata dall’emozione e dalla disinformazione, che non riflette i forti fondamentali delle nostre banche”, ha affermato Johnson in una nota.

“Queste istituzioni rimangono resilienti e ben capitalizzate, e gli americani possono essere certi che i loro depositi sono al sicuro”.

L’indice bancario S&P 600 (.SPSMCBKS) è sceso di oltre il 3% giovedì. Le azioni di PacWest Bancorp (PACW.O) sono scese di oltre il 50% dopo aver confermato che stava esplorando opzioni strategiche.

Western Alliance Bancorp (WAL.N) ha negato un rapporto del Financial Times secondo cui stava esplorando una potenziale vendita e ha affermato che stava esplorando opzioni legali. Le sue azioni sono diminuite di oltre il 38%, con la negoziazione del titolo interrotta più volte.

La fonte ha affermato che le fluttuazioni del prezzo delle azioni non riflettono il fatto che molte banche regionali hanno sovraperformato gli utili del primo trimestre e hanno avuto solidi fondamentali, inclusi depositi stabili, capitale adeguato e bassi depositi non garantiti.

READ  L'inflazione in Cina rende difficile per la People's Bank of China (PBOC) tagliare i tassi di interesse la Federal Reserve statunitense

La fonte non ha fornito dettagli su casi specifici che erano giunti all’attenzione delle autorità di regolamentazione federali o statali.

Il Dipartimento per la protezione finanziaria e l’innovazione della California ha affermato di non poter confermare le indagini o se fosse a conoscenza di una specifica attività di mercato. Ma ha detto che si è concentrato su “identificare, fermare e affrontare qualsiasi pratica illegale nei nostri mercati” che viola la legge statale.

La vendita allo scoperto, in cui gli investitori vendono titoli presi in prestito con l’intenzione di riacquistarli a un prezzo inferiore per intascare la differenza, non è illegale ed è considerata parte di un mercato sano. Ma la manipolazione del prezzo delle azioni, che la SEC definisce come “condotta volontaria o intenzionale progettata per ingannare o frodare gli investitori controllando o influenzando artificialmente i” prezzi delle azioni “, è illegale”.

L’attività di vendita allo scoperto ha spinto a chiedere un divieto temporaneo, ma un funzionario della SEC ha dichiarato mercoledì che l’agenzia “al momento non sta prendendo in considerazione” una tale mossa.

La SEC ha avvertito per la prima volta gli investitori a marzo, durante un periodo di elevata volatilità del mercato a causa del crollo della Silicon Valley e della Signature Bank, che stava osservando attentamente la stabilità del mercato e avrebbe perseguito qualsiasi forma di cattiva condotta.

A cura di Kieran Murray e Chizu Nomiyama

I nostri standard: Principi di fiducia di Thomson Reuters.