Giugno 13, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

È morto all’età di 53 anni Morgan Spurlock, regista del documentario Super Size Me

È morto all’età di 53 anni Morgan Spurlock, regista del documentario Super Size Me



CNN

Morgan Spurlock, il regista ed ex conduttore della serie della CNN il cui documentario di McDonald’s “Super Size Me” è stato nominato all’Oscar, è morto giovedì per complicazioni di cancro, secondo la sua famiglia.

Spurlock, che aveva 53 anni, è morto a New York circondato dalla sua famiglia e dai suoi amici, ha detto il fratello di Spurlock in una nota.

“È stato un giorno triste quando abbiamo salutato mio fratello Morgan”, ha detto Craig Spurlock. “Morgan ha dato così tanto attraverso la sua arte, le sue idee e la sua generosità. Il mondo ha perso un vero genio creativo e un uomo speciale. Sono così orgoglioso di lavorare con lui”.

La carriera da regista di Spurlock è stata varia e imprevedibile. Era conosciuto soprattutto per la canzone “Super Size Me”, che ha scatenato una conversazione nazionale – e non mancano polemiche – sul rapporto dell’America con il fast food. Il film includeva la sua esperienza nel consumare solo cibo da McDonald’s per 30 giorni e nel chiedergli di “aumentare” il suo ordine di cibo se gli veniva chiesto di farlo in una transazione di vendita.

Ma ha anche realizzato un mockumentary sulla ricerca di Osama bin Laden, ha diretto un film-concerto degli One Direction e ha persino prodotto un film su Homer Simpson e il baseball.
Per diversi anni, Spurlock è stato conduttore della popolare serie originale della CNN, “Morgan Spurlock Inside Man”.

Nato a Parkersburg, West Virginia, il futuro regista è cresciuto a Beckley, dove si è diplomato alla Woodrow Wilson High School. oro Laurearsi alla New York University nel 1993.

READ  Snoop Dogg dice che questo cantante è "surclassato dai gangster"

Spurlock è stato il fondatore dello studio di produzione Warrior Poets con sede a New York e il suo primo film, Super Size Me, è stato presentato in anteprima al Sundance Film Festival del 2004, dove ha vinto il premio come miglior regista.

Il film ha vinto il premio inaugurale per la migliore sceneggiatura di un documentario dalla Writers Guild of America e ha ricevuto anche una nomination all’Oscar per il miglior film documentario.

In questo documentario, la volontà di Spurlock di utilizzare se stesso per sperimentare gli effetti del consumo di fast food a colazione, pranzo e cena ha entusiasmato il pubblico. Ha guadagnato 25 libbre e ha documentato i suoi effetti negativi sul suo corpo.

Il suo film “Super Size Me 2: Holy Chicken” è uscito nel 2019.

Incoraggiato dal successo del suo primo progetto, Spurlock si è dedicato ad altri documentari, tra cui Where in the World Is Osama Bin Laden? e “I grandi regali di Bum: il più grande film mai venduto” del 2011. Ha anche creato la serie reality “30 Days” nel 2005 e ha aiutato Hulu a tuffarsi nella programmazione originale con la prima serie della piattaforma, “A Day in the Life”.

Nel 2017, con l’accelerazione del movimento #MeToo, Spurlock Ha ammesso di aver commesso abusi sessuali in passato in una dichiarazione pubblicata sui social media.

“Mi sono reso conto, mesi dopo queste rivelazioni, che non sono solo uno spettatore innocente, ma sono anche parte del problema”, scrisse all’epoca, riferendosi alla recente ondata di accuse di cattiva condotta sessuale contro uomini importanti.

Si è dimesso dalla carica di amministratore delegato della sua società di produzione.

READ  Stevie Nicks esegue un duetto a sorpresa con Billy Joel, onora Christine McPhee alla prima data del tour "Two Icons, One Night"

Spurlock è stato anche uno scrittore e produttore prolifico. Alcuni dei suoi altri lavori includono “The Mice”, “The Seven Deadly Sins” e “No Man’s Land”.

Correzione: un titolo precedente di questa storia riportava erroneamente la storia degli Oscar di Spurlock. “Super Size Me” è stato nominato per un premio ma non ha vinto.