Febbraio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Ecco come provare il nuovo editor di foto AI di Apple

Ecco come provare il nuovo editor di foto AI di Apple

C'è un nuovo editor di foto di Apple, se sai dove cercarlo. iPhone Kings ha collaborato con i ricercatori dell'Università della California, a Santa Barbara, per creare uno strumento che ti consenta di modificare foto e immagini utilizzando istruzioni di testo. Non esiste una versione ufficiale, ma i ricercatori stanno ospitando una demo che puoi provare tu stesso, che è stata avvistata per la prima volta Tecnologia estrema.

Il progetto si chiama Multimodal Large Language Model Guided Image Editing (MGIE). Oggi sul mercato sono disponibili molti software di fotoritocco AI. Photoshop ora è dotato di strumenti AI integrati e altri come DALL-E di OpenAI ti consentono di modificare le immagini e di crearle da zero. Tuttavia, se hai già provato a usarli, sai che può essere un po' frustrante. In molti casi, l’intelligenza artificiale ha difficoltà a capire esattamente cosa stai cercando.

L'innovazione di MGIE aggiunge un altro livello di interpretazione dell'IA. Quando dici all'IA cosa vuoi vedere, MGIE utilizza innanzitutto l'intelligenza artificiale basata su testo per rendere le tue istruzioni più chiare e descrittive. “I risultati sperimentali mostrano che le istruzioni espressive sono essenziali per l'editing delle immagini basato sulle istruzioni”, hanno affermato i ricercatori in un articolo. carta Pubblicato su arXiv. “MGIE può portare a miglioramenti significativi.”

Apple ha pubblicato una versione open source del software su github. Se sei intelligente, puoi procurarti una copia di MGIE da solo, ma i ricercatori hanno impostato lo strumento su… Abbraccio al viso. Funziona un po' lentamente quando ci sono molte persone che lo usano, ma è un'esperienza divertente.

READ  Casuale: Grande Scott! Queste ricompense di Splatoon 3 suonano sicuramente familiari

I giganti della tecnologia come Apple stanno spendendo miliardi di dollari in progetti che nessuno vedrà mai, quindi è del tutto possibile che il cosiddetto strumento MGIE non otterrà mai un rilascio ufficiale. Apple non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

L'abbiamo fatto un giro qui nell'ufficio di Gizmodo. Ho caricato una foto del mio collega e consigliere più vicino Kyle Barr che indossa strani occhiali da sole che ho scattato su Netflix in… Consumer Electronics Show di quest'anno. Ho detto ad Amnesty International: “L’uomo è nel deserto”. Prima di creare l'immagine, MGIE estrapola quanto segue:

“L'uomo indossa un elmetto di metallo e si trova in un ambiente desertico. L'ambiente circostante è brullo e arido, con dune di sabbia che si estendono a perdita d'occhio.”

Dopo aver giocato con lo strumento per molto più tempo di quanto avrebbe dovuto, è chiaro che è soggetto a molte delle stesse limitazioni di qualsiasi altro generatore di immagini AI. Spesso i risultati sono strani e non assomigliano a quello che hai ordinato. Ma in alcuni casi ha fatto un lavoro impressionante e, a difesa del software, l'intelligenza artificiale ha funzionato meglio con argomenti familiari. “Familiari” non è qualcosa che chiameresti gli occhiali da sole di Kyle.